efficienza energetica

ESCo, Energy Service Company: cosa sono e a cosa servono

399 0

Le Esco sono organizzazioni che aiutano gli amministratori di edifici pubblici/privati o di aziende a realizzare l’efficienza energetica nei locali che amministrano. In questo articolo facciamo luce sul significato e sulle caratteristiche delle ESCo, esaminando quali sono gli obiettivi ed i tipi di contratto caratteristici di queste organizzazioni.

Articolo tratta dal volume di EPC Editore “L’esperto in gestione dell’energia: linee guida per realizzare l’efficienza energetica”, di Natale Ventura

ESCo: cosa sono

Le ESCo, Energy Service Company, sono organizzazioni che aiutano le aziende a realizzare l’efficienza energetica. Si tratta di società di servizi energetici specializzate in interventi di efficienza, che sollevano il cliente sia dalla necessità di reperire risorse finanziarie, sia dal rischio tecnologico.

Le Energy Service Companies italiane lavorano in sinergia con l’ENEA, la quale trasferisce loro know-how e certifica l’efficacia dei loro interventi.

ESCo: significato

La definizione di ESCo data dal D.Lgs. 115/2008 art. 2, comma 1, lettera i) recita: “Persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici ovvero altre misure di miglioramento dell’efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell’utente e, ciò facendo, accetta un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell’efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti”.

Come guadagnano le ESCo?

Il guadagno delle ESCo è proporzionale al margine di efficienza che riescono a produrre, per cui è loro primario interesse massimizzarlo.

ESCo: requisiti e norma UNI CEI 11352

Gli elementi che deve avere una ESCo sono contenuti nella norma UNI CEI 11352. La norma descrive i requisiti generali e le capacità (organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale, economica e finanziaria) che una Energy Service Company deve possedere per poter offrire i servizi di efficienza energetica presso i propri clienti.

In particolare, essa contiene:

  • requisiti generali delle società che offrono servizi di miglioramento dell’efficienza energetica;
  • descrizione dei servizi di miglioramento dell’efficienza energetica offerti dalle Energy Service Company;
  • contenuti minimi dell’offerta di servizi di efficienza energetica;
  • linee guida per la verifica da parte degli organi di controllo.

Qual è l’obiettivo delle ESCo?

Riassumendo, possiamo dire che le peculiarità delle Energy Service Company sono le seguenti:

1) Obiettivo: ottenere risparmio attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica;
2) Investimenti: sostenuti dalle ESCo;
3) Guadagno ESCo: proporzionale al risparmio energetico realizzato;
4) Responsabilità: ESCo unico responsabile verso l’utente finale;
5) Rischi: a carico della ESCo.

Per la realizzazione degli obiettivi di risparmio energetico la ESCo progetta degli interventi. Tuttavia, anche la committenza è invitata ad essere parte attiva nel perseguire tali obiettivi. In altre parole, il cliente è chiamato ad osservare determinate norme di comportamento al fine di raggiungere i risultati stabiliti contrattualmente. Tutto ciò può essere riassunto col principio base “do ut facias” ovvero “io do affinché tu faccia”.

ESCo e Pubbliche Amministrazioni

Per i Comuni con un numero di abitanti > 50.000, la Legge 10/1991 prescrive l’obbligo di dotarsi di uno strumento di pianificazione energetica per uso di fonti rinnovabili e l’uso razionale dell’energia. Un Comune potrebbe quindi rivolgersi ad una ESCo per:

  • la redazione del piano energetico comunale;
  • la progettazione, realizzazione e finanziamento di infrastrutture pubbliche energeticamente efficienti.

Se una PP.AA. intende avvalersi di tali servizi deve indire una gara ad evidenza pubblica per la scelta della ESCo cui affidare l’operazione.

Tipi di contratto ESCo Beneficiario

Si possono distinguere due forme basilari di contrattualistica tra una ESCo ed un beneficiario:

Energy Supply Contract (detto anche CSE = Contratto Servizio Energia);
Energy Performance Contract (EPC) (detto anche contratto di rendimento energetico o prestazione energetica).

La differenza sostanziale è che l’Energy Supply Contract è un servizio di O&M (Operation Maintenance) degli impianti in cambio di un canone fisso mentre l’EPC, oltre al servizio di O&M, comprende anche (e soprattutto) la riqualificazione energetica del sistema edificio impianto e la remunerazione deriva dai risparmi energetici conseguiti a seguito di dette riqualificazioni.

Consulta anche i seguenti articoli

Sull’argomento puoi consultare anche i seguenti articoli pubblicati sul portale InSic

Esperto in Gestione dell’Energia: requisiti, certificazione e differenze con l’Energy manager
Decreto ENERGIA 2023 in Gazzetta: le misure per la sicurezza energetica e le fonti rinnovabili (DL 181/2023)
Sistemi di gestione dell’energia. Le principali novità introdotte dalla ISO 50001:2018

Per saperne di più consulta i volumi di EPC Editore:

Aggiornati con i corsi dell’istituto INFORMA

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore