fbpx

Come valutare i rischi ergonomici dello smart working? il Questionario SWQ

530 0

Sulla rivista Ambiente&Sicurezza sul lavoro di febbraio, Carlo Bisio e Paolo Santucci illustrano un protocollo da loro realizzato per la valutazione dei rischi ergonomici derivanti dalla condizione di smart-working, che si avvale di dati raccolte tramite un questionario. Uno studio su218 soggetti ha consentito di affinare lo strumento.

L’adozione dello Smart working nel periodo pandemico

La pandemia da Covid-19 ha indotto le organizzazioni ad integrare, oppure ad aggiornare, il Documento di valutazione dei rischi con particolare riguardo alla prevenzione del rischio di contagio da Covid tra i propri lavoratori nei luoghi e in occasione di lavoro. Tra le misure intraprese una delle più rivoluzionarie si è rivelata l’adozione dello smart working, attività regolata dalla Legge sul ‘lavoro agile’, ma in realtà concretizzatasi come ‘remote working’ domestico, che nel periodo compreso fra il 10 marzo ed il 18 maggio 2020, cosiddetto ‘lockdown’ disposto da DPCM 9 marzo 2020, ha coinvolto ogni operatore la cui attività era compatibile con questa modalità di lavoro.

Quali rischi sono collegati allo Smart working sperimentato nel lockdown?

In questo periodo si è osservato un utilizzo del videoterminale in remoto in genere maggiore rispetto a quanto avveniva in ufficio, comprendendo anche attività come colloqui e riunioni che normalmente sarebbero state svolte senza la mediazione di un videoterminale; tale utilizzo più esteso accentua i rischi derivanti da sovraccarico visivo, posture o movimenti inadeguati, per di più all’interno di un ambiente non predisposto a questo scopo, soprattutto per la mancanza di arredi o di dispositivi ergonomici adeguati. Inoltre, si stanno presentando negli ultimi anni nuove problematiche oculovisive, dall’incremento delle miopie accomodative ai poco noti effetti della luce blu sul lungo termine, che attirano crescente attenzione nel mondo scientifico e richiedono per adesso cautela a tutti gli operatori del settore in considerazione dell’impiego crescente dei dispositivi elettronici, soprattutto nell’ambito del lavoro da remoto.

Da questi aspetti critici è nata l’idea di predisporre uno strumento di valutazione dei rischi correlati al remote working, allo scopo di individuare i rischi più significativi e consentire le misure preventive più idonee. Ciò è coerente con la ISO/PAS 45005 che indica (al punto 4.3.2) la necessità di assicurare che siano implementate misure per proteggere la salute fisica e mentale delle persone che durante la pandemia devono lavorare da casa.

Quali sono le Caratteristiche dello Smart Working Questionnaire (SWQ) ?

Il questionario SWQ è costituito dall’evoluzione di un modello proposto all’interno del Protocollo VRE-C (Bisio, Campanini, Santucci, 2020). Esso ha la finalità di supportare un processo di valutazione del rischio attraverso i seguenti obiettivi:

  1. Valutare i rischi ergonomici afferenti all’attività di smart working (con riferimento anche all’art. 174, D.Lgs.81/08 e s.m.i.) attraverso specifici indici.
  2. Stimare le possibili ricadute dei rischi specifici sulla salute degli operatori.
  3. Fornire dati per l’individuazione delle misure preventive/protettive.

Quali informazioni sono state raccolte?

Lo strumento raccoglie due tipi di informazioni:

  • Informazioni sul soggetto, di tipo anagrafico (genere, fascia di età) e sanitario (disagi correlabili, preesistenze, problematiche di genere, comparsa/accentuazione disturbi correlati, attività extraprofessionali, difficoltà e stress lavoro correlati), per un totale di 12 item
  • Informazioni sull’esposizione al rischio (tempi e modi del lavoro al videoterminale, aspetti organizzativi, posturali, ecc.) per un totale di 25 item.

Quali sono stati i risultati del Questionario e a cosa sono serviti?

I risultati del questionario nell’ambito di una valutazione dei rischi consentono di individuare e pesare le principali condizioni di rischio, e quindi di identificare modalità per attenuarle. La normativa inerente al lavoro agile non fornisce indicazioni sulla valutazione dei rischi specifici. Perciò il riferimento di Legge è costituito dal Titolo VII del D.Lgs.81/08 e s.m.i. che trova il suo ‘regolamento attuativo’ nell’Allegato XXXIV e nel (mai abolito) Decreto 2 ottobre 2000. Si tratta di indicazioni mirate a realizzare un corretto layout operativo stanziale, considerato che si tratta operativamente di ‘remote working’, anche con riferimento all’utilizzo di un computer portatile (laptop) già previsto dalla Normativa vigente (par.1, f) Allegato XXXIV D. Lgs.81/08 e s.m.i.).

I risultati completi dello studio sono consultabili sulla rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.2/2021, per gli abbonati online e su carta alla rivista.

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.
Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s’incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.
Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e gli abbonamenti su carta e/o digitale e compila il modulo di acquisto!

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore