Sovraccarico_biomeccanico

Sovraccarico biomeccanico: da INAIL le Schede dedicate alla valutazione del rischio

2657 0

INAIL pubblica il terzo volume delle “Schede di rischio sul sovraccarico biomeccanico degli arti superiori” (60 nuove schede) nella piccola industria, artigianato e agricoltura: si affianca alle schede contenute nei volumi del 2012 e 2014 per consolidare l’uniformità di approccio metodologico nella valutazione di questi rischi specifici a livello nazionale.

A differenza dei volumi precedenti nelle schede sono state inoltre inserite indicazioni tratte dalle norme e dalle pubblicazioni tecniche, che facilitano la valutazione di alcuni fattori di rischio e/o danno suggerimenti per una più adeguata valutazione del rischio

La monografia è frutto del lavoro congiunto di studio e analisi del fenomeno infortunistico, operato dal Gruppo di lavoro di 15 professionisti della Ctss (Consulenza tecnica salute e sicurezza) e di nove Direzioni regionali Inail e della Ctss Centrale. Si rivolge a datori di lavoro, dirigenti, preposti, responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, medici competenti e lavoratori.

Schede per il Sovraccarico biomeccanico arti superiori: cosa contengono e a quali aziende si applicano?

Le Schede di rischio sul sovraccarico biomeccanico sono relative a lavorazioni peculiari delle piccole e piccolissime imprese. Oltre alla valutazione mediante check list OCRA dei compiti e degli scenari lavorativi, riportano anche alcuni possibili interventi di prevenzione e protezione, di semplice attuazione, e le indicazioni tratte dalle norme e pubblicazioni tecniche aggiornate, per facilitare la valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico, mediante suggerimenti e chiarimenti.

Spiega INAIL che i risultati valutativi stimati sono riferibili alle specifiche caratteristiche (layout, macchi[1]nari/attrezzature utilizzate, organizzazione del lavoro, ciclo di lavoro, ecc.) descritte per ciascun compito; pertanto, per un corretto utilizzo dei dati illustrati nelle schede, sarà necessario tener conto delle specificità di ogni singola realtà lavorativa.

Per rendere confrontabili le stime valutative ottenute ed al tempo stesso facilitarne l’utilizzo, si è preferito ipotizzare una adibizione giornaliera a ciascun compito, pari a 8 ore, con presenza di 2 pause da 10 minuti ciascuna, oltre alla pausa mensa comunque esterna all’orario di lavoro [Moltiplicatore per il recupero pari a 1,33].

Sovraccarico Biomeccanico: i metodi di valutazione del rischio INAIL

Il metodo valutativo applicato e raccontato nella Monografia è la check list OCRA che, oltre ad essere validato a livello internazionale (UNI ISO 11228-3: 2009; ISO/TR 12295:2014), ha il merito di considerare tutti i fattori correlabili al sovraccarico biomeccanico degli arti superiori evidenziati dalla letteratura di settore.

La check list OCRA Multitask Medio e la check list OCRA Multitask Complesso, utilizzate nelle Schede, sono metodologie che consentono la valutazione di compiti complessi, per illustrare l’analisi del rischio relativo a tutte le attività svolte nell’intero turno di lavoro.

Check list OCRA e riconoscimenti ISSA

Le 60 schede raccolte nascono dalla valutazione collegiale e intercalibrata del gruppo di lavoro, spiega Elena Guerrera, coordinatrice del progetto: una “buona pratica” che ha ottenuto il riconoscimento di merito al concorso buone pratiche per le eccellenze nell’amministrazione della sicurezza sociale (Issa Good practice) indetto dall’Issa (International social security association) nel maggio 2022 “e questo conferma la validità della metodologia che ci ha consentito di ottenere valutazioni del rischio il più oggettive possibili”.

Sovraccarico biomeccanico: i volumi 2012 e 2014

A differenza dei volumi precedenti nelle schede del Terzo volume sono state inoltre inserite indica zioni tratte dalle norme e dalle pubblicazioni tecniche, che facilitano la valutazione di alcuni fattori di rischio e/o danno suggerimenti per una più adeguata valutazione del rischio.

I due volumi “Schede di rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori nei comparti della piccola industria, dell’artigianato e dell’agricoltura”, pubblicati nel 2012 e nel 2014, valutano 160 differenti compiti lavorativi, presentati in altrettante schede e rappresentano, nelle intenzioni degli Autori, un supporto per coloro che operano nel campo della tutela della salute e sicurezza dei lavoratori ed in parti[1]colare sono responsabili o comunque coinvolti nei processi di analisi e gestione del rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori.

I due volumi possono essere consultati ed utilizzati inoltre ai fini della redazione della valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate di cui al Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012.

Le schede dei primi due volumi sono consultabili anche nell’applicativo Inail Sovraccarico biomeccanico arti superiori”.

Strumenti per la valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico

Per la valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico INAIL ha predisposto l’applicativo “Sovraccarico biomeccanico arti superiori”, pubblicato nei servizi online dell’Istituto all’indirizzo https://www.inail.it/app/sbas/#/, elaborato dal gruppo di lavoro “Realizzazione di un percorso di aggiornamento continuo sulla valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori”.

L’applicativo è strutturato in quattro sezioni che guidano verso l’individuazione dei fattori di rischio e le opportune misure di prevenzione per i vari compiti analizzati.

  1. Nella prima sezione, attraverso una check list completata da immagini e filmati esplicativi, viene generato un report per ogni singolo compito analizzato, che evidenzia i fattori di rischio presenti e suggerisce opportune azioni prevenzionali.
  2. Nella sezione “Esempi e soluzioni” sono riportate le 160 schede di rischio, tratte dai volumi già pubblicati, consultabili tramite menù a tendina digitando i codici ATECO di interesse o mediante parole chiave.
  3. Nelle ultime due sezioni sono infine riportati i riferimenti a leggi, norme tecniche specifiche, buone prassi e documentazione relative alla tematica

La valutazione del rischio da sovraccarico biomeccanico e sulla movimentazione manuale dei carichi

Movimentazione manuale dei carichi: la formazione di sicurezza sul lavoro per i lavoratori

Corso e-learning sulla movimentazione dei carichi, EPC Editore, ,

Corso e-learning sulla movimentazione dei carichi

Corso E-Learning

Il corso descrive il tema della sicurezza sul lavoro nell’ambito delle operazioni della movimentazione dei carichi.
Gli argomenti trattati nel primo modulo sono le operazioni di carico e scarico delle merci evidenziando quali sono i principali rischi, le cause più frequenti di infortunio e di malattia professionale, gli eventuali danni e conseguenze che un incidente può causare.

Movimentazione manuale dei carichi: l’informazione per i lavoratori

Abc movimentazione dei carichi, EPC Editore, ristampa aggiornata marzo 2022, Brocchi Stefano, Stanganini Siliano

Abc movimentazione dei carichi

Brocchi Stefano, Stanganini Siliano

Manualistica per i lavoratori

Edizione: ristampa aggiornata marzo 2022

Pagine: 32

Formato: 115×165 mm

Corso di formazione sulla movimentazione manuale dei carichi con <i>focus</i> sulla movimentazione dei pazienti, EPC Editore, giugno 2021, Nappi Francesco

Corso di formazione sulla movimentazione manuale dei carichi con focus sulla movimentazione dei pazienti

Nappi Francesco

E-book

€ 60,00 + iva 4%
(versione in PowerPoint)

Video e Poster per la sicurezza: l’informazione sul rischio da sovraccarico biomeccanico

Salvo & Protetta - I dolori della giovane vertebra, EPC Editore, maggio 2021,

Salvo & Protetta – I dolori della giovane vertebra

Video

€ 13,00 + IVA al 22%

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore