fbpx

MEWA: la protezione contro il calore e le fiamme

153 0

Mewa offre indumenti protettivi che possono essere indossati sotto i capi di abbigliamento alluminizzati. Sono specificamente studiati per essere utilizzati durante i processi di fusione e colata di un’ampia varietà di metalli, leghe e rocce, che vanno ben oltre i requisiti definiti dai paragrafi D ed E della norma ISO 11612. Gli indumenti vengono proposti a noleggio: si utilizzano senza doverli acquistare. Ogni collaboratrice e ogni collaboratore riceve i propri indumenti, in più dotazioni.  Il fornitore di servizi tessili si occupa del lavaggio, della manutenzione e del controllo finale.

MEWA presenta Textilsharing per l’abbigliamento protettivo in fonderia.

Quando si fondono i metalli o le rocce, le temperature di fusione possono raggiungere i 1500°C, a seconda del materiale. A tutto ciò si aggiunge un elevato livello di calore radiante, che può avere un impatto negativo sulla salute di chi lavora al forno di fusione. Si deve quindi evitare un’esposizione eccessiva e prolungata. I fonditori, così come le colleghe e i colleghi che lavorano nelle immediate vicinanze, devono essere adeguatamente protetti. Il tessuto con cui sono realizzati gli indumenti protettivi deve quindi soddisfare requisiti molto diversi a seconda dei tipi di metallo, lega o roccia che vengono lavorati. Inoltre, nel caso venga apportata anche una piccola modifica a una lega, ne possono derivare requisiti completamente nuovi da soddisfare.

“Non c’è dubbio che durante il processo di colata dei metalli si debbano indossare indumenti protettivi alluminizzati”, sottolinea Wolfgang Quednau, esperto di abbigliamento protettivo. “Ma si dovrebbero indossare al di sotto anche indumenti protettivi specifici, come viene stabilito, per esempio, dalla norma EN ISO 11612 ai paragrafi D ed E, che definiscono la protezione contro gli spruzzi di ferro e di alluminio fusi. Oltre alle proprietà specifiche del tessuto, occorre soprattutto considerare che lo sporco ne può ridurre drasticamente la funzione protettiva e che quindi un indumento ignifugo può diventare infiammabile”.

Protezione per la lavorazione del basalto fuso, del biossido di silicio fuso e della farina di cemento

Mewa offre indumenti che possono essere indossati come protezione aggiuntiva sotto gli indumenti alluminizzati o vicino a dove viene effettuata la colata.  Sono specificamente studiati per essere utilizzati durante i processi di fusione e colata di un’ampia varietà di metalli, leghe e rocce che vanno ben oltre i requisiti definiti dai paragrafi D ed E della norma ISO 11612.  “Così le fonderie hanno a disposizione non solo linee di abbigliamento speciali per la protezione contro gli spruzzi di alluminio, rame e ferro, stagno e piombo, ottone, oro e magnesio fusi: la gamma comprende infatti anche soluzioni per la protezione dal basalto e dal biossido di silicio fusi. A integrazione della nostra gamma proponiamo anche una linea specifica di abbigliamento protettivo per la produzione del cemento”, commenta Silvia Mertens, Responsabile Product Management di Mewa. “Questa gamma diversificata di linee protettive è certificata ed è conforme all’ attuale standard tecnologico. Offriamo anche consulenza, partendo dall’analisi dei rischi del cliente, per poterlo affiancare e garantirgli la scelta dell’abbigliamento più adatto al suo ambiente di lavoro.”

MEWA EXCLUSIVE® FERRO bietet Ihren Mitarbeitern optimalen Schutz bei allen Arbeiten im Randbereich einer Gießerei.

“Combiniamo la funzione protettiva con un buon livello di comfort e una buona funzionalità”, sottolinea Mertens. L’abbigliamento protettivo è disponibile con la formula del Textilsharing Mewa, concepita come un sistema circolare di servizi, basato sul riutilizzo sicuro e affidabile degli indumenti. Mewa si occupa del lavaggio, della manutenzione e del controllo dell’abbigliamento protettivo, seguendo processi certificati e garantendo in questo modo che le funzioni protettive si mantengano inalterate. Anche lo sporco più ostinato viene eliminato. Il servizio comprende inoltre le eventuali modifiche individuali necessarie.  Si effettuano riparazioni nel rispetto delle specifiche normative, utilizzando materiali originali. Il controllo di qualità finale garantisce il mantenimento della funzione protettiva degli indumenti.

Mewa offre abbigliamento protettivo che può essere indossato sotto gli indumenti alluminizzati o anche dagli operatori che non sono a immediato contatto con la colata.

Chi è Mewa?

Mewa fornisce un servizio completo di gestione dei tessili aziendali dal 1908 ed è quindi considerata pioniera del Textilsharing.  Oggi Mewa fornisce alle aziende di tutta Europa da 46 sedi: abbigliamento da lavoro e protettivo, panni per la pulizia, tappeti assorbiolio e zerbini e ne cura la gestione, la manutenzione, lo stoccaggio e la logistica. Inoltre, è possibile ordinare articoli sulla sicurezza sul lavoro. Circa 5.700 dipendenti lavorano per servire oltre 190.000 clienti dei settori industria, commercio, gastronomia e artigiani. Nel 2021 MEWA ha realizzato un fatturato di 770,4 milioni di euro e figura quindi tra i leader nel segmento della gestione dei tessili. L’azienda ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo impegno verso la sostenibilità, per il suo agire responsabile e per la gestione del marchio. Nel 2021 Mewa ha ottenuto da Confindustria in Italia il riconoscimento di “Best Performer dell’economia circolare” nella categoria Grandi Imprese di Servizi.

Ulteriori informazioni:

mewa.it

mewa.it/newsroom/tutti-i-video/

twitter.com/mewa_it

facebook.com/mewaItalia

instagram.com/mewatextilsharing

linkedin.com/company/mewa-textil-management