E-procurement

E-procurement: da ANAC e AGiD le regole tecniche per la certificazione delle piattaforme

1933 0

Ieri, 26 giugno in videoconferenza, l’ANAC, l’Agenzia per l’Italia Digitale e il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri hanno presentato agli stakeholder e ai soggetti interessati le Regole tecniche per le piattaforme di e-procurement e le prossime tappe della loro attuazione.

Il Documento è il frutto di un lungo lavoro di confronto sulla digitalizzazione degli appalti pubblici svolto da ANC attraverso una consultazione permanente del mercato, avviata da AgID già nell’aprile del 2022 aperta a tutti gli attori dell’ecosistema dell’e-procurement.

Cosa contiene il Documento che riporta le nuove regole valide per gli appalti pubblici? Cosa si intende per E-procurement e quale normativa è attualmente vigente?

Regole tecniche per le piattaforme di e-procurement: cosa contengono

Le Regole tecniche predisposte da ANAC contengono i requisiti tecnici e le modalità di certificazione delle piattaforme di approvvigionamento digitale, come previsto dall’art. 26 del nuovo Codice dei contratti (D.lgs. n. 36/2023).

Le nuove regole sono previste dal Piano Triennale per l’informatica nella PA, nel piano di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione.

Il Documento prodotto si basa sulla semplificazione e sull’innovazione dei processi, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza e la qualità dei servizi al cittadino e alle imprese.

Articolo 26 del D.Lgs. n.36/2023 
 
                          Regole tecniche. 
 
  1. I requisiti  tecnici  delle  piattaforme  di  approvvigionamento
digitale, nonché  la  conformità  di  dette  piattaforme  a  quanto
disposto dall'articolo 22,  comma  2,  sono  stabilite  dall'AGID  di
intesa con  l'ANAC  e  la  Presidenza  del  Consiglio  dei  ministri,
Dipartimento per la trasformazione digitale,  entro  sessanta  giorni
dalla data di entrata in vigore del codice. 
  2. Con il medesimo provvedimento di cui al comma 1  sono  stabilite
le   modalità   per   la   certificazione   delle   piattaforme   di
approvvigionamento digitale. 
  3.  La  certificazione  delle  piattaforme  di   approvvigionamento
digitale, rilasciata dall'AGID, consente l'integrazione con i servizi
della Banca dati nazionale dei  contratti  pubblici.  L'ANAC  cura  e
gestisce il registro delle piattaforme certificate. 
digital transofrmation

Cos’è l’E-procurement? acronimo e significato

Per E-procurement (electronic public procurement) è la digitalizzazione dei processi di approvvigionamento di beni e servizi delle pubbliche amministrazioni

A cosa serve la digitalizzazione degli appalti pubblici?

La digitalizzazione degli appalti pubblici contribuisce a snellire e accelerare le procedure di acquisto delle amministrazioni, ad allargare la partecipazione dei soggetti che operano nel mercato e a rendere il ciclo di vita degli appalti ancora più trasparente, rendendo semplici e puntuali i necessari controlli.

L’e-procurement rappresenta una fondamentale leva per la crescita dell’economia, per la modernizzazione ed una maggiore efficienza dei processi amministrativi, per il controllo e la riduzione della spesa pubblica.

Gli operatori del settore, a seguito della consultazione pubblica hanno rimarcato la capacità di produzione di soluzioni digitali per il procurement pubblico attraverso proposte e suggerimenti volti a definire regole tecniche coerenti con lo stato attuale di implementazione delle piattaforme di approvvigionamento e abilitanti, delineando inoltre le evoluzioni strategiche necessarie per la digitalizzazione del ciclo di vita dei contratti pubblici.

Digitalizzazione della PA: la normativa europea e nazionale

L’E-procurement è uno dei principali obiettivi delle politiche della Commissione Europea: si punta a digitalizzare l’intero processo di approvvigionamento delle pubbliche amministrazioni nelle due fasi di pre e post aggiudicazione, ovvero dalla pubblicazione dei bandi fino al pagamento (appalti elettronici end-to-end).

Con l’entrata in vigore del Decreto legislativo n. 50 si forniscono le disposizioni specifiche in merito al recepimento delle direttive europee e si introducono le azioni necessarie a regolamentare e standardizzare i processi e le procedure in ambito e-procurement.

Ai sensi dell’art. 58 comma 10 del DLgs. 50/2016, AgiD ha emanato Circolare n.3 del 6 dicembre 2016 recante “Regole tecniche aggiuntive per garantire il colloquio e la condivisione dei dati tra i sistemi telematici di acquisto e di negoziazione”.

Digitalizzazione_sicurezza
Digitalizzazione_sicurezza

Cosa prevede il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella PA

In Italia il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella PA – realizzato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze tramite Consip – affianca le amministrazioni nella gestione dei processi di acquisto, attraverso soluzioni innovative di e-procurement.

Attraverso il Programma le imprese offrono i propri beni e servizi e le amministrazioni effettuano i propri acquisti, utilizzando:

  • contratti per l’acquisto di beni, servizi e lavori immediatamente utilizzabili (Convenzioni, Accordi quadro)
  • strumenti di negoziazione per gestire in autonomia le proprie esigenze (Mepa, Sdapa, Gare in Asp)

Come funziona il portale Acquistinretepa

Il Programma ha il suo strumento operativo nel Portale www.acquistinretepa.it, attraverso il quale si svolgono tutte le attività di acquisto: dallo svolgimento delle gare all’abilitazione delle imprese, dalla pubblicazione dei cataloghi delle offerte agli acquisti delle PA attraverso ordini diretti o negoziazioni

Il Programma per la Razionalizzazione degli acquisti nella P.A prevede che la spesa pubblica per beni e servizi, che si stima pari a circa 87 miliardi di euro, dovrà essere gradualmente razionalizzata indirizzando  le 32.000 stazioni appaltanti verso l’utilizzo delle procedure di acquisto fornite dai soggetti aggregatori, che costituiscono un “sistema a rete” per il perseguimento dei piani di razionalizzazione della spesa pubblica e per la realizzazione di sinergie nell’utilizzo di strumenti informatici per l’acquisto di beni e servizi.

Il public e-procurement: i processi di aggiudicazione appalti

Nel public procurement si distinguono due ambiti con relativi processi:

  1. pre-aggiudicazione
  2. post-aggiudicazione.

Nel pre-aggiudicazione si ha la dematerializzazione e la regolamentazione delle gare di appalto pubblico attraverso l’effettuazione di gare telematiche. In attuazione delle direttive europee l’espletamento delle gare telematiche prevede l’obbligo delle comunicazioni elettroniche e specificatamente l’utilizzo di:

  • e-notification: pubblicazione elettronica dei bandi di gara
  • e-access: accesso elettronico ai documenti di gara
  • e-submission: presentazione elettronica delle offerte
  • ESPD: documento di gara unico europeo
  • e-Certis: il sistema informatico che consente di individuare i certificati e gli attestati più frequentemente richiesti nelle procedure d’appalto.

Codice dei Contratti pubblici: volumi e approfondimenti

InSic informa che EPC EDITORE ha pubblicato la nuova versione del Codice dei Contratti Pubblici alla luce dell’emanazione del nuovo Decreto Legislativo.

Il volume farà parte dei libri di EPC Editore su Appalti e Immobili

Il codice dei contratti pubblici, EPC Editore, aprile 2023 (VII ed.), Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Il codice dei contratti pubblici

Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo
Libro
Edizione: aprile 2023 (VII ed.)
Pagine: 592
Formato: 150×210 mm

D.Lgs. 31 marzo 2023 n. 36 completo di allegati
Completo di un puntuale indice analitico
Aggiornamenti SCARICABILI ON LINE

Contiene il nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 36/2023), dopo che le ipotesi correlate al PNRR e la Legge delega n. 78/2022 ne avevano previsto la formazione e la successiva emanazione entro il 1° aprile 2023

Corsi di formazione in materia di Appalti, DUVRI e sicurezza

All’interno dei corsi organizzati da Istituto Informa per i professionisti della sicurezza e degli appalti, segnaliamo i seguenti Corsi di formazione e E-learning

Formazione_aula

La gestione degli appalti in sicurezza – La corretta predisposizione del DUVRI
Esempi pratici con utilizzo di un SOFTWARE professionale per la predisposizione del DUVRI

Valido come Corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) – 12 Crediti Formativi (CFP) CNI

formazione videconferenza

Corso e-learning: La gestione della sicurezza negli appalti e la predisposizione del D.U.V.R.I. – durata 1 ora

Corso valido come aggiornamento per RSPP – ASPP-DDL Coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori – Dirigenti – Preposti Docenti – Formatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Accordo Conferenza Stato Regioni del 7 luglio 2016 (G.U. n. 193 del 19/08/2016)
INFORMA- Roma

Codice dei Contratti pubblici: volumi e approfondimenti

InSic informa che EPC EDITORE ha pubblicato la nuova versione del Codice dei Contratti Pubblici alla luce dell’emanazione del nuovo Decreto Legislativo.

Il volume farà parte dei libri di EPC Editore su Appalti e Immobili

Il codice dei contratti pubblici, EPC Editore, aprile 2023 (VII ed.), Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo

Il codice dei contratti pubblici

Cancrini Arturo, Capuzza Vittorio, Celata Gianluca, Simonetti Alfredo
Libro
Edizione: aprile 2023 (VII ed.)
Pagine: 592
Formato: 150×210 mm

D.Lgs. 31 marzo 2023 n. 36 completo di allegati
Completo di un puntuale indice analitico
Aggiornamenti SCARICABILI ON LINE

Contiene il nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 36/2023), dopo che le ipotesi correlate al PNRR e la Legge delega n. 78/2022 ne avevano previsto la formazione e la successiva emanazione entro il 1° aprile 2023

Corsi di formazione in materia di Appalti, DUVRI e sicurezza

All’interno dei corsi organizzati da Istituto Informa per i professionisti della sicurezza e degli appalti, segnaliamo i seguenti Corsi di formazione e E-learning

Formazione_aula

La gestione degli appalti in sicurezza – La corretta predisposizione del DUVRI
Esempi pratici con utilizzo di un SOFTWARE professionale per la predisposizione del DUVRI

Valido come Corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP e Coordinatori per la progettazione e l’esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) – 12 Crediti Formativi (CFP) CNI

formazione videconferenza

Corso e-learning: La gestione della sicurezza negli appalti e la predisposizione del D.U.V.R.I. – durata 1 ora

Corso valido come aggiornamento per RSPP – ASPP-DDL Coordinatori per la progettazione e per l’esecuzione dei lavori – Dirigenti – Preposti Docenti – Formatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Accordo Conferenza Stato Regioni del 7 luglio 2016 (G.U. n. 193 del 19/08/2016)
INFORMA- Roma

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore