APPROFONDIMENTO
Su Ambiente & Sicurezza sul Lavoro 6/2015 si parla di...
fonte: 
Rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Su Ambiente & Sicurezza sul Lavoro 6/2015 si parla di... Il numero di Giugno della rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro affronta in apertura le criticità dell'attuale Sistema di Vigilanza sul lavoro, un tema tornato di attualità a seguito dell'approvazione preliminare, l'11 giugno scorso da parte del Governo, del decreto di riordino previsto dal Jobs Act.
Restiamo nel mondo del lavoro con un articolo sulle tutele per la salute degli operatori impiegati nei cosiddetti "lavori flessibili". Ci spostiamo nel settore formazione per scoprire le opportunità proposte dall'E-learning. A seguire un approfondimento tecnico sull'utilizzo di apparecchiature laser.
Ci spostiamo infine in tribunale per approfondire le problematiche di una ricostruzione in giudizio, di una dinamica di infortunio ai fini dell'accertamento delle responsabilità dei soggetti coinvolti.

Fra le rubriche spazio ancora alla giurisprudenza con il Caso del Mese, un focus sulle tecniche per combattere lo stress attraverso un'intervista a Sergio Iavicoli (Direttore Dip. Medicina-Epidemiologia_Igiene del Lavoro ed Ambientale INAIL)- E ancora la presentazione della Fiera A+A, in vista il prossimo ottobre ed uno sguardo all'Expo approfondendo con la Dott.ssa Susanna Cantoni (Direttore Dip. Prevenzione ASL Milano) le buone prassi per la sicurezza di spettacoli ed eventi.

Il Sommario completo del numero di giugno di Ambiente & Sicurezza sul Lavoro è disponibile in allegato alla notizia.
Di seguito, un abstract degli articoli di giugno 2015.
Per abbonarsi alla rivista, è disponibile il modulo da inviare via fax (06 33111043).

Vigilanza e prevenzione dal settore una richiesta di coerenza e uniformità
A cura di Francesca Mariani
Intervistiamo il Prof. Fulvio D'Orsi, (Direttore Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL RM C), che da anni si occupa di vigilanza per analizzare lo scenario di grande complessità e disomogeneità territoriale che caratterizza oggi la vigilanza nei luoghi di lavoro nel nostro Paese.
Una riflessione a 360° sul settore: dalle origini del problema, alla possibile composizione dell'agenzia unica per le ispezioni; dall'effettiva funzione del controllo nel garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro, alle aspettative per il futuro.

Responsabilità penali: il ruolo delle competenze tecniche nel giudizio
Di Roberto Petringa Nicolosi
Nei processi penali per lesioni colpose, derivanti dalla violazione di norme di sicurezza è di fondamentale importanza, per l'accertamento della sussistenza o meno della responsabilità dell'imputato, la ricostruzione della dinamica dell'incidente, senza alcuna incertezza, soprattutto sul piano tecnico. Nell'articolo affrontiamo il caso del legale rappresentante di una media azienda, che veniva tratto a giudizio per il reato di lesioni colpose, con violazione della normativa di sicurezza, per avere messo a disposizione del lavoratore infortunato un'attrezzatura di lavoro non conforme ai requisiti di sicurezza.

Radiazioni ottiche, una guida per l'uso di apparecchi laser
di Francesco Paolo Nigri
L'articolo illustra le misure per il controllo dei rischi derivanti dalle radiazioni ottiche artificiali (ROA) che si basano sulla classificazione dei laser in base al LEA (Limite di Emissione Accessibile) e può essere di ausilio ai Tecnici della Sicurezza Laser (TSL) incaricati dai datori di lavoro. Inoltre, indica le principali misure di sicurezza per apparecchi laser elaborate dal Comitato CT-76 del CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), in accordo con le norme armonizzate emanate dal CENELEC.

Lavori flessibili, quali tutele per la salute degli operatori?
di Agostino Messineo
Rapporti di lavoro "non standard" - che spesso si contraddistinguono per discontinuità, breve durata, impiego di operatori di lingua e tradizioni diverse - provocano una serie di difficoltà nell'applicazione della normativa di sicurezza.
Le propose governative, preso atto di tale situazione, puntano oggi ad una chiara e netta inversione e semplificazione del sistema, dal momento che si vorrebbero ridurre tutte le attuali forme di contratto (una quarantina) a solo alcune di esse per di più centrando tutto sul "contratto a tutele crescenti", che sostituirà forme di lavoro "diverse". Residueranno probabilmente l'apprendistato e alcune tipologie a termine che potrebbero incidere sulla riduzione della disoccupazione.
Prima di trattare della salute, cercheremo di descrivere la situazione occupazionale come rilevata dall'indagine dell'ISFOL per meglio comprendere la complessità della situazione sociale.

E-learning: il futuro della formazione
A cura di Francesca Mariani
Nel mondo della formazione si stanno facendo strada nuove metodologie interattive che puntano tutto sulle emozioni per "catturare" gli utenti finali e facilitare l'apprendimento. Ecco quindi spot training, simulazioni in 3D, video e cartoon: soluzioni che possono rappresentare un'alternativa o un modo di integrare lo scenario dell'aula tradizionale. Le responsabili della formazione e-learning e dei progetti di comunicazione dell'Istituto Informa, Fabrizia De Matteis e Marzia Sabetta fanno il punto sulla propria esperienza, dopo un anno che ha segnato un netto incremento to di richieste di prodotti formativi freschi e in continuo aggiornamento.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.insic.it 
oppure scrivi a amsl@epcperiodici.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: