fbpx

Rimozione rifiuti e responsabilità pubbliche: vale il principio del “buon esempio”

379 0

Torniamo a parlare di smaltimento di rifiuti e obblighi delle autorità pubbliche in una causa che vede contrapposti un comune che richiama un ente pubblico (Regione) e RFI a rimuovere e smaltire rifiuti abbandonati da ignoti presso un cantiere dell’alta velocità.

Il Consiglio di Stato, chiamato a pronunciarsi (nella sentenza della Sez. V, n. 3015 del 13 aprile 2021)

  • richiama il principio del “buon esempio” in materia di gestione dei rifiuti da parte, in primis, delle pubbliche autorità
  • afferma, che queste possono concretamente esigere ed ottenere il rispetto della legalità, solo quando esse stesse ne danno l’esempio, applicando le leggi quando ne sono destinatarie e imponendo la loro applicazione, quando agiscano nell’esercizio dei loro doveri istituzionali.

Il commento è a cura di S.Casarrubia , Avvocato,Studio legale Casarrubia ed è tratto dalla rubrica RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA , su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.6/2021.

Obbligo di rimozione e smaltimento dei rifiuti: legittima un’ordinanza contro un ente pubblico?

Il sindaco di un comune campano emetteva un’ordinanza per intimare alla Regione e a R.F.I. di provvedere alla rimozione e allo smaltimento dei rifiuti abbandonati da ignoti presso un cantiere dell’alta velocità. Pronunciatosi il T.A.R. nel senso dell’annullamento dell’ordinanza sindacale in esame, la questione veniva rimessa al vaglio del Consiglio di Stato.

Abbandono di rifiuti e responsabilità pubbliche

Il Collegio ritiene necessario precisare come la natura pubblica del soggetto destinatario dell’intimazione, in quanto proprietario o titolare di altro diritto di godimento sull’area, lungi dall’attenuare la portata degli obblighi di vigilanza, ne accentua al contrario l’incisività.

Tale qualifica si risolve anche nell’esercizio di compiti di presidio e buon governo del territorio (e ciò a maggior ragione quando si tratti di realtà locali caratterizzate dalla perduranza di situazioni emergenziali).

Rimozione rifiuti e diligenza degli enti pubblici

Pertanto, in caso di abbandono di rifiuti ad opera di terzi vi è una diversificazione del grado di diligenza richiesta a seconda che il possibile corresponsabile a titolo di colpa sia il privato proprietario, o titolare di altri diritti sul bene, oppure un soggetto pubblico, in virtù del principio di matrice comunitaria del “buon esempio”, nella prospettiva, pertanto, di un maggior aggravio per l’Amministrazione.

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.

Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s’incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.

Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e gli abbonamenti su carta e/o digitale e compila il modulo di acquisto!

La Rivista è disponibile per gli abbonati su PC e dispositivi mobili, in formato sfogliabile e PDF , con i singoli articoli dal 2004 ad oggi!

Aggiornati con Istituto Informa!

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
IN VIDEOCONFERENZA – Roma, 8 ottobre 2021
Le nuove modalità e la novità dell’assimilazione alla luce del “circular economy package”
7 Crediti Formativi (CFP) CNI

Dott. Stefano SASSONE
Esperto in materia di tutela dell’ambiente. Direttore Area Tecnica, Confindustria Cisambiente.

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore