Caricabatterie

Porta di ricarica unica in Europa: per quali dispositivi e quali vantaggi ambientali?

1365 0

Entro l’autunno 2024, la USB Type-C sarà l’unica porta di ricarica comune per tutti i telefoni cellulari, tablet e fotocamere nell’UE:  Accordo raggiunto tra Consiglio e Parlamento europeo sulla proposta di revisione della legislazione europea alla Direttiva europea sulle apparecchiature radio. dopo un decennio di richieste alla Commissione.

  • In base alla Proposta, la porta di ricarica e la tecnologia di ricarica rapida saranno armonizzate;
  • la Commissione ha inoltre proposto di disaccoppiare la vendita di caricabatterie dalla vendita di dispositivi elettronici per ridurre l’impronta ambientale associata alla produzione e allo smaltimento dei caricabatterie, supportando così le transizioni verde e digitale.

Quali dispositivi riguarda? Quali sono i vantaggi per i consumatori e quali sono i risvolti ambientali attesi?

Porta di ricarica unica in Europa: la decisione di Parlamento e Consiglio UE

Il 7 giugno scorso i negoziatori del Parlamento e del Consiglio hanno stabilito una proposta di modifica della direttiva UE sulle apparecchiature radio che prevede:

  • un unico caricabatterie per dispositivi elettronici portatili di piccole e medie dimensioni di uso frequente;
  • velocità di ricarica armonizzata per dispositivi che supportano la ricarica rapida;
  • possibilità per acquirenti di scegliere se acquistare un nuovo dispositivo con o senza dispositivo di ricarica;
  • la Commissione europea avrà il potere di emanare atti delegati di aggiornamento; sull’interoperabilità delle soluzioni di ricarica in base agli avanzamenti della tecnologia di ricarica wireless.

Quali sono gli obiettivi? rendere i prodotti nell’UE più sostenibili, ma anche ridurre i rifiuti elettronici e a semplificare la vita dei consumatori.

Alimentatori europei: quali novità in vista?

L’Accordo si accompagna ad un’iniziativa sulla progettazione ecocompatibile degli alimentatori esterni, in modo da armonizzare la presa e il protocollo di comunicazione per entrambe le estremità dei cavi di ricarica.

Il mandato negoziale del Consiglio, adottato il 26 gennaio 2022, introdurrebbe un pittogramma che indica la disaggregazione e un’etichetta che specifica le capacità di ricarica di un dispositivo. Il mandato negoziale adottato dal Parlamento europeo il 4 maggio 2022 propone inoltre di migliorare l’informazione dei consumatori attraverso una grafica disaggregata e un’etichetta sulle caratteristiche di carica di un dispositivo, nonché di estendere il campo di applicazione della direttiva a una gamma più ampia di dispositivi e di richiedere la Commissione ad armonizzare i caricatori senza fili entro il 2026.

Porta di Ricarica unica: per quali dispositivi?

I dispositivi che dal 2024 avranno un unico cavo di ricarica: si tratta di dispositivi elettronici portatili di piccole e medie dimensioni saranno i seguenti:

  • Telefoni cellulari;
  • tablet;
  • e-reader;
  • auricolari;
  • fotocamere digitali;
  • cuffie e auricolari;
  • console per videogiochi portatili e altoparlanti portatili ricaricabili tramite cavo cablato;
  • i laptop (da adeguare ai requisiti entro 40 mesi dall’entrata in vigore della modifica).

Quali garanzie per i consumatori e acquirenti?

I consumatori riceveranno informazioni chiare sulle caratteristiche di carica dei nuovi dispositivi, rendendo più facile per loro vedere se i loro caricatori esistenti sono compatibili. Gli acquirenti potranno anche scegliere se acquistare nuove apparecchiature elettroniche con o senza un dispositivo di ricarica.

Caricabatterie con ricarica unica: gli effetti ambientali

L’Accordo raggiunto dal Parlamento e Consiglio UE ha dei risvolti sociali e ambientali innegabili:

  • un maggiore riutilizzo dei caricabatterie che porterebbe i consumatori a risparmiare fino a 250 milioni di euro all’anno sugli acquisti di caricabatterie non necessari
  • una diminuzione del numero di caricatori smaltiti: l’UE stima che i caricatori smaltiti e non utilizzati rappresentino circa 11.000 tonnellate di rifiuti elettronici all’anno.
    Solo nel 2009 erano in uso 500 milioni di telefoni cellulari in tutti i paesi dell’UE con specifici caricatori per telefoni cellulari di 30 diversi tipi a seconda del produttore e del modello che, oltre a  creare disagi per i consumatori, hanno creato inutili sprechi elettronici.

“Oggi abbiamo reso il caricatore comune una realtà in Europa! I consumatori europei sono rimasti a lungo frustrati dal fatto che più caricabatterie si accumulavano con ogni nuovo dispositivo. Ora potranno utilizzare un unico caricatore per tutta la loro elettronica portatile. Siamo orgogliosi che laptop, e-reader, auricolari, tastiere, mouse per computer e dispositivi di navigazione portatili siano inclusi anche oltre a smartphone, tablet, fotocamere digitali, cuffie e auricolari, console per videogiochi portatili e altoparlanti portatili. Abbiamo anche aggiunto disposizioni sulla ricarica wireless che rappresenta la prossima evoluzione nella tecnologia di ricarica e una migliore informazione ed etichettatura per i consumatori”.

Il relatore del Parlamento Alex Agius Saliba (S&D, MT)

La direttiva sulle apparecchiature radio 2014/53/UE

La Direttiva 2014/53 stabilisce un quadro normativo per l’immissione sul mercato delle apparecchiature radio. Garantisce un mercato unico per le apparecchiature radio stabilendo requisiti essenziali per la sicurezza e la salute, la compatibilità elettromagnetica e l’uso efficiente dello spettro radio. Fornisce inoltre la base per un’ulteriore regolamentazione che disciplina alcuni aspetti aggiuntivi, tra i quali le caratteristiche tecniche per la tutela della privacy, dei dati personali e contro le frodi.

Inoltre, ulteriori aspetti riguardano l’interoperabilità, l’accesso ai servizi di emergenza e la conformità per quanto riguarda la combinazione di apparecchiature radio e software.

Gestione dei rifiuti: la formazione di Istituto Informa

In materia di Gestione dei rifiuti l’Istituto informa organizza il corso

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Le novità su RENTRI, il nuovo Formulario Trasporto Rifiuti ed il MUD 2022

8 Crediti Formativi (CFP) CNI

INFORMA- Roma

Per approfondire sulla gestione documentale dei rifiuti

EPC Editore ha pubblicato il volume:

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
Competenze, responsabilità, procedure, prescrizioni secondo la normativa vigente
S.Sassone

Al suo interno un panorama completo delle competenze, responsabilità, procedure, operazioni e altre prescrizioni che essi devono attuare sotto il profilo documentale, richiamando la normativa vigente e la documentazione di riferimento. Non manca un riferimento alla gestione dei rifiuti RAEE, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Per approfondire

European Parliament Multimedia Centre (europa.eu)

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore