Condizionatori_FGAS_Aria_qualità aria indoor

Come valutare la salubrità dell’aria indoor nei luoghi di lavoro?

1242 0

Nei luoghi di lavoro chiusi è necessario che i lavoratori dispongano di aria salubre in quantità sufficiente, ottenuta preferenzialmente con aperture naturali e, se ciò non è possibile, con impianti di aerazione che non devono causare fastidio ai lavoratori per eventuali correnti d’aria.

Ma cosa si intende per “aria salubre”, quali sono gli obblighi del datore di lavoro e come valutare la qualità dell’aria indoor nei luoghi di lavoro ai fini della stesura della valutazione del rischio nel DVR ed eventualmente migliorare il confort interno?

Perchè valutare la qualità dell’aria?

La valutazione della qualità dell’aria è importante ai fini dei potenziali impatti sulla produttività a causa del suo mancato controllo da parte del datore di lavoro.

Tale impatto, stima INAIL si realizza in un maggior numero di errori compiuti nello svolgimento di una determinata attività, sia sotto forma di una minor velocità, e di conseguenza un maggior tempo richiesto, nell’esecuzione del compito.

Cosa si intende per aria salubre nei luoghi di lavoro

Il concetto di “aria salubre” introduce una problematica tecnica di sempre maggior rilievo in questi ultimi anni, che viene inquadrata con il termine di “indoor air quality” e sottende la ricerca delle cause che determinano i disturbi lamentati dagli occupanti degli ambienti chiusi che complessivamente vanno sotto il nome di Sick Building Syndrome (Sindrome dell’edificio malato).

Negli Stati Uniti sono disponibili gli standard di qualità dell’aria dell’EPA – United States, Environmental Protection Agency che sono stati designati per la protezione della popolazione generale e quelli della ASHRAE – American Society of Heating, Refrigerating and Air Conditioning Engineers, che sono stati definiti proprio per gli ambienti confinati, ma per un numero limitato di sostanze.

Qualità dell’aria: cosa prevede il Testo Unico di Sicurezza (D.lgs.n.81/2008)

Il tema della qualità dell’aria viene affrontato al punto 1.9.1 dell’allegato IV “Luoghi di lavoro” del Testo Unico di Sicurezza (D.Lgs. n.81/2008): viene richiesta la conformità dell’ambiente lavorativo ad una serie di requisiti, tutti qualitativi.

In base al punto 1.9.1 dell’Allegato IV del d.lgs. 81/2008, il datore di  lavoro deve provvedere a rendere accettabile la qualità dell’aria dell’ambiente di  lavoro

L’allegato IV rappresenta l’elemento di dettaglio a supporto del più generale art. 63 (Requisiti  di salute e sicurezza). La qualità dell’aria va opportunamente valutata ed inserita all’interno del Documento di Valutazione dei Rischi per la salute e sicurezza (DVR), previsto dall’art. 28 del d.lgs. 81/2008.

Valutazione della qualità dell’aria: cosa valutare

La valutazione della qualità dell’aria negli ambienti di lavoro è resa complessa dalla simultanea presenza nell’aria di tali ambienti di molte sostanze di origine diversa, sia prodotte dal normale processo di respirazione antropica, sia emesse dai materiali ivi presenti, sia introdotte dall’esterno.

Nella valutazione della qualità dell’aria vanno indicati i seguenti elementi:

  1. data certa di esecuzione della valutazione, con eventuali misurazioni;
  2. dati identificativi del personale qualificato1 che ha provveduto alla valutazione;
  3. dati identificativi del RLS o, ove assente, dei lavoratori, consultati ai sensi  dell’art. 50, comma 1, e delle modalità della relativa consultazione e  informazione;
  4. dati identificativi della relazione tecnica allegata (es.: data, estremi del  protocollo, numero di pagine, ecc.), la quale deve contenere, almeno:
  5. tipologia di impianto (se presente), tempi e modalità di manutenzione;
  6. l’elenco dei punti di ingresso/uscita dell’aria nell’ambiente analizzato;
  7. il quadro di sintesi dei soggetti esposti;
  8. i risultati delle misure eseguite;
  9. la/le categorie assegnate ai diversi soggetti esposti;
  10. le pertinenti soglie di accettabilità;
  11. la valutazione del comfort dei soggetti esposti;
  12. E il programma delle misure tecniche e organizzative che si adotteranno per eliminare, o ridurre, l’eventuale discomfort individuato, con l’indicazione della

Qualità dell’aria: come valutare la qualità dell’aria

INAIL ha recentemente pubblicato il volume: “La valutazione della qualità dell’aria nei luoghi di lavoro”, un volume che affronta il tema della qualità dell’aria indoor (IAQ) nei luoghi di lavoro concentrandosi in particolare, sulla valutazione della qualità dell’aria.

Tale valutazione, spiega INAIL prevede un approccio basato sulla misura delle concentrazioni di diversi inquinanti che risulta più coerente con i metodi utilizzati per la valutazione degli altri aspetti del comfort (in cui rientra (microclima, rumore, luminosità ecc.), ma anche concettualmente più diretto e praticamente più semplice; per questo il Volume  si focalizza sugli aspetti metrologici e di valutazione.

Qualità dell’aria e microclima: il comfort del luogo di lavoro

I temi della qualità dell’aria si intrecciano con quelli del microclima su cui INAIL ha prodotto la monografia “La Valutazione del Microclima” (2018) indicata da INAIL come complementare e basata sul medesimo approccio valutativo.

Nella Guida INAIL si passano quindi in rassegna le normative tecniche e internazionali sulla qualità dell’aria, i concetti di comfort e discomfort, i metodi per la valutazione del comfort (cap.3).

La Linea guida analizza poi le sostanze di origine antropica (cap.4), quelle generate dai materiali edilizi/di arredo e dalle lavorazioni (cap.5) e gli inquinanti presenti nell’aria esterna (cap.6).

I riferimenti alla valutazione tecnica del confort passano per la normativa tecnica analizzata al capitolo 7, mentre al capitolo 8 si analizzano gli strumenti per il datore di lavoro nel miglioramento della qualità dell’aria, visto l’obbligo del datore di lavoro di provvedere a rendere accettabile la qualità dell’aria dell’ambiente di lavoro.

Come migliorare la qualità dell’aria?

In base al punto 1.9.1 dell’Allegato IV del d.lgs. 81/2008, il datore di lavoro deve provvedere a rendere accettabile la qualità dell’aria dell’ambiente di lavoro.

In che modo? INAIL indica tre strade:

  • minore immissione mediante interventi sulle sorgenti;
  • maggior diluizione mediante l’aumento della quantità di aria immessa;
  • miglioramento dell’efficienza di ventilazione

Il Volume INAIL riguarda solo gli li interventi di riduzione dell’immissione di inquinanti di origine indoor, sia di origine antropica (cap. 8.2) che di origine non antropica (cap 8.3). Per le altre soluzioni si rimanda a tecnici progettisti stabilire se sono possibili modifiche all’impianto esistente.

Testo Unico di Salute e Sicurezza: la normativa aggiornata ed il commento degli esperti

Per approfondire sulla normativa del TUS alla luce delle modifiche introdotte dal DL Fiscale suggeriamo i seguenti volumi di EPC Editore

Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro <i>pocket</i>, EPC Editore, ristampa aggiornata maggio 2022 (X ed. 1/22),

Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro pocket

Libro
Edizione: ristampa aggiornata maggio 2022 (X ed. 1/22)
Pagine: 708
Formato: 115×165 mm

Manuale per l'applicazione del D.Lgs. 81/2008, EPC Editore, settembre 2021 (V ed.), D’Apote Michele, Oleotti Alberto

Manuale per l’applicazione del D.Lgs. 81/2008
D’Apote Michele, Oleotti Alberto

Libro
Edizione: settembre 2021 (V ed.)
Pagine: 928
Formato: 150×210 mm

formazione videconferenza
  • InSic suggerisce il seguente corso di formazione di Istituto Informa SULLE ULTIME Novità NORMATIVE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA
    Il mondo della sicurezza tra modifiche normative e novità giurisprudenziali
    IN VIDEOCONFERENZA
  • Valido come corso di Aggiornamento per RSPP, ASPP, Datori di Lavoro, Dirigenti, Preposti, Coordinatori sicurezza nei cantieri (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)
    con R.Guariniello

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it