fbpx
RSPP_caschetto

ASPP, l’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione: compiti, requisiti e formazione

686 0

Il ruolo degli ASPP è di supporto al RSPP nella consulenza al datore di lavoro in ambito salute e sicurezza. L’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione collabora dunque con l’RSPP con il quale condivide gli obiettivi.

In questo approfondimento esaminiamo la definizione, gli obblighi e le responsabilità, la formazione dell’Addetto al servizio di prevenzione e protezione secondo il D.Lgs. 81/08 e s.m.

ASPP: significato

Persone in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all’articolo 32 del D.Lgs. 81/08, facenti parte del Servizio di Prevenzione e Protezione dai rischi (art. 2, comma 1, lett. g, D.Lgs. 81/08).

Soggetti obbligati

L’art. 31 del d.lgs. 81/2008 stabilisce che il datore di lavoro organizzi il servizio di prevenzione e protezione prioritariamente all’interno della azienda o della unità produttiva, o incarichi persone o servizi esterni costituiti anche presso le associazioni dei datori di lavoro o degli organismi paritetici.

I compiti dell’ASPP

Ai sensi dell’art. 33 del D.Lgs. 81/08, gli Addetti del SPP, coordinati dal Responsabile del servizio RSPP, provvedono:

  • all’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;
  • ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all’art. 28, comma 2, del D.Lgs. n. 81/08 e i sistemi di controllo di tali misure;
  • ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;
  • a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;
  • a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e di sicurezza, nonché alla riunione periodica di cui all’art. 35 del D.Lgs. n. 81/08;
  • a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all’art. 36 del D.Lgs. n. 81/08.

Cosa deve sapere l’ASPP

Gli Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione devono ricevere dal datore di lavoro informazioni su:

  • la natura dei rischi;
  • l’organizzazione del lavoro, la programmazione e l’attuazione delle misure preventive e protettive;
  • la descrizione degli impianti e dei processi produttivi;
  • i dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento, le informazioni relative agli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro superiore a tre giorni e i dati relativi alle malattie professionali;
  • i provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza.

La formazione per ASPP

L’Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 ha stabilito nuove regole per la formazione degli ASPP e la Commissione degli Interpelli presso il Ministero del Lavoro, nella risposta all’Interpello n. 18/2016 ha fatto chiarezza relativamente allo svolgimento della formazione base a distanza per i moduli A e B.

La struttura del percorso formativo previsto dall’Accordo Stato-Regioni, comprensivo di durata e soggetti interessati è indicata e approfondita nell’articolo: La formazione per RSPP e ASPP: durata e struttura dei corsi

Per approfondire

Consulta i volumi EPC

Conosci già la rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985, il punto di riferimento per chi si occupa di Sicurezza sul Lavoro e Tutela dell’ambiente

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore