Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle Scuole 2021: i vincitori del Contest “Il valore della Sicurezza”

2168 0

L’Istituto Italiano per la Sicurezza ha festeggiato con oltre 2000 studenti collegati in streaming da tutta l’Italia la Giornata Mondiale della Salute e Sicurezza 2021.

È stata l’occasione per una giuria di esperti, di premiare i progetti cortometraggi e presentazioni del Contest – Il Valore della Sicurezza ideato da ISS: a spuntarla la 4 F dell’IIS Alberti – Dante di Firenze.

Fra i partner dell’iniziativa, l’Ufficio Scolastico Regionale Toscana (USRT),  ANPAL Servizi ad INAIL Toscana, Termisol Termica, Palladio Group e Fondazione AIFOS; presente la Dott.ssa Cristina Grieco che, in rappresentanza anche del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e di INDIRE, ha sottolineato come: “La sicurezza non è un optional e di lavoro si continua a morire, inserire la cultura della sicurezza nel curricolo dello studente, facendo diventare voi i protagonisti con la vostra creatività e anche curiosità, è sicuramente un altro modo di apprendere.”

In questo articolo approfondiamo sul Contest, il Valore della Sicurezza: come si articola il percorso metodologico ideato dall’Istituto Italiano per la Sicurezza per le scuole, come viene applicata la Peer Education? e quali sono i risultati raggiunti?.

Il Contest – Il Valore della Sicurezza

La giornata ha visto premiati i vincitori del Contest – Il Valore della Sicurezza, ideato dall’Istituto Italiano per la Sicurezza (IIS) a conclusione dell’omonimo PCTO (Percorso per lo sviluppo di Competenze Trasversali e per l’Orientamento) organizzato dall’Istituto in collaborazione con Ufficio Scolastico Regionale (USRT) e Anpal Servizi Toscana.

I progetti finalisti

I progetti finalisti, che hanno toccato diversi argomenti connessi alla Sicurezza, sono stati sviluppati in forma di cortometraggi e presentazioni: i ragazzi hanno lavorato su varie aree tematiche spaziando dal Lavoro alla Strada, dalla Salute alla Violenza ed ancora dalla Sicurezza a bordo di yatch fino ai rischi nei laboratori scolastici, usando anche l’inglese e avvicinandosi ai più piccoli attraverso un fumetto.

I vincitori  del Contest – Il Valore della Sicurezza 2021

La giuria, composta da manager ed operatori di settore, ha selezionato i finalisti attraverso una valutazione dei progetti legata sia della qualità ed originalità dei materiali che della capacità di divulgazione e coinvolgimento.

A vincere il Contest è stata la 4 F dell’IIS Alberti – Dante di Firenze che ha preceduto la 5 AEN dell’ISS Ferraris di Acireale (CT) e la 4 ACN dell’IIS Galilei – Artiglio di Viareggio (LU). Il premio speciale “Beyond the target” è andato ad uno dei gruppi di lavoro della 4 BTA dell’IIS Da Vinci – Fascetti di Pisa.

Che cos’è il Percorso per lo sviluppo di Competenze Trasversali e per l’Orientamento basato sulla metodologia della Peer Safety Education

Il PCTO, unico nel suo genere, basato sulla metodologia della Peer Safety Education (PSE®) ideata da IIS, è stato progettato per accrescere la Cultura della Sicurezza e la Consapevolezza del Rischio tra le nuove generazioni, con un occhio particolare allo sviluppo delle Soft Skill ed agli obiettivi dell’Agenda ONU 2030. 

L’edizione appena conclusa ha raccolto oltre 3000 iscritti appartenenti a scuole secondarie di secondo grado di diversi indirizzi (150 classi di Licei, Istituti Tecnici e Professionali) di tutta la Toscana, e di altre regioni (Lombardia, Lazio, Sicilia), che si vanno ad aggiungere ad altri 25.000 ragazzi già coinvolti da IIS in varie iniziative nello scorso quinquennio.

Il percorso si candida a diventare buona pratica da diffondere a livello nazionale come confermato da ANPAL Servizi e da inserire nel prossimo Dossier Scuola redatto da INAIL.

La Peer Education: cos’è

La Peer Safety Education (PSE) è una metodologia per sviluppare la Cultura della Sicurezza e la Consapevolezza del Rischio abbracciando i giovani delle diverse fasce di età.

Spiega il Presidente ISS, Francesco Meduri sulla rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro che “l’idea della PSE, nata e sviluppata sul tragitto casa-lavoro come confronto tra colleghi, è rimasta in incubazione per qualche anno, fino a quando nel 2015 abbiamo deciso di fondare l’Istituto Italiano per la Sicurezza, cominciando a presentare il nostro progetto ad alcune scuole di Pisa.

Per approfondire:

Peer Education e applicazione nelle scuole

In poco più di 2 anni abbiamo coinvolto oltre 10.000 giovani ed abbiamo formato circa 200 Safety Tutor, spiega Meduri.

“I primi progetti PSE hanno coinvolto studenti del Liceo Artistico e dell’ITIS ai quali, dopo una prima fase di formazione introduttiva, abbiamo chiesto disviluppare delle idee per introdurre concetti di Sicurezza e Rischio ai loro coetanei, a studenti di scuole medie, elementari e dell’infanzi”a.

Peer education: la risposta degli studenti nelle prime edizioni

“La risposta degli studenti è stata veramente sorprendente, si è passati da una prima fase che possiamo definire di “ascolto passivo” ad una seconda “esplosivamente creativa”. Naturalmente a guidare la creatività sono stati gli studenti del Liceo Artistico che hanno creato manufatti, illustrazioni, percorsi per rappresentare vari tipologia di rischi.

La creatività artistica ha saputo stimola[1]re la componente più tecno-pratica degli studenti dell’ITIS che hanno animato con sensori ed allarmi, i vari percorsi didattici.

I ragazzi, con un progetto di alternanza scuola-lavoro, hanno lavorato per diversi mesi alla progettazione e realizzazione di percorsi didattici che dovevano essere pronti per la Giornata della Salute, Sicurezza e Ambiente organizzata da ISS.

Le iniziative realizzate: 2016, il Treno di Babbo Natale (Pisa)

Rompendo gli schemi tradizionali, l’Istituto Italiano Per La Sicurezza porta la metodologia della peer safety education al treno di babbo di natale (Pisa), coinvolgendo migliaia di bambini e genitori.
“Per noi il coinvolgimento sta alla base di ogni cambiamento culturale e per far ciò bisogna uscire dagli schemi tradizionali. Convinti di questo, abbiamo deciso di portare le tematiche del rischio e della prevenzione all’interno di una manifestazione dedicata ai più giovani”- Istituto Italiano per la Sicurezza.

Per approfondire sulla Peer Safety Education e sulle attività dell’Istituto Italiano per la Sicurezza (ISS)

Rivista Ambiente e Sicurezza sul LavoroFebbraio2018Dalle Associazioni –
Istituto Italiano per la Sicurezza:
per operare un reale cambio culturale occorre partire dai giovani
Francesco Meduri
Rivista Ambiente e Sicurezza sul Lavoro Aprile2016Dalle Associazioni –
Partire dai più giovani per diffondere la Cultura della Sicurezza l’IIS punta sulla Peer Safety Education
Intervista a cura di Francesca Mariani

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.

Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s’incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.

Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e gli abbonamenti su carta e/o digitale e compila il modulo di acquisto!

La Rivista è disponibile per gli abbonati su PC e dispositivi mobili, in formato sfogliabile e PDF, con i singoli articoli dal 2004 ad oggi!

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore