fbpx

Mascherine: dove indossarle? le nuove regole dal 16 giugno 2022

8677 0

In questo articolo riportiamo tutte le disposizioni del Ministero della Salute sull’obbligo di mascherina FFP2/chirurgica all’aperto e al chiuso e nei diversi contesti di vita e lavoro e tutti i riferimenti alla normativa anti-covid 19 nazionale sull’obbligo di mascherina FFP2 e chirurgica.

Nell'articolo

Dove indossare la mascherina FFP2 (dal 16 giugno al 30 settembre)?

Un aggiornamento delle regole di utilizzo dei Dispositivi di protezione individuale e di mascherine FFP2 viene dalla recente Ordinanza del Ministero Salute del 15 giugno 2022 (le cui disposizioni sono in vigore fino al 22 giugno) e dal Decreto MIMS (annunciato in Consiglio dei Ministri del 15 giugno 2022). In breve, l’obbligo di mascherina resta fino al 30 settembre 2022 per:

  • i mezzi di trasporto (aerei esclusi);
  • strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali;
  • disabilità nelle scuole per lo svolgimento degli Esami di stato.

Obbligo FFP2 nei Trasporti fino al 30 settembre 2022

L’Ordinanza del Ministero Salute del 15 giugno 2022 obbliga di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per l’accesso ai seguenti mezzi di trasporto e per il loro utilizzo:

  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale;
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity,
  • Intercity Notte e Alta Velocità;
  • autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada
  • in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi
  • itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti;
  • autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente;
  • mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale;
  • mezzi di trasporto scolastico dedicato agli studenti di scuola primaria, secondaria di primo
  • grado e di secondo grado.

Il Decreto MIMS (annunciato in Consiglio dei Ministri del 15 giugno 2022) prolunga tale obbligo fino al 30 settembre 2022. I vettori marittimi e terrestri, e i loro delegati, sono tenuti a verificare che l’utilizzo dei servizi avvenga nel rispetto delle prescrizioni impartite.

Ricordiamo che, per gli aerei, non vige l’obbligo di mascherina chirurgica a seguito di decisione stabilita dalla Commissione europea.

Obbligo di mascherina nelle strutture sanitarie

Il punto 2 dell’Ordinanza 15 giugno 2022 obbliga di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie ai lavoratori (non necessariamente FFP2 n.d.r.), agli utenti e ai visitatori delle

  • strutture sanitarie
  • socio-sanitarie e socio-assistenziali
  • strutture di ospitalità e lungodegenza
  • residenze sanitarie assistenziali
  • gli hospice
  • le strutture riabilitative
  • strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti
  • le strutture residenziali di cui  all’articolo 44 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 12 gennaio 2017

Il Decreto MIMS (annunciato in Consiglio dei Ministri del 15 giugno 2022) prolunga tale obbligo fino al 30 settembre 2022

L’obbligo non sussiste quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi. I responsabili delle strutture sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni impartite.

Disabilità ed Esami di stato: obbligatoria la mascherina?

Per lo svolgimento degli esami di Stato conclusivi del primo e del secondo ciclo di istruzione, e degli esami conclusivi dei percorsi degli istituti tecnici superiori, per l’anno scolastico 2021-2022, non  si richiede l’utilizzo della mascherina per  i  soggetti con patologie o disabilità  incompatibili  con  l’uso  dei  predetti dispositivi e per lo svolgimento delle attività sportive come era previsto all’articolo 3, comma 5, lettera a), del Decreto Riaperture convertito (decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87).

Chi non deve indossare la Mascherina (chirurgica ed FFP2)?

L’obbligo di indossare le mascherine non è comunque previsto per:

  1. bambini sotto i 6 anni di età;
  2. persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina;
  3. operatori o persone che, per assistere una persona con disabilità, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).

Dove indossare la mascherina?

Già dal 1° maggio è raccomandato indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico

Quando non si deve indossare la Mascherina (chirurgica ed FFP2)?

Non è obbligatorio indossare la mascherina:

  • mentre si effettua l’attività sportiva;
  • mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito;
  • mentre si balla nelle discoteche, nelle sale da ballo e nei locali assimilati;
  • quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi.

Di seguito riportiamo le normative che hanno gradualmente modificato l’obbligo di mascherina nei luoghi di vita, di attività e di lavoro .


Mascherine sul lavoro: quando sono obbligatorie?

Nel maggio scorso, le Parti sociali hanno concordato la proroga delle disposizioni del Protocollo condiviso di contrasto al Covid 19 sui luoghi di lavoro (versione 2021) e di conseguenza torna, nel settore privato l‘obbligo di mascherina chirurgica.

Infatti, secondo il Protocollo:

“… in tutti i casi di condivisione degli ambienti di lavoro, al chiuso o all’aperto, è comunque obbligatorio l’uso delle mascherine chirurgiche o di dispositivi di protezione individuale di livello superiore. Tale uso non è necessario nel caso di attività svolte in condizioni di isolamento, in coerenza con quanto previsto dal DPCM 2 marzo 2021.

Nel settore pubblico invece, vige quanto previsto dalla Circolare n.1/2022 del Ministero della Funzione pubblica che esclude l’utilizzo della mascherina negli uffici pubblici ma raccomanda l’uso della mascherina FFP2 in specifiche occasioni: n particolare, per il personale a contatto con il pubblico sprovvisto di idonee barriere protettive, per chi è in fila a mensa o in altri spazi comuni, per chi condivide la stanza con personale “fragile”, negli ascensori e nei casi in cui gli spazi non possano escludere affollamenti.

Mascherine all’aperto e al chiuso, le regole dal 1° maggio 2022 (Ordinanza 28 aprile 2022)

Con ORDINANZA 28 aprile 2022 il Ministero Salute, in attesa della conversione in legge del DL 24/2022 (Decreto “Fine Stato di Emergenza”) recepisce il testo dell’emendamento (alla legge di conversione) sull’utilizzo delle mascherine al chiuso, come approvato dalla commissione.

Le disposizioni sono vigenti dal 1° maggio 2022 fino alla data di entrata in vigore della Legge di conversione del Decreto-legge n.24 del 24 marzo 2022 e comunque non oltre il 15 giugno 2022.


DI seguito tutte le precedenti disposizioni di regolamentazione dell’obbligo di mascherina, superati dall’entrata in vigore del DL Riaperture.

DL Riaperture – DL 24/2022: mascherine, le regole fino al 30 aprile 2022

Il DL 24/2022 che segna le regole per la fine dello stato di emergenza prevede l’obbligo di mascherine al chiuso, ad esclusione delle abitazioni private.

La mascherina FFP2 fino al 30 aprile 2022 è obbligatoria per:

  • mezzi di trasporto (aerei, treni, autobus, servizi di noleggio con conducente, impianti di risalita)
  • spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso o all’aperto in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, eventi e competizioni sportive.
Mascherine sul lavoro: obbligatoria la FFP2?

No: in base al Dl 24/2022 dal 1 aprile 2022 nei luoghi di lavoro sarà sufficiente indossare mascherine chirurgiche. Lo stesso vale per i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari.

Ordinanza 8 febbraio 2022: obbligo di mascherina al chiuso fino al 31 marzo 2022

Con Ordinanza dell’8 febbraio 2022 si stabilisce che, a partire dall’11 febbraio 2022 e fino al 31 marzo 2022

L’Ordinanza che obbliga a partire dall’11 febbraio 2022 e fino al 31 marzo 2022 di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private, lascia applicato

  • quanto diversamente previsto da specifiche norme di legge o da appositi protocolli sanitari o linee guida, nei luoghi all’aperto
  • e pone obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sè i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli laddove si configurino assembramenti o affollamenti.
Quando non mettere la mascherina al chiuso?

L’obbligo non sussiste quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi. Sono fatti salvi, in ogni caso, i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché le linee guida per il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Ricordiamo che, fino al 31 marzo 2022 restano in vigore le disposizioni del Decreto Festività, DL 221/21, che pone l’obbligo di FFP2 in alcuni contesti. Vediamo quali.

Decreto Festività 2021: obbligo mascherina all’aperto fino al 31 marzo 2022

Il DECRETO-LEGGE 24 dicembre 2021, n. 221 o DECRETO COVID-Festività (qui tutte le misure previste) (in GU del 24/12/21) ha prorogato lo stato di emergenza (al 31 marzo 2022) e all’art. 4 ha dettato ulteriori misure restrittive e di lotta alla epidemia da COVID-19 fra le quali anche l’obbligo di mascherina all’aperto e di utilizzo della mascherina FFP2 in alcuni contesti di vita o per specifiche attività sociali ed economiche.

Quando e dove indossare le mascherine FFP2 fino al 31 marzo 2022?

Il DL Festività stabilisce fino al 31 gennaio 2022, l’obbligo di indossare le mascherine di tipo FFP2 in occasione di spettacoli aperti al pubblico che si svolgono all’aperto e al chiuso in:

  • teatri;
  • sale da concerto;
  • cinema;
  • locali di intrattenimento e musica dal vivo (e altri locali assimilati)
  • per gli eventi e le competizioni sportivi che si svolgono al chiuso o all’aperto;
  • su tutti i mezzi di trasporto.
  • per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso o all’aperto nelle
    • sale teatrali,
    • sale da concerto,
    • sale cinematografiche,
    • locali di intrattenimento e musica dal vivo: prevista la loro riapertura a partire dall’11 febbraio 2022, in Ordinanza 31 gennaio 2022 del Ministero Salute;
    • e in altri locali assimilati;
  • per gli eventi e le competizioni sportivi che si svolgono al chiuso o all’aperto
  • per l’accesso e l’utilizzo di questi mezzi di trasporto:
    • voli commerciali;
    • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale;
    • treni impiegati nei servizi di trasporto passeggeri interregionale,
    • Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità;
    • autobus e pullman di linea adibiti a servizi di trasporto tra più di due regioni;
    • autobus e pullman adibiti a servizi di noleggio con conducente;
    • funivie, cabinovie e seggiovie qualora utilizzate con chiusura delle cupole paravento; mezzi del trasporto pubblico locale o regionale;
  •  per le persone che hanno avuto un contatto stretto con un caso confermato positivo al COVID-19 e che, sulla base delle norme in vigore, non sono soggette alla quarantena ma soltanto all’autosorveglianza, fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al soggetto positivo.

In tutti questi casi è vietato il consumo di cibi e bevande al chiuso.

Ordinanza Min. Salute del 31 gennaio 2022: via l’obbligo di mascherina all’aperto, anche in zona bianca

L’ ORDINANZA 31 gennaio 2022 del Ministero Salute prorogava solo fino al 10 febbraio 2022, anche in zona bianca, l’obbligo di avere sempre con sè dispositivi di protezione delle vie respiratorie e indossarle in tutti i luoghi all’aperto.

  • Restano in vigore protocolli e linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali (DPCM 2 marzo 2021), e le linee guida per il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici o aperti al pubblico.
  • Le regioni possono introdurre o mantenere misure più ristrettive.
  • Inoltre, l’uso del dispositivo si integra, e non sostituisce le altre misure di protezione dal contagio (distanziamento interpersonale e l’igiene costante e accurata delle mani).

Mascherine all’aperto e al chiuso: in quali zone

Al momento, in base alla Mappa epidemiologica nazionale sono solo tre le Regioni dell’area a basso rischio (Molise, Umbria e Basilicata) poste in zona bianca.

Chi non deve indossare le mascherine all’aperto e al chiuso?

In base all’Ordinanza non hanno l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie:

  • i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina,
  • le persone che devono comunicare con un disabile in modo da non poter fare uso del dispositivo;
  • i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva

(Fonte FAQ Governo)

Quando non indossare la mascherina?

In base alle regole generali attualmente vigenti non è obbligatorio indossare la mascherina, sia all’aperto che al chiuso:

  • mentre si effettua l’attività sportiva;
  • mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito;
  • quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi.

(Fonte FAQ Governo)

Mascherina sui luoghi di lavoro: quando è obbligatoria?

Per quanto riguarda lo svolgimento dell’attività lavorativa, la mascherina è obbligatoria nelle situazioni previste dagli specifici protocolli di settore, in particolare il Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro, aggiornato ad Aprile 2021, e contenuto come allegato al DPCM 2 marzo 2021.

(Fonte FAQ Governo)

Mascherina a casa: quando metterla?

È fortemente raccomandato l’uso delle mascherine anche all’interno delle abitazioni private, in presenza di persone non conviventi.

(Fonte FAQ Governo)

Obbligo Mascherine all’aperto: la normativa precedente

Lo Stato ha regolato nel tempo l’obbligo di indossare o tenere con sé la mascherina nei luoghi all’aperto o al chiuso e nelle diverse aree epidemiologiche.

Mascherine all’aperto: le Ordinanze 2021

In questa sezione riportiamo gli altri provvedimenti che hanno inciso sull’obbligo di mascherina nel 2021.

EX Ordinanza 22 giugno 2021 la sospensione con DL 221/2021

L’Ordinanza 28 ottobre 2021 del Ministero della Salute [sospesa dal DL Festività (DL 221/21)] prorogava le regole sull’uso della mascherina “all’aperto” (escludendone l’obbligo) nelle zone “bianche” fino al 31 dicembre 2021. Le regole erano contenute nella ordinanza del Ministero della Salute del 22 giugno 2021 e sono state prorogate fino al 31 ottobre scorso dall’ORDINANZA 27 agosto 2021 .

L’Ordinanza 22 giugno interrompeva, a partire dal 28 giugno 2021, nelle «zone bianche» l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all’aperto.

Le Mascherine restavano obbligatorie, nelle “situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti” aggiunge l’Ordinanza.

Ricordiamo che per la “zona bianca” le Regioni hanno approvato le “Linee guida per la ripresa delle attività economiche sociali” che individua i principi di carattere generale per contrastare la diffusione del contagio (norme igieniche e comportamentali, utilizzo dei dispositivi di protezione, distanziamento e contact tracing) e successivamente le “Indicazioni della Conferenza delle regioni e delle province autonome sulle “zone bianche”» del 26 maggio 2021 che anticipavano la riapertura di determinate attività sul territorio nazionale in anticipo rispetto ai termini del DL Riaperture decreto-legge n.52/2021 (convertito con L.n.87/2021) e dal Decreto-legge n.65/2021 (abrogato dalla L. 17 giugno 2021, n. 87).

Mascherine all’aperto in zona bianca: fino a quando?

In base alla Ordinanza del 28 ottobre 2021, fino al 31 dicembre 2021 l’uso della mascherina all’aperto nella zona bianca non era obbligatorio, ma era invece obbligatorio

  • averla con sé
  • usarla nei locali al chiuso.

La scadenza potrebbe essere oggetto di nuova proroga con ulteriore Delibera.

Quando indossare le mascherine in zona bianca?

In zona bianca le mascherine vanno invece indossate:

  • per le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale;
  • per le situazioni i cui si configurino assembramenti o affollamenti;
  • per gli spazi all’aperto delle strutture sanitarie;
  • in presenza di soggetti con conosciuta connotazione di alterata funzionalità del sistema immunitario.

Mascherine obbligatorie: cosa dice il Comitato Tecnico Scientifico

La decisione del Ministero della Salute richiama le conclusioni del Comitato tecnico Scientifico nel verbale n. 30 del 21 giugno 2021 che ha tenuto conto del «cambiamento in senso favorevole dello scenario epidemiologico (…)» e ha ritenuto che «l’uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie può essere reso non più obbligatorio nelle c.d. zone bianche, permanendo, invece, tale obbligo nei contesti territoriali connotati da più elevati profili di rischio»;

CTS: quando l’uso della mascherina è obbligatorio

Secondo il CTS, oltre all’obbligo di portare il dispositivo con sé, ha specificato che l’obbligo di utilizzare i dispositivi:

  • all’aperto in ogni situazione in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale
  • o quando si configurino assembramenti o affollamenti (vedi, ad esempio, file, code, mercati o fiere);
  • nei contesti di trasporto pubblico al chiuso (aerei, treni, autobus).

CTS: quando è facoltativo l’uso della Mascherina?

Il CTS considera raccomandabile l’uso dei dispositivi

  • nei contesti di trasporto pubblico all’aperto quali traghetti, battelli, navi
  • in presenza di soggetti con conosciuta connotazione di alterata funzionalità del sistema immunitario (es: riceventi un trapianto di organo o emopoietico; pazienti in trattamento con farmaci citostatici, etc.)
  • in locali all’aperto delle strutture sanitarie.

Obbligo di mascherine: il DPCM di riferimento

L’Ordinanza 22/6/2021 conferma l’obbligo, sull’intero territorio nazionale, di avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (fissato in art.1 del DPCM del 2 marzo 2021vedi tutte le restrizioni e la Mappatura del rischio epidemiologico da COVID-19)

In base al DPCM 2 marzo 2021 “È fatto obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto” (Art. 1 comma 1, Dpcm 2 marzo 2021).

L’obbligo di portare la mascherina risale al DPCM del 13 ottobre 2020 che lo imponeva all’aperto ed al chiuso (quindi anche per luoghi di lavoro) in tutti i luoghi diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto “a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”.

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore