Tutta Italia in zona gialla: Speranza commenta i dati COVID di oggi

1620 0

Emergenza COVID-19: un deciso miglioramento di tutti gli indicatori, a quasi un mese ormai dalle riaperture del 26 aprile. È quanto emerge dai dati del Rapporto ISS che sono attualmente in discussione alla cabina di regia del Ministero della Salute-Iss-Regioni e sono stati diffusi in bozza alle principali agenzie di stampa.

Ecco le indiscrezioni raccolte.

I dati del monitoraggio in discussione oggi alla cabina di regia

  • Sotto soglia i ricoveri ordinari e le terapie intensive;
  • tutte le Regioni a rischio basso e con Rt sotto l’1 (si attesta a 0,78) e un’incidenza scesa secondo i dati Iss a 73 casi per centomila ma arrivata a 66 in base ai dati ISS di ieri (diffusi in bozza);
  • Vicina la soglia dei 50 casi per centomila che implica la ripresa del tracciamento e la possibilità di riaperture;
  • Per la prima volta nell’ultima settimana di monitoraggio, i ricoveri sono sotto la soglia di rischio, sia per le intensive che per i reparti ordinari, in tutte le Regioni;
  • Il tasso di occupazione in terapia intensiva, “è sotto la soglia critica (19%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 2.056 (11/05/2021) a 1.689 (18/05/2021). (fonte AGI);
  • “Si osserva una ulteriore diminuzione nel numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (13.565 contro 19.619 la settimana precedente”, riporta ADNkronos citando la bozza di Rapporto ISS.

Dati Covid: Tutte le regioni nello scenario di tipo 1

Tutte le Regioni e Province autonome sono classificate a rischio basso e tutte hanno un Rt medio inferiore a 1, e quindi una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo uno. Soltanto la Provincia autonoma di Bolzano riporta una allerta di resilienza. Nessuna Regione o Provincia autonoma riporta molteplici allerte, sempre secondo il Monitoraggio settimanale sull’andamento dell’epidemia, riporta sempre AGI.

Speranza: Italia sarà tutta in area gialla

Il Ministro Speranza commenta positivamente, con un post su FB i dati che vengono dal Comitato tecnico scientifico, riunitosi oggi.

“Con il monitoraggio e le conseguenti ordinanze di oggi l’Italia sarà tutta in area gialla.

È il risultato delle misure adottate finora, del comportamento corretto della stragrande maggioranza delle persone e della campagna di vaccinazione. Continuiamo su questa strada con fiducia, prudenza e gradualità”.

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it