fbpx

Quesito: obbligo di bonifica amianto in caso di impresa fallita?

389 0

Nel caso cui un’impresa in fallimento riceva un’ordinanza “contingibile ed urgente” da parte del Sindaco di “rimozione amianto” dai tetti dei capannoni della stessa, qual è la posizione del curatore fallimentare?

Si può affermare che il Fallimento è responsabile dell’inquinamento? Gli obblighi di smaltimento e di bonifica non dovrebbero essere imposti soltanto al responsabile (impresa fallita)?

Risponde sulle colonne di Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.8/2021 il Dott. Andrea Quaranta (Manager ambientale –Sistemi di gestione ambientale)

Obbligo di rimozione rifiuti: a chi spetta?

Secondo il Consiglio di Stato, che in materia ha di recente modificato il suo orientamento, l’obbligo di rimozione dei rifiuti può essere imposto anche al “detentore del momento per cui, in conformità al principio chi inquina paga, la sopportazione del peso economico della messa in sicurezza e dello smaltimento deve ricadere sulla parte dell’attivo fallimentare” (in questi termini, v. Cons. Stato, n. 3672/2017; Tar Brescia, nn. 669/2016 e 790/2017).

Recupero e risanamento dell’ambiente: i limiti dell’Amministrazione pubblica  

Secondo il TAR del Piemonte (TAR di Torino, sentenza n. 562/2018), le opere di messa in sicurezza costituiscono una misura di correzione dei danni e rientrano pertanto nel genus delle precauzioni […] è stato d’altra parte puntualizzato che, se è vero, per un verso, che l’Amministrazione non può imporre, ai privati che non abbiano alcuna responsabilità diretta sull’origine del fenomeno contestato, lo svolgimento di attività di recupero e di risanamento, secondo il principio cui si ispira anche la normativa comunitaria, la quale impone al soggetto che fa correre un rischio di inquinamento di sostenere i costi della prevenzione o della riparazione, per altro verso la messa in sicurezza del sito costituisce una misura di correzione dei danni e rientra pertanto nel genus delle precauzioni, unitamente al principio di precauzione vero e proprio e al principio dell’azione preventiva, che gravano sul proprietario o detentore del sito da cui possano scaturire i danni all’ambiente e, non avendo finalità sanzionatoria o ripristinatoria, non presuppone affatto l’individuazione dell’eventuale responsabile”.

In questi casi, i giudici ritengono corretto l’invio dell’ordinanza di rimozione al fallimento, che quale soggetto detentore del bene ha l’obbligo di effettuare quelle opere ritenute necessarie per impedire il propagarsi del pericolo di inquinamento.

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.

Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s’incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.

Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e gli abbonamenti su carta e/o digitale e compila il modulo di acquisto!

La Rivista è disponibile per gli abbonati su PC e dispositivi mobili, in formato sfogliabile e PDF, con i singoli articoli dal 2004 ad oggi!

Per informarti sul diritto ambientale d’impresa con EPC Editore

Diritto Rifiuti Impresa

Il ciclo della gestione dei rifiuti nella legalità del diritto dell’ambiente

Il volume contiene saggi di carattere scientifico, esperienze pratiche e brevetti inerenti ai temi affrontati il tutto, al fine di analizzare la materia ecologica sotto una visione fortemente orientata al diritto dell’ambiente.

Per aggiornarti sulla gestione dei rifiuti!

Istituto Informa organizza il corso:

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Roma, 8 ottobre 2021 – IN VIDECONFERENZA

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore