Reazione al fuoco delle strutture

Reazione al fuoco: la normativa nazionale ed europea

828 0

La reazione al fuoco dei materiali è una disciplina complessa che studia il comportamento dei materiali in relazione all’attitudine all’innesco e alla propagazione dell’incendio ed è stata introdotta in Italia negli anni ’80, a seguito di rilevanti incendi che hanno provocato numerose vittime.

Lo studio del comportamento al fuoco di materiali di arredamento e di rivestimento ha comportato la recente revisione della legislazione italiana ed il passaggio alla normazione europea che fornisce criteri moderni per la classificazione della reazione al fuoco dei materiali e per la sicurezza in caso di incendio.

Passiamo in rassegna la normativa italiana ed europea in materia di reazione al fuoco dei materiali partendo da un estratto dell’articolo proposto da C.Giacalone sulla rivista Antincendio.

L’articolo di C.GiacaloneReazione al fuoco dei materiali Aspetti di una disciplina in rapida evoluzione” sulla rivista Antincendio n.1/2023 è acquistabile dal sito di EPC Editore.

Cos’è la reazione al fuoco?

La reazione al fuoco, secondo la definizione del Codice di prevenzione incendi, è una misura antincendio di protezione passiva che esplica i suoi principali effetti nella fase iniziale dell’incendio, con l’obiettivo di limitare l’innesco dei materiali e la successiva propagazione dell’incendio.

Secondo il decreto del Ministro dell’interno 26 giugno 1984, essa si riferisce al comportamento al fuoco dei materiali nelle effettive condizioni d’uso finali, con particolare riguardo al grado di partecipazione all’incendio che essi manifestano in condizioni standardizzate di prova, a seguito delle quali i materiali sono assegnati alle classi 0, 1, 2, 3, 4, 5 con l’aumentare della loro partecipazione alla combustione.

Reazione al fuoco: la normativa italiana

L’approccio alla definizione nazionale dei requisiti di reazione al fuoco si è basato finora su metodi di prova e classificazione italiani e sull’attuazione del regime dell’omologazione, in accordo a quanto previsto dal D.M. 26/06/1984, a conclusione di una procedura tecnico- amministrativa con cui viene rilasciato dal Ministero dell’interno il provvedimento di autorizzazione alla riproduzione del prototipo prima dell’immissione del materiale sul mercato per l’utilizzazione nelle attività soggette alle norme di prevenzione incendi.

La classificazione italiana è quasi definitivamente tramontata con l’entrata in vigore del decreto del Ministro dell’interno 14 ottobre 2022 che ha determinato il passaggio alle modalità di prova e di classificazione utilizzate in ambito europeo, rimanendo ancora applicabile a pochi casi residuali.

Reazione al fuoco: la normativa europea

Dal 2005, prima tramite la direttiva CEE 89/106 sui prodotti da costruzione (CPD) e poi con il Regolamento europeo sui prodotti da costruzione (CPR), al regime dell’omologazione nazionale si è affiancato il regime della marcatura CE per quei prodotti per i quali sono state progressivamente rese disponibili le specifiche tecniche armonizzate.

Il regolamento (UE) n. 305/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2011 sui prodotti da costruzione (CPR) fornisce agli Stati membri criteri uniformi per la valutazione del rischio di incendio mediante definizioni di principi e di requisiti specifici riferiti alle parti dell’opera e ai prodotti che la compongono. Esso fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione, con l’obiettivo di facilitare la libera circolazione dei prodotti nel mercato interno, di mantenere i livelli di sicurezza esistenti negli stati membri e di riavvicinare le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative concernenti i prodotti da costruzione.

Prodotti da costruzione e reazione al fuoco: il recepimento in Italia

Per quanto concerne, in particolare, i prodotti da costruzione, i decreti del Ministero dell’interno 10 marzo 2005 e 15 marzo 20053 hanno recepito il sistema europeo di classificazione di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione.

Secondo l’articolo 2 del decreto ministeriale 10 marzo 2005, i prodotti vengono classificati in funzione delle loro caratteristiche di reazione al fuoco, indicate con A1, A2, B, C, D, E ed F, che sono accompagnate dagli ulteriori indici:

  • s1, s2 o s3, relativo alla produzione di fumo (smoke);
  • d0, d1 o d2, relativo al gocciolamento (dripping). Il materiale viene quindi classificato come B-s1,d0, C-s2,d2, ecc.

Le procedure di prova europee – normativa tecnica europea

Le procedure di prova e di classificazione in ambito europeo consentono di valutare l’infiammabilità, la produzione di fumo, lo sviluppo di calore ed il gocciolamento di un campione ed utilizzano i seguenti standard:

  • EN 13501-1:2002 Classificazione al fuoco dei prodotti da costruzione: Parte 1 – Reazione al fuoco (Reaction to fire classification);
  • EN 13238: 2001 Procedure di condizionamento (Conditioning);
  • EN ISO 1182: 2002 Prova di non combustibilità (Non-combustibility test);
  • EN ISO 1716:2002 Determinazione del potere calorifico (Calorific potential);
  • EN ISO 11925-2:2002 Infiammabilità dei prodotti da costruzione sottoposti al contatto diretto della fiamma (Single flame source test);
  • EN 13823:2002 Prove di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione esclusi i pavimenti: esposizione ad attacco termico mediante “Single Burning Item” (S.B.I.);
  • EN ISO 9239-1:2002 Prove di reazione al fuoco per i pavimenti: prova del pannello radiante (Burning behaviour of floorings, using a radiant heat source).

Nel sistema europeo la classificazione di reazione al fuoco fa riferimento alla norma EN 13501-1, che distingue tre gruppi di prodotti:

  • pavimenti;
  • prodotti da costruzione ad esclusione dei pavimenti;
  • prodotti di forma lineare destinati all’isolamento termico di condutture.

Reazione al fuoco – volumi di approfondimento

Strutture resistenti al fuoco, EPC Editore, novembre 2023 (II ed.),

Fra i libri dedicati alla prevenzione incendi di EPC Editore, segnaliamo il seguente volume dedicato alla resistenza al fuoco:

Strutture resistenti al fuoco
Metodi di calcolo, tecnologie e procedure per una concreta sicurezza strutturale all’incendio
Libro
Edizione: novembre 2023 (II ed.)
Pagine: 472
Formato: 170×240 mm

Reazione e resistenza al fuoco, EPC Editore, novembre 2010, La Mendola Saverio, Mazziotti Lamberto , Paduano Giuseppe

Reazione e resistenza al fuoco

Guida all’applicazione dei Regolamenti D.M. 10/03/2005, D.M. 15/03/2005, D.M. 16/02/2007 e D.M. 9/03/2007.
La Mendola Saverio, Mazziotti Lamberto , Paduano Giuseppe
Libro
Edizione: novembre 2010
Pagine: 368
Formato: 170×240 mm
€ 37,05

Reazione al fuoco – articoli di approfondimento della rivista Antincendio

Fra gli articoli di prevenzione incendi della rivista Antincendio disponibili in formato PDF, i seguenti articoli riguardano la reazione al fuoco:

Reazione al fuoco dei materiali.<br>Aspetti di una disciplina in rapida evoluzione, EPC Editore, Antincendio gennaio 2023,

Reazione al fuoco dei materiali.
Aspetti di una disciplina in rapida evoluzione

Articoli in pdf

€ 10,00 + iva

Metodologia di progettazione della resistenza al fuoco, EPC Editore, Antincendio novembre 2022,

Metodologia di progettazione della resistenza al fuoco

Articoli in pdf

€ 10,00 + iva

Il progetto fire digital check sviluppato dai Vigili del fuoco

Articoli in pdf

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore