fbpx

Ambiente protetto: la nuova Prassi UNI per la gestione dei rischi ambientali

529 0

In vigore dal 3 giugno 2021 una nuova prassi “UNI/PdR 107:2021 – Ambiente Protetto” che contiene criteri tecnici per un’efficace gestione dei rischi ambientali.

Vediamo quali dettagli fornisce UNI sulla Prassi, a chi si rivolge e quali scenari di danno ambientale vengono considerati.

Ambiente Protetto: Linee guida per la prevenzione dei danni all’ambiente

La prassi di riferimento definisce le linee guida per un’efficace prevenzione dei danni all’ambiente e per la tutela delle risorse naturali relativamente a specifici scenari di rischio applicabili alle diverse organizzazioni, oltre che per la relativa mitigazione.

A chi si rivolge la UNI/PdR 107:2021 – Ambiente Protetto?

La prassi “UNI/PdR 107:2021 – Ambiente Protetto” si rivolge a tutte le tipologie di organizzazioni che svolgono la propria attività in un sito, quali impianti produttivi, depositi, magazzini, centri logistici, cantieri edili etc. a prescindere dal settore industriale.

Quali scenari di danno all’ambiente nella UNI/PdR 107/21?

Gli scenari di danno all’ambiente rientranti nel campo di applicazione della prassi “UNI/PdR 107:2021 – Ambiente Protetto” sono:

  • effetti diretti e indiretti legati a incendio causati dai fumi, dalle ricadute al suolo di sostanze chimiche e polveri, dallo scarico di acque di spegnimento e anche dalle fiamme;
  • perdite da serbatoi e vasche interrate e fuori terra che possono verificarsi in fase di installazione, di esercizio, di attività di carico e scarico e anche di disinstallazione;
  • perdite da condutture di adduzione e reflui industriali (interrate e fuori terra) che possono verificarsi in fase di installazione, di esercizio e anche di disinstallazione;
  • sversamenti da aree di processo, di deposito, di movimentazione o di carico e scarico di prodotti e/o di rifiuti;
  • emissioni fuori norma, localizzate e/o diffuse;
  • perdite da depuratori e/o disoleatori aziendali.

Inquinamento ambientale e disastro ambientale: per approfondire

Il delitto di inquinamento ambientale è regolato con la legge del 22 maggio 2015 n. 68, (Legge sugli Eco-Reati).

  1. A.Quaranta (“Omessa bonifica, inquinamento ambientale e sostenibilità”) su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.5/2020;
  2. A.Quaranta (“Disciplina sanzionatoria in materia ambientale”) su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.5/2021.

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.
Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s’incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.

La Rivista è disponibile per gli abbonati su PC e dispositivi mobili, in formato sfogliabile e PDF, con i singoli articoli dal 2004 ad oggi!

Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro e gli abbonamenti su carta e/o digitale e compila il modulo di acquisto!

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore