DL Enti pubblici_edilizia_proroghe

Bonus Casa: cos’è, a cosa serve, la normativa e la proroga 2024

284 0

In cosa consiste il Bonus Casa? Quali sono le differenze con l’Ecobonus e come si può ottenere la detrazione fiscale e per quali interventi?

Sul Bonus Casa suggeriamo la consultazione delle seguenti fonti informative:

Bonus casa: la normativa e le proroghe 2024

Il Bonus Casa rientra fra le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni, ed è previsto per Interventi che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili ai sensi dell’art. 16-bis DPR 917/86il Testo unico delle imposte sui redditi – TUIR.

Che differenza c’è tra ecobonus e bonus casa?

Il Bonus casa si distingue dall’’Ecobonus che abbiamo visto nello scorso approfondimento, che rientra invece nelle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici.

Bonus Casa: la proroga 2024 e la riforma delle detrazioni edili

Con Legge di Bilancio per l’anno 2022 e  per il triennio 2022-2024 (L. 31.12.2021 n.310) è arrivata la proroga al 31 dicembre 2024 sia per le detrazioni Bonus Casa che Ecobonus, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021.

Il Decreto “Salva-Spese” DECRETO-LEGGE 29 dicembre 2023, n. 212 come abbiamo visto ha ridimensionato il Superbonus ed il Bonus Barriere architettoniche, ma non ha toccato il Bonus Casa.

Il Ministro Fratin però, anche in relazione con la recente Direttiva Case Green, ha annunciato una riforma generale del sistema dei bonus edilizi e delle detrazioni esistenti.

Interventi per il Bonus Casa

Gli interventi, soggetti all’obbligo dell’invio ad ENEA della comunicazione sono elencati nella Guida Rapida ENEA che li riporta nel modo seguente nella pagina dedicata al Bonus Casa:

Componenti e tecnologieTipo di intervento
Strutture edilizieriduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;
Infissiriduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi
Impianti tecnologiciinstallazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti;sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamentodell’impianto;pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;microcogeneratori (Pe<50kWe);scaldacqua a pompa di calore;generatori di calore a biomassa;installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo (limitatamente ai sistemi di accumulo i dati vanno trasmessi per gli interventi con data di fine lavori a partire dal 01/01/2019);teleriscaldamento;installazione di sistemi di termoregolazione e building automation.
Elettrodomestici solo se collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal:1° gennaio 2018 per le spese sostenute nel 20191° gennaio 2019 per le spese sostenute nel 2020fornifrigoriferilavastovigliepiani cottura elettricilavasciugalavatriciasciugatrici

Come chiedere il Bonus Casa?

Per richiedere il Bonus occorre trasmettere per via telematica all’ENEA le informazioni sugli interventi terminati dal 2018 in poi, che accedono alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie (Bonus Casa) che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

Bonus Casa: gli ultimi dati

A partire dal 2018 ENEA monitora, con un apposito sito, gli interventi ammessi alle detrazioni fiscali previste per le ristrutturazioni edilizie quando essi comportano risparmio di energia

Sulla base delle Schede Descrittive che sono state trasmesse a ENEA attraverso il Portale Bonus Casa, nel 2022 sono stati realizzati in totale 508.375 interventi (-42,36% rispetto al 2021per un risparmio annuo di energia primaria non rinnovabile conseguito sulla base dei dati medi nazionali di consumo.

Tale risparmio energetico passa da 925.033 MWh/anno del 2021 a 833.294 MWh del 2022. Ciò è dovuto ad un miglioramento qualitativo degli interventi sugli impianti.

Tabella Bonus Casa_dati ENEA
Tabella tratta dal LE DETRAZIONI FISCALI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA E L’UTILIZZO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI ESISTENTI (2023)

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore