AMA
 Edilizia
 ATTREZZATURE
Manutenzione ordinaria e straordinaria: cosa dice la UNI 11063:2017?
17 dicembre 2019
fonte: 
area: Edilizia
Manutenzione ordinaria e straordinaria: cosa dice la UNI 11063:2017? Il mondo industriale solitamente identifica con "manutenzione ordinaria" e "manutenzione straordinaria" modalità diverse di pianificazione (budget) e controllo dei costi, pur non individuando in tal modo una precisa politica manutentiva. La norma UNI 11063 si premura quindi di fornire delle precise definizioni a questi termini, usati sovente in accezione assai generale, allo scopo di uniformare la gestione dei costi e delle risorse utilizzate nella manutenzione con le diverse modalità che è possibile stabilire sul piano organizzativo ed operativo.

Politiche di manutenzione

In particolare, si distinguono le seguenti politiche di manutenzione (le definizioni fornite sono sempre quelle della UNI EN 13306):
Manutenzione a guasto o correttiva: manutenzione eseguita a seguito della rilevazione di un'avaria e volta a riportare un'entità in uno stato in cui essa possa eseguire una funzione richiesta;
Manutenzione ciclica: manutenzione preventiva effettuata secondo intervalli di tempo stabiliti o un numero di unità di misura di utilizzo, ma senza una precedente indagine sulle condizioni dell'entità;
Manutenzione migliorativa: insieme delle azioni di miglioramento o piccola modifica che non incrementano il valore patrimoniale del bene;
Manutenzione predittiva: manutenzione su condizione eseguita in seguito a una previsione derivata dall'analisi ripetuta o da caratteristiche note e dalla valutazione dei parametri significativi afferenti il degrado dell'entità;
Manutenzione preventiva: manutenzione eseguita a intervalli predeterminati o secondo criteri prescritti e prevista per ridurre la probabilità di guasto o il degrado del funzionamento di un'entità;
Manutenzione secondo condizione: manutenzione preventiva che include una combinazione di monitoraggio delle condizioni e/o ispezione e/o prove, analisi e le azioni di manutenzione che ne conseguono.

Le categorie della UNI 11063:2017


Ciò premesso, la UNI 11063:2017 distingue le due categorie:
Manutenzione ordinaria. Insieme degli interventi manutentivi atti a:
• Mantenere lo stato di integrità e le caratteristiche funzionali originarie/in essere del bene;
• Mantenere o ripristinare l'efficienza dei beni;
• Contrastare il normale degrado;
• Assicurare la vita utile del bene;
• Ripristinare la disponibilità del bene a seguito di guasti e/o anomalie.

Tali interventi non modificano le caratteristiche originarie del bene stesso, lasciandone inalterata la propria struttura essenziale e destinazione d'uso. Sono generalmente richiesti a seguito di rilevazione di guasti (manutenzione correttiva), implementazione di politiche manutentive (manutenzione preventiva, ciclica, predittiva, secondo condizione), o per l'insorgere dell'esigenza di ottimizzare la disponibilità del bene o migliorarne l'efficienza (piccole modifiche che non comportano incremento del valore patrimoniale del bene).

Manutenzione straordinaria. Tale categoria racchiude gli interventi non ricorrenti (e di costo elevato, se paragonano alla stima del valore di rimpiazzo del bene e ai costi della manutenzione ordinaria), la cui esecuzione consente di:
• Ridurre i tempi di produzione;
• Migliorare la qualità del prodotto o adeguarlo a nuove esigenze;
• Incrementare la capacità produttiva;
• Ridurre consumi e scarti di lavorazione;
• Aumentare la sicurezza, ridurre o prevenire contaminazioni ambientali o conseguire comunque dei benefici ambientali.

Tali interventi, pur potendo prolungare la vita utile e/o l'efficienza, l'affidabilità e la produttività del sistema, non ne modificano generalmente le caratteristiche originarie (dimensionamento, valori costruttivi, dati di targa), non comportando variazioni di destinazioni d'uso del bene.

Per approfondire sull'argomento, suggeriamo l'articolo:
Sicurezza e affidabilità durante le attività di manutenzione - Una sintesi delle recenti linee guida dell'INAIL
Luca Fiorentini, Rosario Sicari
Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.11/2019.


Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.

Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s'incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.

Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro

Per abbonarsi alla rivista, compila il modulo da inviare via fax (06 33111043)

La Rivista è disponibile per gli abbonati in formato PDF (per singolo articolo) e consultabile via APP "Edicola" di EPC Periodici (disponibile su Android e IOS)

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.epc.it 
oppure scrivi a clienti@epcperiodici.it  
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic