La normativa sullo smaltimento e riutilizzo di terre e rocce da scavo per la tutela ambientale

9610 0

In questo articolo facciamo il punto sulla normativa di riferimento in materia di terre e rocce da scavo. Tutto quello che c'è da sapere sulle terre e le rocce da scavo in cantiere. Cosa dice la legge? Come vanno smaltite? E quando vanno riutilizzate?

  1. Terre e rocce da scavo: normativa
  2. Terre e rocce da scavo: definizione
  3. Terre e rocce da scavo in cantiere
  4. Per approfondire sulla normativa in materia di rifiuti

Terre e rocce da scavo: normativa

La normativa di riferimento per le Terre e rocce da scavo rimanda al Testo Unico Ambiente (D.Lgs. n.152/2006 per la parte di gestione dei materiali).

In seguito, è stato emanato il DPR 120/2017 in vigore dal 22 agosto 2017, il Regolamento nazionale delle Terre e rocce da scavo, che ricomprende, in un unico corpo normativo tutte le disposizioni relative alla gestione delle terre e rocce da scavo qualificate sottoprodotti, abrogando i provvedimenti precedenti fra i quali:

Terre e rocce da scavo: il Dlgs 152/06?

La gestione delle terre e rocce da scavo rientra nel campo di applicazione della Parte IV del d.lgs. n.152/2006. A seconda delle condizioni che si verificano le terre e rocce possono assumere qualifiche diverse e conseguentemente essere sottoposte ad un diverso regime giuridico.

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati.

Registrati gratuitamente per continuare a leggere!
Se non hai ancora un account registrati ora

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore