COP 28_logo

Dubai, COP 28: accordi, dichiarazioni e ultimi aggiornamenti dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima

2211 0

Dal 30 novembre al 12 dicembre 2023 a Dubai si tiene la COP28, la Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), l’incontro internazionale chiave per gli orientamenti climatici del futuro. Previsti 70.000 delegati, negoziatori sul clima e altri partecipanti che si uniranno per dare forma a un futuro migliore.

La Conferenza si è aperta con le dichiarazioni del segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres sui rischi climatici ormai difficilmente reversibili e sul drammatico report del WMO (l’autorità internazionale per la meteorologia) che in un Rapporto molto discusso ha affermato che il 2024 sarà l’anno in cui verranno frantumati i record climatici più recenti, che sono stati accompagnati da condizioni meteorologiche estreme che hanno lasciato una scia di devastazione e disperazione.

Seguiamo di seguito gli ultimi aggiornamenti che arrivano da Dubai e le decisioni prese per le politiche climatiche e ambientali globali.

Dubai 2-4 dicembre 2023
57 miliardi per l’Agenda sul Clima

La COP28 mobilita oltre 57 miliardi di dollari nei primi quattro giorni, ponendo le basi per una nuova era nell’azione per il clima.
In una potente dimostrazione di solidarietà globale, governi, imprese, investitori e organizzazioni filantropiche hanno annunciato oltre 57 miliardi di dollari da destinare all’agenda sul clima solo nei primi quattro giorni della COP28.

Dopo uno storico accordo per rendere operativo un fondo per la risposta all’impatto climatico sin dal primo giorno, gli annunci si sono riversati su tutta l’agenda climatica, compresi finanza, salute, cibo, natura ed energia.

Cos’è il fondo ALTERRA

Per quanto riguarda la finanza climatica, gli Emirati Arabi Uniti hanno lanciato un fondo catalizzatore da 30 miliardi di dollari, ALTÉRRA, con l’accento sullo sblocco dei finanziamenti privati nel Sud del mondo. Il Paese ha inoltre annunciato 200 milioni di dollari per DSP e 150 milioni di dollari per la sicurezza idrica. Inoltre, la Banca Mondiale ha annunciato un aumento di 9 miliardi di dollari all’anno per finanziare progetti legati al clima. E, nelle prime 48 ore della COP28, dopo che è stata resa operativa una risposta storica alle perdite e ai danni, sono già stati promessi 725 milioni di dollari.

Fondo verde e Fondi per la salute e la sicurezza alimentare

Inoltre, sono stati annunciati

  • 3,5 miliardi di dollari per ricostituire il Fondo verde per il clima,
  • 2,7 miliardi di dollari sono stati stanziati per la salute,
  • 2,6 miliardi di dollari sono stati impegnati per la trasformazione dei sistemi alimentari,
  • 2,6 miliardi di dollari sono stati stanziati per proteggere la natura,
  • 467 milioni di dollari sono stati annunciati per il clima urbano. azione e
  • 1,2 miliardi di dollari sono stati impegnati per gli aiuti, la ripresa e la pace.

Energia: le risorse approvate a Dubai

Sul fronte energetico, 2,5 miliardi di dollari sono stati mobilitati per le energie rinnovabili e 1,2 miliardi di dollari per la riduzione delle emissioni di metano. Inoltre, sono stati promessi 568 milioni di dollari per promuovere gli investimenti nella produzione di energia pulita.

8 nuove Dichiarazioni sull’ambiente in vista

In totale, nei primi quattro giorni sono stati finora annunciati oltre 57 miliardi di dollari. Inoltre, i nuovi impegni e le dichiarazioni fatte alla COP28 hanno ricevuto un sostegno storico. Sono state annunciate otto nuove dichiarazioni che contribuiranno a trasformare tutti i principali sistemi dell’economia globale.

Queste includono le prime dichiarazioni in assoluto sulla trasformazione e la salute dei sistemi alimentari, oltre a dichiarazioni sull’energia rinnovabile e sull’efficienza, nonché iniziative per decarbonizzare le industrie ad alte emissioni.

Nei prossimi giorni verranno annunciate tre ulteriori dichiarazioni su idrogeno, raffreddamento e genere. Il numero di paesi che sostengono queste dichiarazioni e impegni è in crescita e dimostra un livello di inclusività senza precedenti in questa COP.

1° dicembre 2023, Global Climate Action Summit, tre azioni chiave per il clima

Il capo delle Nazioni Unite ha lanciato il suo appassionato appello all’apertura ad alto livello del Global Climate Action Summit, che vedrà i leader mondiali e i capi di Stato e di governo al centro della scena per i prossimi due giorni al Teatro Al Waha nell’iconica Expo City di Dubai.

Guterres ha sottolineato che il successo della conferenza di Dubai dipenderà dall’esito del cosiddetto “Global Stocktake” – in cui i paesi valuteranno per la prima volta i progressi nel contenimento del riscaldamento globale – che può riportare il mondo sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo obiettivi di temperatura, finanziamenti e adattamento.

Ha sottolineato che il bilancio deve prescrivere una cura credibile per il nostro pianeta sofferente in tre aree chiave.

  1. un drastico taglio delle emissioni poiché le politiche attuali ci stanno portando a un aumento della temperatura di tre gradi. “Invito i paesi ad accelerare i tempi di zero emissioni nette, per arrivare il più vicino possibile al 2040 nei paesi sviluppati e al 2050 nelle economie emergenti”.
  2. l’accelerazione verso una transizione giusta ed equa verso le energie rinnovabili, dal momento che un pianeta in fiamme non può essere salvato con una manichetta antincendio di combustibili fossili. “Il limite di 1,5 gradi è possibile solo se alla fine smetteremo di bruciare tutti i combustibili fossili. Non ridurre. Non diminuire. Eliminazione graduale – con un calendario chiaro allineato a 1,5 gradi”.
  3. il mantenimento della promessa, attesa da tempo, di giustizia climatica in un mondo ineguale e diviso: un’impennata della finanza, anche per l’adattamento, le perdite e i danni.

Ha esortato i paesi sviluppati a raddoppiare i finanziamenti per l’adattamento portandoli a 40 miliardi di dollari all’anno entro il 2025 e a fornire dettagli su come intendono mantenere la promessa di 100 miliardi di dollari di sostegno finanziario ai paesi in via di sviluppo.

 30 Novembre – Un fondo per il Clima da 100 milioni di dollari

La COP28 ha inaugurato i suoi lavori con l’annuncio di un Fondo per garantire la giustizia climatica di 100 milioni di dollari, richiesto dai paesi in via di sviluppo già nella precedente COP27 di Sharm el-Sheikh, in Egitto; i Paesi in via di Sviluppo sono in prima linea nel cambiamento climatico e devono far fronte al costo della devastazione causata da eventi meteorologici estremi in costante aumento come siccità, inondazioni e innalzamento del livello del mare.

Su X (ex Twitter), anche il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha accolto con favore l’accordo per rendere operativo il fondo definendolo uno strumento essenziale per garantire la giustizia climatica. Ha esortato i leader a sostenere il fondo e a far partire la COP28 con il piede giusto.

Sultan al-Jaber presidente della conferenza sul clima COP28, ha affermato che il suo paese, gli Emirati Arabi Uniti, contribuirà al fondo (con 100 milioni di dollari) insieme a Germania, Stati Uniti e Giappone.

COP28 di Dubai: gli orientamenti mondiali sul clima

La COP di Dubai segnerà il culmine di un processo noto come “Global Stocktake“, una valutazione dei progressi compiuti finora nel raggiungimento delle disposizioni chiave dell’accordo di Parigi: in particolare la riduzione delle emissioni di gas serra, la costruzione della resilienza climatica e la mobilitazione del sostegno finanziario per i paesi vulnerabili.

Pertanto, il segretario esecutivo dell’UNFCCC ha affermato che le delegazioni alla COP28 si trovano di fronte a due opzioni:

  • annotare la mancanza di progressi, modificare le attuali migliori pratiche “e incoraggiarci a fare di più ‘in un altro momento'”.
  • decidere a che punto rendere tutti sul pianeta sicuri e resilienti; finanziare adeguatamente questa transizione, compresa la risposta alle perdite e ai danni; e decidere di impegnarsi in un nuovo sistema energetico.

Guterres: caos climatico, serve agire ora

“Abbiamo le tecnologie per evitare il peggio del caos climatico, se agiamo ora” ha esorato il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres nel suo discorso inaugurale in apertura della Conferenza: “Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico ha tracciato un percorso chiaro verso un mondo a 1,5 gradi. Ma abbiamo bisogno di leadership, di cooperazione e di volontà politica di agire.E ne abbiamo bisogno adesso.”

Il Segretario rimarca il tema del riscaldamento globale e i suoi effetti macroeconomiciIl riscaldamento globale sta mandando in tilt i bilanci, facendo lievitare i prezzi dei prodotti alimentari, sconvolgendo i mercati energetici e alimentando una crisi del costo della vita”.

E sottolinea i rimedi possibili nelle energie rinnovabili: “Ma l’azione a favore del clima può cambiare le carte in tavola. E l’energia rinnovabile è il regalo che continua a dare. Fa bene al nostro pianeta, alla nostra salute e alle nostre economie. Pulisce la nostra aria. Soddisfa la crescente domanda di energia nel mondo”.

Guterres cita poi il ruolo del Global Stocktake o “Bilancio globale” un processo che consente ai paesi e alle parti interessate di vedere quali progressi si stanno facendo verso il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. “Il Global Stocktake deve quindi stabilire chiare aspettative per i Contributi Nazionali Determinati a livello economico presentati da tutti i Paesi, che coprano tutti i gas serra e siano in linea con il limite di 1,5 gradi”.

Importante il ruolo del G20 e dei Grandi detta terra ai quali riserva un’esortazione diretta: “Il G20, che rappresenta l’80% delle emissioni mondiali, deve assumere un ruolo guida. Esorto inoltre i Paesi ad accelerare i loro tempi di azzeramento delle emissioni, per arrivare il più vicino possibile al 2040 nei Paesi sviluppati e al 2050 nelle economie emergenti”.

Sugli obiettivi per i combustibili fossili Guterres insiste: “Il limite di 1,5 gradi è possibile solo se smettiamo di bruciare tutti i combustibili fossili. Non ridurre. Non ridurre. Eliminare gradualmente, con un chiaro calendario allineato a 1,5 gradi”.

A cosa servirebbe il Fondo per il Clima di Dubai

Il fondo aiuterebbe a compensare i paesi vulnerabili che affrontano perdite e danni causati dal cambiamento climatico e per far fronte al costo della devastazione causata da eventi meteorologici estremi sempre crescenti come siccità, inondazioni e innalzamento dei mari.

Infatti, spiegano dalle Nazioni Unite, le nazioni che contribuiscono meno alle emissioni di gas serra sono meno attrezzate per affrontare la siccità, l’innalzamento del livello del mare e altre distruzioni legate al clima. Le vite, i mezzi di sussistenza e le culture potrebbero essere massicciamente alterati da eventi meteorologici estremi. Con l’evolversi della crisi climatica, questi eventi si verificheranno più frequentemente e le conseguenze diventeranno più gravi.

La bozza di accordo per rendere operativo il tanto atteso fondo “perdite e danni” mira a contribuire a compensare le nazioni vulnerabili per l’impatto del cambiamento climatico, garantendo che le infrastrutture vitali possano essere ricostruite o sostituite con versioni più sostenibili.

Simon Stiell (UNFCC): 6 anni prima di superare 1,5 gradi

Parlando all’apertura della conferenza, Stiell, che è il segretario esecutivo dell’UNFCCC, ha avvertito che il mondo sta facendo “piccoli passi” di fronte a una terrificante crisi climatica planetaria che richiede un’azione coraggiosa ora. “Stiamo facendo piccoli passi e procedendo troppo lentamente per elaborare le migliori risposte ai complessi impatti climatici che abbiamo di fronte”, ha detto ai delegati riuniti per la COP28.

Stiell ha poi delineato la posta in gioco. “Questo è stato l’anno più caldo di sempre per l’umanità. Sono stati battuti così tanti record terrificanti”, ha detto, aggiungendo: “Stiamo pagando con la vita e i mezzi di sussistenza delle persone”.

“La scienza ci dice che abbiamo circa sei anni prima di esaurire la capacità del pianeta di far fronte alle nostre emissioni. Prima di superare il limite di 1,5 gradi”, ha avvertito, riferendosi a uno degli obiettivi chiave dell’Accordo di Parigi.

In questo contesto, Stiell ha invitato i paesi a fornire nuovi ambiziosi Nationally Determined Contributions (NDC), o piani d’azione nazionali per il clima in cui ogni singolo impegno nel 2025 – su finanziamenti, adattamento e mitigazione – deve essere in linea con un mondo di 1,5 gradi.

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore