Safety_Expo_formazione

Ambienti confinati e certificazione dei contratti di lavoro: la Nota INL

1879 0

Con Nota 694 del 24 gennaio 2024 dell’Ispettorato Nazionale del lavoro (in fondo alla notizia), la Direzione Generale INL risponde alle problematiche sull’obbligatorietà della certificazione dei contratti per il personale impiegato in servizi resi in ambienti sospetti di inquinamento o confinati in regime di appalto o subappalto ai sensi del Titolo VIII, capo I, del D.Lgs. n. 276/2003.

INL ricostruisce la normativa e gli obblighi di riferimento del DPR 177/2011 (il Regolamento per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento ) e si esprime sull’obbligo o meno di certificazione dei contratti di lavoro in tutte le ipotesi di esternalizzazione dell’attività produttiva certificazione , sull’organo di certificazione e su cosa certificare.

Per approfondire sulla normativa in materia di Ambienti confinati o sospetti di inquinamento, suggeriamo di partecipare al Corso di formazione di Istituto Informa: “Spazi confinati e lavori in quota – Data di inizio 13/02/2024

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati: gli obblighi del DPR 177/2011

Spiega INL che in base all’articolo 2 del D.P.R. n. 177/2011 qualsiasi attività lavorativa, nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati, può essere svolta unicamente da imprese o lavoratori autonomi che siano in possesso dei requisiti previsti dallo stesso articolo.

Sempre nell’articolo si afferma un rigido obbligo di valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria ed adozione delle misure di gestione delle emergenze per tutte le tipologie di azienda e quindi anche per i lavoratori autonomi, soprattutto in termini di sorveglianza sanitaria

Ulteriormente il comma 1, lett. c), dell’art. 2 prevede, quale requisito obbligatorio, la “presenza di personale, in percentuale non inferiore al 30 per cento della forza lavoro, con esperienza almeno triennale relativa a lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, assunta con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ovvero anche con altre tipologie contrattuali o di appalto, a condizione, in questa seconda ipotesi, che i relativi contratti siano stati preventivamente certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276. Tale esperienza deve essere necessariamente in possesso dei lavoratori che svolgono le funzioni di preposto”.

Art. 2 del DPR 177/2011

Qualificazione nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati

1. Qualsiasi attività lavorativa nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati può essere svolta unicamente da imprese o lavoratori autonomi qualificati in ragione del possesso dei seguenti requisiti:
a) integrale applicazione delle vigenti disposizioni in materia di valutazione dei rischi, sorveglianza sanitaria e misure di gestione delle emergenze;
b) integrale e vincolante applicazione anche del comma 2 dell’articolo 21 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nel caso di imprese familiari e lavoratori autonomi;
c) presenza di personale, in percentuale non inferiore al 30 per cento della forza lavoro, con esperienza almeno triennale relativa a lavori in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, assunta con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato ovvero anche con altre tipologie contrattuali o di appalto, a condizione, in questa seconda ipotesi, che i relativi contratti siano stati preventivamente certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276. Tale esperienza deve essere necessariamente in possesso dei lavoratori che svolgono le funzioni di preposto;
d) avvenuta effettuazione di attività di informazione e formazione di tutto il personale, ivi compreso il datore di lavoro ove impiegato per attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, specificamente mirato alla conoscenza dei fattori di rischio propri di tali attività, oggetto di verifica di apprendimento e aggiornamento. I contenuti e le modalità della formazione di cui al periodo che precede sono individuati, compatibilmente con le previsioni di cui agli articoli 34 e 37 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, entro e non oltre 90 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, con accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sentite le parti sociali;
e) possesso di dispositivi di protezione individuale, strumentazione e attrezzature di lavoro idonei alla prevenzione dei rischi propri delle attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati e avvenuta effettuazione di attività di addestramento all’uso corretto di tali dispositivi, strumentazione e attrezzature, coerentemente con le previsioni di cui agli articoli 66 e 121 e all’allegato IV, punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
f) avvenuta effettuazione di attività di addestramento di tutto il personale impiegato per le attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, ivi compreso il datore di lavoro, relativamente alla applicazione di procedure di sicurezza coerenti con le previsioni di cui agli articoli 66 e 121 e dell’allegato IV, punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81;
g) rispetto delle vigenti previsioni, ove applicabili, in materia di Documento unico di regolarità contributiva;
h) integrale applicazione della parte economica e normativa della contrattazione collettiva di settore, compreso il versamento della contribuzione all’eventuale ente bilaterale di riferimento, ove la prestazione sia di tipo retributivo, con riferimento ai contratti e accordi collettivi di settore sottoscritti da organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

2. In relazione alle attività lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati non è ammesso il ricorso a subappalti, se non autorizzati espressamente dal datore di lavoro committente e certificati ai sensi del Titolo VIII, Capo I, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e successive modificazioni e integrazioni.
Le disposizioni del presente regolamento si applicano anche nei riguardi delle imprese o dei lavoratori autonomi ai quali le lavorazioni vengano subappaltate.

Ambienti confinati: l’obbligo di personale qualificato

INL ribadisce l‘obbligo di utilizzo di personale qualificato, stabilendone i requisiti minimi – esperienza almeno triennale – e la tipologia contrattuale, la quale deve essere generalmente di tipo subordinato a tempo indeterminato.

Qualora l’impresa decida di utilizzare personale con altre tipologie contrattuali, allora l’impresa dovrà procedere alla certificazione del contratto di lavoro ai sensi del Titolo VIII, Capo I, del D.Lgs. n. 276/2003. Inoltre, nel caso in cui l’impiego del personale in questione avvenga in forza di un contratto di appalto, occorrerà certificare i relativi contratti di lavoro del personale utilizzato dall’appaltatore – ancorché siano contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato – ma non certificare anche il contratto “commerciale” di appalto.

Tali certificazioni, ovviamente, potranno essere utilizzate dall’appaltatore per tutta la durata dei rapporti di lavoro cui si riferiscono, a prescindere dalla circostanza che la certificazione sia stata effettuata in occasione di uno specifico appalto.

Esternalizzazioni delle attività in spazi confinati: quando è obbligatoria la certificazione dei contratti di lavoro secondo INL

Questa interpretazione deriva da una lettura dell’art.2 comma 2, spiega l’Ispettorato che subordina il ricorso al subappalto ai casi in cui sia autorizzato dal committente e sia certificato ai sensi del titolo VII, capo I del D.Lgs. n. 276/2003.

Secondo INL se il legislatore avesse voluto rendere obbligatoria la certificazione dei contratti di lavoro in tutte le ipotesi di esternalizzazione dell’attività produttiva (anche per appalti e subappalti) lo avrebbe previsto in maniera esplicita.

E riscontra che anche il comma 1, lett. c), dell’art. 2 definisce i requisiti che devono avere i lavoratori addetti alle lavorazioni in ambienti confinati e sospetti di inquinamento e non si rivolge ai rapporti intercorrenti tra il committente e l’appaltatore.

Ad ulteriore conferma dell’interpretazione, INL ricorda che il prevedere la certificazione dei contratti di lavoro del personale utilizzato dall’appaltatore (ma non anche del contratto “commerciale” di appalto) è già di per sé una garanzia in ordine sia ai requisiti di esperienza richiesti dalla norma, sia per quanto concerne i trattamenti retributivi e normativi riservati a tale personale che, evidentemente, costituiscono anch’essi un indice di regolarità dell’appalto.

Ambienti confinati: qual è l’organo di certificazione secondo INL

Ulteriormente INL chiarisce che l’individuazione dell’organo di certificazione cui far riferimento è il luogo in cui è svolta l’attività, potendosi rivolgere a:

  • Ispettorato del lavoro, Province, Consigli provinciali dell’Ordine dei consulenti del lavoro, Enti bilaterali regionali o provinciali se ci si rivolge ad un soggetto che ha una competenza territoriale;
  • Università o Fondazioni Universitarie: non c’è un problema di competenza territoriale

Attività di certificazione dei contratti: cosa verificare?

INL infine conferma che l’attività istruttoria propria della Commissione dovrà approfondire le tipologie contrattuali dei lavoratori impiegati e della loro esperienza professionale, del possesso del DURC in capo alle imprese, dell’applicazione integrale del CCNL, degli adempimenti compiuti dal committente in relazione alla verifica dell’idoneità tecnico-professionale.

Spazi confinati: libri e corsi di formazione di EPC Editore e istituto informa

Abc della sicurezza sul lavoro negli ambienti confinati, EPC Editore, ristampa novembre 2022, Fucile Antonio

Abc della sicurezza sul lavoro negli ambienti confinati

Fucile Antonio
Manualistica per i lavoratori
Edizione: ristampa novembre 2022
Pagine: 80
Formato: 115×165 mm
€ 6,00

All’interno del manuale è presente il tagliando di presa visione che il lavoratore è tenuto a firmare e restituire all’azienda per attestare l’avvenuta informazione ai lavoratori in materia di sicurezza sul lavoro ai sensi dell’art. 36 del d.lgs. 81/08.

SPAZI CONFINATI Formazione, addestramento, equipaggiamento, EPC Editore, aprile 2018, Sbocchi Christian

SPAZI CONFINATI Formazione, addestramento, equipaggiamento
Sbocchi Christian
Libro
Edizione: aprile 2018
Pagine: 256
Formato: 170×240 mm
€ 28,50

L’autore rivolge particolare attenzione a quanto sul piano pratico, nella quotidiana gestione del lavoro, costituisce importante elemento valutativo, secondo un’idea della sicurezza legata essenzialmente al “saper fare”.

Spazi confinati, EPC Editore, Novembre 2011,

Spazi confinati
Poster
€ 15,00 + iva

Poster Covid – Gestione spazi comuni
Poster
€ 15,00 + iva

Corso di formazione per addetti ai lavori in AMBIENTI SOSPETTI D'INQUINAMENTO e/o CONFINATI, EPC Editore, ottobre 2020, Sbocchi Christian

Corso di formazione per addetti ai lavori in AMBIENTI SOSPETTI D’INQUINAMENTO e/o CONFINATI
Sbocchi Christian
Materiali per il formatore
€ 55,00 + iva 4%
(versione in PowerPoint)

Tutto quello che occorre per creare un corso di formazione in pochi passi. Diapositive in PowerPoint personalizzabili, questionari di verifica in pdf, attestati direttamente modificabili in doc: questi gli strumenti che EPC mette oggi a disposizione in un nuovo formato scaricabile immediatamente sul tuo pc.
La collana in versione scaricabile contiene tutti i corsi sulle principali tematiche di salute e sicurezza sul lavoro, trattate dai maggiori esperti di settore. La collana risponde quindi all’esigenza di effettuare una raccolta sistematica delle informazioni necessarie per gli incontri di formazione e informazione. Un materiale che può essere facilmente adattato alle specifiche esigenze del formatore nell’ambito esclusivo della propria attività didattica.

Allegati

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it