Sistemi di Gestione Sicurezza

La UNI ISO 45001: il riferimento per i Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro

5764 0

In questa Scheda chiariamo cos’è la UNI ISO 45001 che diventa il punto di riferimento per i Sistemi di Gestione della salute e sicurezza a partire dall’11 settembre 2021 anche alla luce della recente pubblicazione delle Linee Guida INAIL su SGI-AE .

Nella Scheda vediamo a cosa serve la UNI ISO 45001, a chi si applica e quali sono i vantaggi della certificazione.

In fondo tutti gli approfondimenti sulla norma prodotti da EPC Editore e Istituto Informa.

UNI ISO 45001: la norma

La UNI ISO 45001:2018 è una norma internazionale che specifica i requisiti per un sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro (SSL) e fornisce una guida per il suo utilizzo, al fine di consentire alle organizzazioni di predisporre luoghi di lavoro sicuri e salubri, prevenendo lesioni e malattie correlate al lavoro, nonché migliorando proattivamente le proprie prestazioni relative alla SSL.

Il sistema di gestione applicato si basa sul concetto di Plan-Do-Check-Act (PDCA).

Quando è entrata in vigore la nuova norma UNI ISO 45001?

La Norma è entrata in vigore formalmente il 12 marzo 2018 ed il testo della UNI ISO 45001 è reperibile sul sito di UNI.

Che cosa è la Uni ISO 45001?

La Uni Iso 45001 costituisce lo standard internazionale per la certificazione del sistema di gestione ed è stata elaborata con l’obiettivo dell’integrabilità con le altre norme per sistemi di gestione certificabili, per le quali Iso ha adottato una struttura comune, HLS “high level structure”.

UNI ISO 45001: a cosa serve?

La norma facilita l’organizzazione nel raggiungimento dei risultati attesi del suo sistema di gestione per la SSL; ovvero:

  1. miglioramento continuo delle prestazioni relative alla SSL;
  2. soddisfacimento dei requisiti legali e di altri requisiti;
  3. raggiungimento degli obiettivi per la SSL.

Include l’appendice nazionale NA che specifica le chiavi di lettura dei requisiti della norma in applicazione della legislazione nazionale vigente.

A chi si applica la UNI ISO 45001?

È applicabile a qualsiasi organizzazione, indipendentemente dalle dimensioni, tipo e attività, che desideri istituire, attuare e mantenere un sistema di gestione per migliorare la salute e la sicurezza sul lavoro, eliminare i pericoli e minimizzare i rischi per la SSL (incluse carenze del sistema), cogliere le opportunità per la SSL e prendere in carico le non conformità del sistema di gestione per la SSL associate alle proprie attività.

Norma ISO 45001 è obbligatoria?

La ISO 45001 non è una norma obbligatoria ma un’opportunità di miglioramento da parte delle organizzazioni. Il datore di lavoro è tenuto a rispettare gli obblighi legislativi ma, nello stesso tempo, è fortemente motivato a gestire la salute e la sicurezza attraverso dei sistemi organizzativi che garantiscano il miglioramento delle prestazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. L’adozione quindi di un Sistema di Gestione per la Sicurezza sul Lavoro (SGSL) è un atto volontario ma nello stesso tempo un elemento organizzativo importantissimo anche se non obbligatorio.

Cos’è la HLS “high level structure”?

Le norme di riferimento erano la BS-OHSAS 18001:2007 e la Uni En Iso 14001:2004.

La nuova Uni Iso 45001:2018 e la Uni En Iso 14001:2015 “Sistemi di gestione ambientale – Requisiti e guida per l’uso”, condividono, come detto, la HLS “high level structure”.

La “Struttura di Alto Livello” definisce terminologia, struttura di base, parti di testo comuni, valide per tutte le norme dei Sistemi di Gestione (SG), presenti e future. Elemento qualificante della HLS è stato l’introduzione delle norme di gestione nell’ambito concettualmente più vasto della “gestione del rischio”, da intendersi come analisi delle possibili ricadute negative (“rischi”, come correntemente definite in ambito HSE), ma anche positive (“opportunità”).

Certificazione UNI ISO 45001: quali sono i principali vantaggi?

In base ad uno studio condotto da Accredia, in collaborazione con Inail e Aicq all’interno dell’Osservatorio Accredia “La sicurezza sui luoghi di lavoro e la certificazione” i vantaggi di una certificazione in UNI ISO 45001 sono:

  • Un riconoscimento internazionale per la gestione e la tutela della sicurezza e salute sul lavoro (Ssl);
  • rappresenta un fattore di competitività per l’impresa, con vantaggi in termini di riduzione dei costi sociali anche per la collettività;
  • permette all’azienda di conseguire autorevolezza e affidabilità nei confronti di tutte le parti interessate – istituzioni competenti, organizzazioni datoriali, lavoratori, clienti, fornitori e partner commerciali – nonché il riconoscimento internazionale degli strumenti di prevenzione adottati;
  • consente una riduzione dei costi, il miglioramento delle prestazioni in sicurezza e dell’immagine aziendale e un’opportunità per essere più competitive;
  • permette di accedere a sconti su premi assicurativi e polizze.

Differenze tra OHSAS 18001 e ISO 45001

Rispetto alla OHSAS 18001, la ISO 45001 disciplina i requisiti per la semplificazione della gestione integrale dell’organizzazione aziendale, permettendo anche l’esonero dalla responsabilità ex d. lgs. 231/2001.

OHSAS 18001

OHSAS 18001:2007, (Occupational Health and Safety Assessment Series) è stato lo strumento riconosciuto a livello internazionale come più idoneo a consentire alle organizzazioni interessate il miglioramento continuo in tema di igiene e sicurezza sul lavoro.

La norma è stata emessa nell’aprile del 1999 ad opera di BSI (british Standard Institute); è diventata norma a tutti gli effetti solo con la versione del 2007 ed è stata applicata da tutte le organizzazioni che hanno voluto formalizzare un sistema di gestione per eliminare o ridurre i rischi a cui i lavoratori potevano essere esposti nello svolgimento della loro attività. Si è rivolta quindi alla tutela dei lavoratori piuttosto che agli aspetti di sicurezza legati a prodotti o servizi. La struttura della norma ricalca lo schema di Deming del miglioramento continuo.

Con la pubblicazione della norma ISO 45001:2018, la BS OHSAS 18001 è stata ritirata e sostituita. Il periodo di transizione per la migrazione dalla OHSAS 18001:2007 alla Norma ISO 45001:2018 è stato esteso a settembre del 2021.

Quali sono le principali novità introdotte dalla ISO 45001?

La ISO 45001 ha sviluppato alcuni aspetti tipici della gestione della salute e sicurezza sul lavoro, innovativi rispetto alla BS OHSAS 18001:2007.

Ecco gli aspetti più innovativi:

ISO 45001 Risk Management

L’approccio basato sul risk management, cd.  Risk Based Thinking dei processi di strategia aziendale.
La logica del Risk Based Thinking garantisce che vengano identificati i fattori di rischio e di opportunità con strumenti pratici, immediati e permanenti, necessari ad un’azienda al fine di ridurre gli effetti critici, eliminando a monte i fattori che potrebbero deviare i processi e il sistema aziendale dagli obiettivi pianificati, massimizzando le opportunità ed i profitti.

ISO 45001 Leadership

L’alta direzione deve dare un forte commitment affinché sia ripreso a tutti i livelli della catena di comando. Viene dunque posto al centro del sistema il fattore umano, inteso sia come impegno efficace della Direzione (sviluppo di una leadership efficace) sia come partecipazione dei lavoratori (motivazione, coinvolgimento, pro-attività dei lavoratori diventano cardini essenziali).

ISO 45001 Consultazione e partecipazione dei lavoratori

L’attiva partecipazione dei lavoratori e dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) è da considerarsi elemento fondamentale per l’individuazione di tutti i rischi lavorativi e della gestione health and safety aziendale. Al fine di una migliore strategia d’impresa, secondo lo spirito della normativa, per poter analizzare tutti i tipi di minacce ed opportunità, le informazioni devono provenire ai vertici aziendali da ogni livello dell’organizzazione stessa; ciò può ottenersi solo mediante una consultazione che implica dialogo e scambi reciproci tra i diversi livelli aziendali. previsione testuale della consultazione e della partecipazione dei lavoratori ai processi di analisi gestionale ed organizzativa aziendale. Diventano centrali gli aspetti della partecipazione e consultazione dei lavoratori, a partire dai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), strumenti imprescindibili per individuare i pericoli occulti e per l’attuazione delle politiche di prevenzione.

ISO 45001 Outsourcing

Acquisti e appalti vengono compiutamente disciplinati, con la distinzione tra fornitori di beni e di servizi, poiché è in particolare nella categoria degli appaltatori o contractors che molto spesso si verificano infortuni.

Norma ISO 45001, per saperne di più consulta gli articoli:

Certificazioni UNI ISO 45001:2018: data ultima della migrazione spostata all’11 settembre 2021 (aprile 2020)
Migrazione da OHSAS 18001 alla 45001: IAF conferma il rinvio di sei mesi (marzo 2021)
UNI ISO 45001: certificazione e migrazione verso il nuovo standard (giugno 2018)

Per saperne di più sui Sistemi di Gestione della sicurezza:

Il Sistema di gestione integrato – articoli di approfondimento su Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro

La rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro ha dedicato diversi articoli alla UNI ISO 45001 e ai Sistemi di gestione integrati: gli articoli sono consultabili solo da utenti abbonati alla Rivista

Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro Settembre 2021 Infortuni sul lavoro: tema di attenzione prioritaria dopo il Covid-19 Cinzia Frascheri
Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro Settembre 2021 Lo standard internazionale ISO 45003: gestione dei fattori di rischio psicosociali nei luoghi di lavoro Carlo Bisio
Rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro Maggio 2021 Transizione alla norma UNI ISO 45001: l’esempio delle Linee di indirizzo SGSL-U A. Guercio, L. Mercadante

Conosci già la rivista Ambiente & Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985, il punto di riferimento per chi si occupa di Sicurezza sul Lavoro e Tutela dell’ambiente

Per aggiornati sui Sistemi di Gestione della sicurezza con i corsi di Istituto Informa

Istituto Informa organizza due diversi corsi per conseguire la qualifica di Auditor di terza parte

Auditor di Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sul Lavoro – Norma UNI ISO 45001:2018

La prima giornata è fruibile singolarmente per gli Auditor OHSAS 18001:07 che vogliono conseguire l’aggiornamento ai sensi della nuova norma.

Auditor di Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sul Lavoro Norma UNI ISO 45001:2018Acquisire uno dei requisiti per svolgere il ruolo di Auditor di III parte, valutare Sistemi di Gestione Salute Sicurezza sul Lavoro BS OHSAS 18001:2007

Auditor di Sistemi di Gestione Ambientale

La norma UNI EN ISO 14001:2015 – Corso riconosciuto AICQ SICEV n° 102 erogato da CERSA S.r.l.

Auditor di Sistemi di Gestione AmbientalePer conseguire la qualifica di Auditor di terza parte per la valutazione dei Sistemi di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004

Coordinamento editoriale Portale InSic.it – Formatore in salute e sicurezza sul lavoro – Content editor e Social media manager InSic.it

Antonio Mazzuca

Coordinamento editoriale Portale InSic.it - Formatore in salute e sicurezza sul lavoro - Content editor e Social media manager InSic.it