SPRING CONFERENCE 2023 31st European Conference of Data Protection Authorities

Budapest: Primavera dei Garanti UE, fra i temi, la tutela dei minori in rete

762 0
Iscriviti ora alla newsletter di InSic!
informativa sulla privacy

Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione (verifica anche nello spam)


Dal 10 al 12 maggio a Budapest si è tenuta la Spring Session dell’European Conference of Data Protection Authorities, la Conferenza di primavera dei Garanti Ue: si tratta del 31° appuntamento delle Autorità Garanti della Privacy, aperto al pubblico che avrà come tema principale il ruolo del Data protection officer, il suo ruolo all’interno delle organizzazioni e il rapporto con le Autorità di Regolamentazione della privacy.

  • L’11 maggio il nostro Garante della privacy ha organizza nella sede dell’Istituto italiano di cultura il workshop “Persone vulnerabili: strumenti di tutela on line. I minori e la verifica dell’età”, alla presenza del Presidente, Pasquale Stanzione, la Vice Presidente, Ginevra Cerrina Feroni, il Componente del Collegio, Agostino Ghiglia e il Segretario generale dell’Autorità, Fabio Mattei.
  • Quali sono gli argomenti? Di cosa parlerà il nostro garante della Privacy? Cos’è l’European Conference of Data Protection Authorities

Conferenza di primavera dei Garanti Ue 2023:
11 maggio Garante Privacy: come garantire la tutela online dei minori?

Sono disponibili sul sito del Garante Privacy gli interventi di Paquale Stanzione, Ginevra Cerrina Feroni e Agostino Ghiglia al workshop: “Persone vulnerabili: strumenti di tutela on line. I minori e la verifica dell’età”, focalizzato sulla tutela dei minori online.

Il Garante ha affermato la necessità di rafforzare la protezione dei minori on line con nuovi strumenti tecnologici e con più forti norme a tutela della loro personalità: il Presidente dell’Autorità Garante, Pasquale Stanzione. Stanzione ha sottolineato come in una società sempre più digitalizzata, il rapporto tra i giovani e i media, sia “un tema centrale per la democrazia”.

Dalla Pedagogia digitale alla tutela internazionale

Se da un lato il Presidente dell’Autorità Garante, Pasquale Stanzione ha ricordato come sia necessario avviare una vera e propria pedagogia digitale, tale da rendere i ragazzi consapevoli delle opportunità ma anche dei rischi cui li espone la rete, visto il sempre maggiore coinvolgimento diretto dei giovani nel dibattito pubblico che potrebbe esporli sempre di più a condotte lesive della dignità e del diritto alla libera costruzione della loro personalità.

La Vice Presidente Ginevra Cerrina Feroni, ha posto l’attenzione sul tema dei minori nel diritto internazionale e su un’analisi delle forme di tutela, dei diritti e degli interessi dei minori nelle Costituzioni nazionali europee. Quanto all’accesso al digitale, il componente del Collegio, Agostino Ghiglia ha ricordato il grande impegno del Garante italiano nel rafforzare la protezione dei più piccoli, attraverso la richiesta di adottare misure e sistemi avanzati di age verification o ricorrendo ad enti terzi affidabili. Secondo il Segretario generale del Garante, Fabio Mattei altre forme di tutela potrebbero derivare da Open AI e dal confronto con le Autorità di protezione dei dati possa per una governance sostenibile delle nuove tecnologie. E il componente del Garante Guido Scorza, ha suggerito di affiancare alla cooperazione extraeuropea, basata su norme e regole, un maggiore impegno nella creazione di occasioni per la condivisione di idee, esperienze e buone pratiche.

Spring Session European Conferenze of Data protection: programma e temi

Gli incontri di Budapest si sono articolati in quattro argomenti per la sessione chiusa e un argomento per l’open day: l’agenda è disponibile online.

  1. Nuove tecnologie – il Panel riguarderà una valutazione degli impatti sociali dell’uso delle nuove tecnologie in diversi ambiti
  2. Diritto della concorrenza: riguarda le interconnessioni tra il diritto della concorrenza e la protezione dei dati. Il panel cercherà di esplorare come queste due aree del diritto possono sostenersi a vicenda e giovare al benessere della società.
  3. Decisioni delle Corti di Giustizia: una sessione di aggiornamento sulle ultime interpretazioni della CGE in materia di trattamento dati (vedi l’ultima sentenza da noi riportata) e sui casi più importanti affrontati dalle Corti di Strasburgo e Lussemburgo.
  4. Le Migliori pratiche/casi di studio nella cooperazione in materia di applicazione tra paesi SEE e paesi non SEE: l’obiettivo è condividere l’esperienza acquisita nella cooperazione in materia di applicazione tra paesi al di fuori della cooperazione GDPR. I relatori sono invitati a condividere le lezioni apprese dalle loro esperienze.
  5. Open Day – Responsabili della protezione dei dati: riguarderà in particolare i rapporti fra i DPO e le DPA (autorità di Protezione dei Dati), le opportunità delle relazioni e le occasioni di formazione per gli RPD, la qualificazione degli operatori ed i risvolti sul maggiore rispetto delle norme sulla protezione dei dati.

In particolare, la riunione si è focalizzata sulla figura del DPO e sull’attuazione del Regolamento Coordinated Enforcement Framework (CEF 2023), a cui partecipano 26 Garanti. Obiettivo: armonizzare l’attuazione delle norme e la cooperazione tra le autorità di controllo. Per questo sono stati diffusi questionari, accertamenti formali e follow-up sugli aspetti della designazione e della posizione degli RPD nelle organizzazioni

Cibersicurezza e protezione dei dati: informazione e formazione per il professionista della Security

Come proteggersi da un attacco Hacker?
InSic suggerisce la consultazione del seguente Libro di EPC Editore:

Cybersecurity e cyberwarfare, EPC Editore, gennaio 2023, Caria Giovanni Battista, Iaselli Michele

Cybersecurity e cyberwarfare
Caria Giovanni Battista, Iaselli Michele
Libro
Edizione: gennaio 2023

L’opera che vede come curatori e in parte anche autori Michele Iaselli e Giovanni Caria con il coinvolgimento di esperti di sicurezza informatica e giuristi specializzati nel settore, ha come focus la cyberwar intesa come l’uso di computer e di reti per attaccare o difendersi nel cyberspazio e più nello specifico la cyberwarfare intesa come attacchi informatici condotti non contro singole aziende, ma contro intere nazioni.

Cyber Security e Cyber Strategy Aziendale, EPC Editore, ,

Per formarsi in materia di CyberSecurity, consigliamo il Corso di Istituto informa:

Cyber Security e Cyber Strategy Aziendale
data di inizio 27/06/2023

Corso di formazione che esplora i concetti fondamentali in tema di cyber security anche alla luce dei recenti mutamenti normativi introdotti (es. Direttiva NIS, GDPR, ecc.), con particolare riferimento alle metodologie di valutazione dei rischi ed alle best practices internazionali. 

Valido come Aggiornamento per “Professionista della security”, “DPO”, “HSE Manager” e “Auditor/Esperto 231” certificati da ICMQ/CERSA (8 crediti formativi)

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore