Stoccaggio sostanze chimiche: l’esplosione alla West Fertilizer Company

1375 0
Negli ultimi anni, innumerevoli incendi o esplosioni che hanno coinvolto prodotti chimici con noti rischi di reattività hanno colpito diverse strutture del settore warehousing e logistico. Gli incendi che coinvolgono magazzini intensivi o di grandi dimensioni e le navi portacontainer possono avere una enorme magnitudo sia per quanto riguarda il rischio vita, che per quanto riguarda i danni materiali e finanziari. Non bisogna poi dimenticare la possibilità di devastanti conseguenze sull’ambiente. Le sostanze più frequentemente coinvolte in questi incidenti sono il nitrato di ammonio, la nitrocellulosa, l’ipoclorito di calcio, i carboni vegetali, gli ossidanti forti e le miscele reattive, come le soluzioni di monomeri ed oligomeri.
Su Antincendio n.7/2019 l’articolo di Giovanni Cocchi (Fire Investigation Technician) “Stoccaggio di sostanze chimiche: incendi ed esplosioni da sostanze reattive” offre una analisi della casistica incidentale degli ultimi anni, tramite lo studio di casi notevoli che hanno ricevuto grande attenzione, consente di trarre alcuni importanti spunti di riflessione sia per la loss prevention che per l’analisi forense.
Di seguito riportiamo un estratto dall’articolo che fa luce sulla esplosione alla West Fertilizer Company.

Esplosione alla West Fertilizer Company

Lo sviluppo dell’incidente della West Fertilizer Company può essere schematizzato come un incendio seguito da una massiccia detonazione di nitrato di ammonio (Willey, 2017). Lo stabilimento interessato era un magazzino di prodotti per l’agricoltura e le sostanze chimiche immagazzinate nel sito erano nitrato di ammonio, ammoniaca anidra e altri prodotti chimici per l’agricoltura. Tutte le fonti concordano sul fatto che la sostanza chimica coinvolta nell’esplosione sia stato il nitrato di ammonio, peraltro di grado agricolo e non quello destinato all’impiego come formulante negli esplosivi tipo ANFO. L’esatto meccanismo fisico e chimico sottostante all’innesco dell’esplosione non è stato identificato con certezza, ma si presume che la detonazione del nitrato di ammonio sia stata provocata da un incendio nella struttura, peraltro in legno. Il meccanismo di innesco dell’incendio iniziale è rimasto indeterminato: le ipotesi formulate spaziano da quella di un guasto elettrico a quella di un atto incendiario. Pertanto, la causa immediata dell’incidente è indeterminata (Laboureur, 2016).
Nonostante questa limitazione, diverse cause radice poste a cui può essere ricondotta la genesi dell’incidente e delle sue conseguenze sono state identificate nella modalità di stoccaggio e di manipolazione del nitrato di ammonio. Tra queste cause radice vengono annoverante l’uso di contenitori di stoccaggio in legno e la mancanza di misure attive di prevenzione antincendio, nonché nella mancanza di consapevolezza dei primi soccorritori riguardo ai rischi degli incendi che coinvolgono magazzini di nitrato di ammonio. Va infatti ricordato che questo incidente ha provocato un numero tragicamente alto di vittime tra i Vigili del fuoco intervenuti, che sostanzialmente hanno affrontato l’incendio senza tenere conto delle possibilità evolutive dello scenario di intervento.

L’articolo completo è disponibile su Antincendio per gli abbonati alla rivista.

Riferimenti bibliografici
Stoccaggio di sostanze chimiche: incendi ed esplosioni da sostanze reattive
Giovanni Cocchi
Rivista Antincendio n.7/2019

Conosci la rivista Antincendio?

Dal 1949 il punto di riferimento per Responsabili antincendio in azienda, progettisti, consulenti e Vigili del fuoco.Progettazione antincendio, fire safety engineering, gestione della sicurezza e sistemi di esodo, manutenzione degli impianti, novità normative e tutte le risposte ai tuoi dubbi di prevenzione incendi.

Scopri la rivista Antincendio e Abbonati!

Compila il seguente modulo, e invialo via fax (F: 06/33111043)

La Rivista è disponibile per gli abbonati in formato PDF (per singolo articolo) e consultabile via APP “Edicola” di EPC Periodici (disponibile su Android e IOS).

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore