Sostenibilità edifici: dalla Commissione uno strumento informativo

22 0
La Commissione europea ha presentato la fase pilota di “Level(s)”, un nuovo quadro di riferimento UE per gli edifici sostenibili, che aiuterà a trasformare il settore edile. Si tratta del primo strumento di questo tipo concepito per essere utilizzato in tutt’Europa.

Frutto di un’ampia consultazione con l’industria e il settore pubblico, Level(s) si basa su indicatori di prestazione che riguardano aspetti quali le emissioni di gas a effetto serra, l’efficienza delle risorse, l’efficienza idrica, la salute e il comfort, puntando a creare un “linguaggio comune” che definisca in cosa consiste nella pratica un edificio sostenibile e che non si limiti a considerare solo il consumo di energia.
La fase sperimentale di Level(s) è ormai lanciata e durerà fino al 2019: i promotori di progetti immobiliari sono invitati a scoprirlo e sperimentarlo. La Commissione europea presterà assistenza tecnica a chi vorrà provare Level(s), in tutti i suoi livelli o solo alcuni.
Level(s) è un quadro di valutazione open source messo a punto dalla Commissione europea in stretta collaborazione con soggetti di punta del settore quali Skanska, Saint Gobain, the Sustainable Building Alliance e Green Building Councils.
Due relazioni tecniche di orientamento sono state pubblicate a supporto della fase pilota: la prima presenta Level(s) e il suo funzionamento; la seconda illustra nel dettaglio come valutare le prestazioni con Level(s). La Commissione ospiterà a Bruxelles, il 4 dicembre 2017, un seminario pilota per le organizzazioni interessate a sperimentare Level(s).
Per manifestare interesse a partecipare alla sperimentazione ci si può registrare alla pagina http://ec.europa.eu/eusurvey/runner/Levels
Per manifestare interesse a partecipare al seminario sulla fase pilota, che si terrà a Bruxelles in dicembre, inviare un mail all’indirizzo europe@worldgbc.org

Per saperne di più su Level(s)
Level(s) è incentrato sugli aspetti principali della prestazione di un edificio, fungendo così da sportello semplice per chi vuole costruire in modo più sostenibile. Tra questi aspetti vi sono: le emissioni di gas serra durante l’intero ciclo di vita dell’edificio, il ciclo di vita dei materiali efficiente sotto il profilo delle risorse e circolare, l’uso efficiente delle risorse idriche, la salubrità e comodità degli spazi, l’adattamento e la resilienza ai cambiamenti climatici, il costo e il valore dell’intero ciclo di vita dell’edificio. Ciascun indicatore di Level(s) è concepito in modo da collegare l’impatto dell’edificio con le priorità dell’UE per l’economia circolare, e il quadro di fatto amplia il programma del settore edile favorendo la realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Articoli correlati