Progetto REEHUB: ENEA inaugura 4 hub per ricerca nelle diagnosi energetiche

760 0
ENEA informa della inaugurazione di quattro Centri di competenza a Brindisi (Puglia), Agnone (Molise), Tirana (Albania) e Podgorica (Montenegro) a supporto della realizzazione di diagnosi energetiche degli immobili pubblici e la formazione/informazione a tecnici, stakeholder e cittadini sulle tematiche dell’edilizia sostenibile.
I quattro centri fanno parte del progetto REEHUB (Regional Energy Efficiency HUB) che ha come obiettivo proprio realizzare diagnosi per l’efficientamento energetico e formare personale specializzato, per promuovere la diffusione di edifici pubblici a “bassa o zero energia”
Il progetto, finanziato dal programma europeo “INTERREG IPA CBC Italia, Albania, Montenegro”, ha ottenuto un duplice riconoscimento dall’Unione europea: è stato selezionato tra i progetti Interreg approvati in Europa e presentato nell’ambito della COP 25 di Madrid come best practice per la lotta ai cambiamenti climatici[1]. Tenuto conto dei risultati ottenuti, è stata finanziata una seconda fase del progetto che prevede la realizzazione di 11 diagnosi energetiche su edifici pubblici

Il progetto REEHUB – i partner coinvolti

Il progetto è stato sviluppato da un partenariato che comprende ENEA, Comune di Agnone e DITNE (DIstretto Tecnologico Nazionale sull’Energia) per l’Italia, Ministero infrastrutture e energia e Barleti Institute for Research and Development (BIRD) per l’Albania e Università di Architettura di Podgorica per il Montenegro. I risultati verranno presentati in occasione del workshop online in programma domani 11 settembre dalle 11 alle 13, che vedrà la partecipazione di professionisti, esperti e decisori pubblici e di rappresentanti del partenariato.

Il progetto REEHUB – la metodologia ENEA per la diagnosi energetica semplificata

Nell’ambito del progetto, ENEA ha sviluppato una metodologia per la diagnosi energetica semplificata che è stata trasferita attraverso training ad hoc nei quattro centri di competenza. “Oggi, partendo dalla stessa base di conoscenza, architetti, ingegneri, imprese di costruzioni e tecnici comunali del posto, sono in grado non solo di effettuare diagnosi energetiche seguendo le normative dettate dall’Unione europea, ma anche di giungere più rapidamente alle soluzioni per migliorare l’efficienza energetica degli edifici. L’obiettivo è di dar vita a un approccio sinergico alla decarbonizzazione del settore edilizio, in linea con i principi comunitari”, evidenzia Monica Misceo del Dipartimento Unità efficienza energetica dell’ENEA.

Il progetto REEHUB – applicazioni della metodologia ENEA per la diagnosi energetica semplificata

La metodologia ENEA per la diagnosi semplificata e la riqualificazione energetica è stata applicata agli edifici che ospitano i quattro ‘Centri di Competenza’ con l’obiettivo di raccogliere dati e misure per i corsi di formazione.

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore