Certificazione impianti e apparecchi: attivo il Servizio online CIVA – news e aggiornamenti

2529 0

INAIL ricorda che dal 1° luglio 2022 sono accessibili online sul portale dell’Istituto i nuovi servizi del settore apparecchi a pressione: per i legali rappresentanti o loro delegati (consulenti per le attrezzature e impianti, installatori, etc.) attraverso il sistema informatico CIVA.

  • Si tratta di prestazioni di tarature valvole, scorrimento viscoso, omologazione attrezzature con parti elettriche attive, approvazione generatori modulari, prova manichette GPL, revisione recipienti di trasporto gas (vecchio parco)
  • Una parte residuale dei servizi sarà oggetto di un secondo rilascio, informa INAIL. Le richieste per queste prestazioni, al momento, vanno inoltrate via pec.

Ma cos’è CIVA? come funziona l’applicativo? quali settori copre e quali servizi possono essere attivati online?

Applicativo CIVA: cos’è e come funziona

CIVA che sta per “Servizi telematici di certificazione e verifica” è l’applicativo INAIL che consente di richiedere on line i servizi più significativi, tra cui l’immatricolazione e la messa in servizio, relativi a impianti e attrezzature.

Dal 27 maggio 2019 i servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi possono essere richiesti esclusivamente online attraverso CIVA in base a quanto richiesto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 luglio 2011 in materia di presentazione di istanze, dichiarazioni, dati e scambio di informazioni e documenti, anche a fini statistici, tra le imprese e le amministrazioni pubbliche.

Chi può accedere al CIVA?

In base al Manuale diffuso da INAIL i servizi di Certificazione e Verifica sono accessibili ai seguenti gruppi di utenti:

  • Rappresentanti legali di aziende e loro delegati dei settori Industria, Artigianato, Servizi e Pubbliche Amministrazioni titolari di specifico rapporto assicurativo con l’Istituto (gestione IASPA);
  • Comandanti di aziende del settore navigazione;
  • Intermediari del datore di lavoro e propri delegati;
  • Datori di lavoro di struttura di Pubblica Amministrazione e loro delegati;
  • Utenti con credenziali dispositive.

Quali servizi chiedere con CIVA?

L’applicativo CIVA consente la gestione informatizzata seguenti servizi di certificazione e verifica:

  •  la denuncia di impianti di messa a terra;
  •  la denuncia di impianti di protezione da scariche atmosferiche;
  •  la messa in servizio e l’immatricolazione delle attrezzature di sollevamento;
  •  il riconoscimento di idoneità dei ponti sollevatori per autoveicoli;
  •  le prestazioni su attrezzature di sollevamento non marcate CE;
  •  la messa in servizio e l’immatricolazione degli ascensori e dei montacarichi da cantiere;
  •  la messa in servizio e l’immatricolazione di apparecchi a pressione singoli e degli insiemi;
  •  l’approvazione del progetto e la verifica primo impianto di riscaldamento;
  •  le prime verifiche periodiche.

Quali settori sono coperti da CIVA?

SOLLEVAMENTO

ASCENSORI E MONTACARICHI DA CANTIERE

APPARECCHI A PRESSIONE

IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

IMPIANTI DI MESSA A TERRA E PROTEZIONE PER SCARICHE ATMOSFERICHE

RICHIESTE COMUNI A TUTTI I SETTORI

Come usare l’applicativo CIVA?

INAIL mette a disposizione un Manuale, aggiornato nel giugno scorso.

Chi deve fare la denuncia degli impianti di messa a terra?

L’articolo 2, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462 prevede che i datori di lavoro comunichino, entro 30 giorni, all’Unità operativa territoriale Inail (Uot) competente la messa in servizio degli impianti di messa a terra e dei dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche e inviino anche  la dichiarazione di conformità dell’impianto rilasciata dall’installatore.

Testo Unico di Sicurezza: obbligo di messa in servizio delle Attrezzature in Allegato VII

Per quanto riguarda le attrezzature di lavoro ricomprese nell’allegato VII al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e, tra queste, le attrezzature di sollevamento, i datori di lavoro devono comunicarne la messa in servizio alla Uot Inail competente -che provvede all’assegnazione di una matricola- nonché richiedere la prima delle verifiche periodiche secondo le scadenze indicate nel richiamato allegato.

Attrezzature a pressione: obblighi di messa in servizio

Con riguardo alle attrezzature a pressione e agli “insiemi” di cui al decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93, il datore di lavoro o l’utilizzatore ha l’obbligo di effettuare la dichiarazione di messa in servizio alla Uot Inail di riferimento. Il decreto ministeriale 1 dicembre 2004, n. 329 indica alcune apparecchiature che sono soggette anche alla verifica di messa in servizio.

Effettuazione delle verifiche periodiche

Le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche sono definite dal decreto ministeriale 11 aprile 2011, le cui disposizioni si applicano ai seguenti gruppi di attrezzature: Gruppo SC Apparecchi di sollevamento materiali non azionati a mano e idroestrattori a forza centrifuga; Gruppo SP Sollevamento persone; Gruppo GVR Gas, Vapore, Riscaldamento.

La Circolare 12 maggio 2019: Servizio CIVA

Con circolare n. 12 del 13 maggio 2019 si regola il funzionamento del CIVA il nuovo sistema di segnalazione per la denuncia di impianti di messa a terra e di impianti di protezione da scariche atmosferiche; la messa in servizio e l’immatricolazione delle attrezzature di sollevamento, degli ascensori e dei montacarichi da cantiere e di apparecchi a pressione singoli e degli insiemi; il riconoscimento di idoneità dei ponti sollevatori per autoveicoli; le prestazioni su attrezzature di sollevamento non marcate CE; l’approvazione del progetto e la verifica primo impianto di riscaldamento; le prime verifiche periodiche.

Occorre preventivamente registrati al portale Inail e accedere utilizzando uno dei profili a disposizione. A questi è stato aggiunto il nuovo profilo “consulente per le attrezzature e impianti”.

Servizi CIVA: pagamento

Il pagamento avviene attraverso i canali di “PagoPa” ed i servizi di home banking e PayPal, ma, garantisce INAIL sarà comunque possibile inserire un pagamento già effettuato attraverso i canali tradizionali durante il periodo di passaggio al nuovo sistema.

Servizi non gestibili con CIVA

Fino al completamento del processo per la gestione online delle prestazioni di certificazione e verifica, ulteriori servizi, come la messa in servizio cumulativa di attrezzature a pressione, riparazione e taratura valvole, dovranno essere richiesti utilizzando i moduli disponibili sul portale INAIL , da inviare tramite posta elettronica certificata.

Quando è consentito inviare documentazione con posta ordinaria?

La posta ordinaria o la consegna a mano saranno ammesse solo per particolari allegati per i quali le procedure di digitalizzazione risultino troppo complicate. In attesa di definire e sviluppare apposite funzioni, i servizi richiesti tramite gli Sportelli Unici per le Attività Produttive (S.U.A.P.) e quelli relativi al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca continueranno ad essere inoltrati via pec all’Unità operativa territoriale Inail competente. Le strutture del Miur potranno, in alternativa, avvalersi di consulenti tecnici per l’inoltro tramite Civa.

Per quali servizi serve l’applicativo CIVA?

I servizi più significativi, relativi a impianti e attrezzature dei settori Ascensori e Montacarichi da cantiere, Attrezzature di Sollevamento, Impianti di Messa a Terra e Protezione dalle Scariche Atmosferiche, Apparecchi a Pressione e Impianti di Riscaldamento, devono essere richiesti utilizzando l’applicativo CIVA.

Quando non serve CIVA?

Gli altri servizi potranno essere richiesti, utilizzando l’apposita modulistica, tramite posta elettronica certificata (PEC) all’Unità operativa territoriale competente o al Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti

INAIL: come garantisce la sicurezza di macchine, apparecchiature e impianti?

L’Inail, attraverso le attività di certificazione e verifica svolte a livello centrale dal competente Dipartimento scientifico e dalle Unità operative territoriali, garantisce la sicurezza di macchine, apparecchi e impianti utilizzati nei luoghi di lavoro.

Impianti in sicurezza e a norma

Per approfondire sulla materia impiantistica suggeriamo i seguenti volumi di EPC Editore

La Formazione in materia di Impianti

inSic suggerisce il Corso di Istituto Informa

Controlli e manutenzione di sistemi, impianti ed apprestamenti antincendio
IN VIDEOCONFERENZA

Linee guida e indicazioni operative – Le novità del D.M. 01/09/2021

Valido come Aggiornamento per RSPP, ASPP e Coordinatori progettazione ed esecuzione dei lavori (D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

8 Crediti CNI

E.Nicolini

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore