SafetyExpo 2018
SEMESTRE EUROPEO
Seminario Crescita e Competitività: le iniziative INAIL e la delega del Job Act
fonte: 
INAIL
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Seminario Crescita e Competitività: le iniziative INAIL e la delega del Job Act INAIL riporta l'intervento del presidente Lucibello che ha tracciato un quadro delle iniziative promosse per il sostegno delle imprese e in tema di vigilanza. Non manca un riferimento al Job act e alla delega in materia di sicurezza


Il 4 e 5 dicembre si è svolta presso la Pontificia Università Urbaniana di Via Urbano VIII, 16 - Roma, il Seminario internazionale "Sostenere crescita e competitività delle imprese promuovendo salute e sicurezza sul lavoro in tempo di crisi", realizzato nell'ambito delle attività del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione Europea, e organizzato dal Ministero del Lavoro e dall'Inail in collaborazione con la Commissione Europea, l'Agenzia Europea per la Salute e Sicurezza sul Lavoro di Bilbao (OSHA) e l'ISSA (International Social Security Association).
L'INAIL a conclusione dell'evento riporta l'intervento del direttore generale dell'Istituto, che ha tracciato un quadro delle iniziative promosse per il sostegno delle imprese e il rafforzamento della vigilanza.

Secondo Lucibello "Dopo l'incorporazione di Ispesl e Ipsema, che ha generato "un reticolo virtuoso di interrelazioni con la ricerca finalizzata all'innovazione tecnologica di prodotto e di processo al servizio della prevenzione, l'Inail oggi è "garante di un più ampio sistema di tutela globale e integrata".
Lucibello ha ricordato i dati nazionali relativi all'andamento infortunistico, che nel 2013 hanno fatto registrare un calo del 9% degli infortuni riconosciuti sul lavoro dall'Istituto, passando dagli oltre 500mila del 2012 ai circa 457mila dell'anno scorso. Un trend positivo confermato anche lo scorso 9 ottobre da Eurostat, che ha quantificato in circa 3,2 milioni i casi registrati nell'Ue (3.878 quelli mortali), con una riduzione rispetto al 2008 pari, rispettivamente, al 14,1% per gli infortuni e al 20,8% per i casi mortali. Per il direttore generale dell'Inail questi risultati "sono anche un effetto delle diverse iniziative assunte in ambito prevenzionale dal sistema istituzionale e delle parti sociali, in attuazione delle strategie europee".

Le agevolazioni a sostegno delle imprese. "L'Inail - ha aggiunto Lucibello - sostiene le imprese nel progressivo miglioramento dei processi produttivi e dell'organizzazione del lavoro, attraverso la diffusione di soluzioni organizzative e tecniche aziendali, per la riduzione dei costi sociali, economici e assicurativi". Per incentivare l'adozione di misure di prevenzione, inoltre, "l'Istituto ha applicato una serie di agevolazioni che incidono significativamente sul costo del lavoro": dalla riduzione dei premi e contributi assicurativi legata all'andamento infortunistico aziendale (legge 147/2013), pari al 14,17% nel 2014 (nel limite di un miliardo di euro) e al 15,38% nel 2015 (1,1 miliardi), alla riduzione dei premi per gli artigiani (legge finanziaria 2007), che nel 2014 è stata del 7,99% nel limite di 27 milioni, dalla riduzione fino al 20% dei contributi dovuti per l'assicurazione dei lavoratori agricoli dipendenti (protocollo del welfare 2007) all'oscillazione del tasso di prevenzione, che nell'ultimo quinquennio si è tradotta in un calo dei premi pari complessivamente a quasi 1,2 miliardi di euro, di cui hanno beneficiato oltre 173mila imprese.

Nel bando Isi 2014 incentivi per 267 milioni. Il direttore generale dell'Inail ha ricordato anche i risultati ottenuti grazie ai bandi Isi (Incentivi di sostegno alle imprese) per sostenere la realizzazione di progetti volti al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Si tratta di "un sistema ormai strutturale - ha precisato Lucibello - frutto di un'apprezzabile scelta legislativa", che tra il 2010 e il 2013 ha messo a disposizione del nostro tessuto produttivo circa 730 milioni di euro a fondo perduto che sono stati distribuiti tra circa 14mila progetti. "A tali somme si aggiungeranno i 267 milioni destinati alla predisposizione del nuovo avviso pubblico Isi 2014, di imminente pubblicazione". Una novità di quest'anno è rappresentata invece dai 30 milioni impegnati dall'Istituto per il bando Fipit, "per l'erogazione di finanziamenti a sostegno delle piccole e micro imprese appartenenti ai settori dell'agricoltura, dell'edilizia e dell'estrazione dei materiali lapidei, che presentano indici infortunistici con valori tra i più elevati, sia in termini di frequenza che di gravità".

"Per quanto riguarda le attività di vigilanza - ha aggiunto Lucibello - "gli interventi di potenziamento sono stati notevoli". L'Inail, infatti, "in questi anni si è dotato di un sistema basato sullo sviluppo di strumenti tecnologici sempre più innovativi e sull'incremento delle banche dati esterne, attraverso la stipula di convenzioni e protocolli d'intesa con altri organismi che svolgono attività di controllo". I risultati ottenuti nel triennio 2011-2013 dai circa 350 ispettori dell'Inail confermano l'efficacia di questo approccio: la percentuale delle aziende irregolari sul totale di quelle ispezionate è passata dall'85,59% all'87,75%, mentre i premi omessi accertati complessivamente - tenendo conto, cioè, anche dei premi recuperati grazie all'attività di controllo svolta dai funzionari amministrativi - sono aumentati di oltre il 30%, sfiorando nel 2013 i 140 milioni di euro.

A proposito della razionalizzazione e semplificazione dell'attività ispettiva prevista dal Jobs Act, la legge delega in materia di lavoro appena approvata in via definitiva dal Senato, Lucibello ha sottolineato che "sulla necessità di un coordinamento efficace e sui risultati conseguibili da un impiego intelligente e flessibile delle risorse disponibili, l'Istituto non ha mai avuto dubbi e ha anche investito nel tempo nella realizzazione di quegli strumenti che la tecnologia mette a disposizione per favorire la condivisione delle informazioni, evitando duplicazioni". Il percorso attuativo delle nuove disposizioni, secondo il direttore generale "dovrà garantire le esigenze dell'Inail, particolarmente soddisfatte fino ad oggi con risorse proprie e con la massima attenzione al perimetro di competenze delle altre istituzioni, in una logica di vera integrazione delle attività e di condivisione degli scopi comuni, continuando a valorizzare una forza ispettiva di assoluta eccellenza".

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: