deposito_rifiuti_radioattivi

Deposito nazionale di rifiuti radioattivi: le modifiche del Decreto ENERGIA 2023 alla procedura di individuazione del sito

259 0

Come abbiamo visto il decreto-legge 9 dicembre 2023, n. 181 – qui il testo convertito, il cd. DECRETO ENERGIA 2023 interviene in materia di sicurezza energetica con disposizioni specifiche per la sicurezza energetica, degli impianti e diverse forme di incentivi alle fonti rinnovabili.

Al suo interno però si torna a parlare del Deposito nazionale di rifiuti radioattivi: il Decreto 181/2023 convertito modifica direttamente il Decreto legislativo 31/2010. Vediamo in che modo, attraverso il Dossier della Camera: la procedura da seguire per l’individuazione delle aree nell’ambito del Parco Tecnologico.

Deposito di rifiuti radioattivi: cambiano le attività del parco Tecnologico

La lettera a) dell’articolo 5 modifica l’articolo 25 del D.Lgs. 31/2010 in particolare il comma 2 dell’articolo 25, ove sono elencate le attività da svolgere nel Parco tecnologico.

In base alle modifiche:

  • tra le attività connesse alla gestione dei rifiuti radioattivi e del combustibile irraggiato da svolgere nel Parco tecnologico rientra – oltre alla caratterizzazione, il trattamento, il condizionamento e lo stoccaggio, già previsti dal testo previgente – anche lo smaltimento.
  • prevede che nel Parco tecnologico sono svolte tutte le attività di ricerca, di formazione e di sviluppo tecnologico connesse alla gestione dei rifiuti radioattivi e alla radioprotezione – al fine di precisare che sono altresì incluse le attività di ricerca, di formazione e di sviluppo tecnologico connesse agli interventi descritti nel programma di incentivazione di cui alla lettera e-ter) del comma 1 dell’articolo 26, introdotta dalla lettera b) del comma 1 dell’articolo.

Deposito di rifiuti radioattivi: nuovi compiti della Sogin

Fra le ulteriori novità il Decreto Energia 2023

  • attribuisce alla Sogin S.pA. il compito di predisporre, entro 30 giorni un programma degli interventi oggetto di misure premiali e delle relative misure premiali a vantaggio delle comunità territoriali ospitanti il Parco tecnologico e trasmetterlo al Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica (MASE) che lo approva entro i successivi trenta giorni.
  • prevede una autorizzazione di spesa di 1 milione di euro annui a decorrere dall’anno 2024 finalizzata al riconoscimento di misure premiali sulla base del programma

Individuazione dell’area del Deposito rifiuti radioattivi: cambia la procedura

La lettera c) dell’articolo 5 reca una serie di modifiche all’articolo 27 del D.Lgs. 31/2010, finalizzate a modificare la disciplina per l’individuazione dell’area destinata ad ospitare il Parco Tecnologico.

  • introduce l’acronimo CNAI accanto alla denominazione “Carta nazionale delle aree idonee” già prevista dal testo previgente
  • disciplina la presentazione di autocandidature ad ospitare il Parco tecnologico.
  • Prevede che il il MASE pubblichi  sul proprio sito istituzionale l’elenco delle aree presenti nella proposta di CNAI.
  • Il comma 5-quinquies dispone che, entro 30 giorni dalla ricezione della proposta di CNAA, il MASE, con il supporto tecnico della Sogin S.p.A., avvia, per la proposta stessa, la procedura di valutazione ambientale strategica (VAS). In caso di mancata presentazione di autocandidature entro il termine previsto, il MASE, entro i 30 giorni successivi alla scadenza del termine stesso, avvia la procedura di VAS sulla proposta di CNAI.  

Decreto ENERGIA: tutte le novità per il settore rifiuti

L’articolo 5, al comma 3-ter, inserito in sede referente, ammette, a partire dal 2024, a partecipare alle procedure competitive di cui al D.M. 15 settembre 2022 – sulla disciplina di sostegno alla produzione di biometano immesso nella rete del gas naturale – anche le imprese titolari di impianti di produzione di biogas prodotto attraverso il trattamento anaerobico di rifiuti organici oggetto di riconversione.

L’articolo 11, modificato in sede referente, reca numerose modifiche alla disciplina per l’individuazione del Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi da realizzare nell’ambito del Parco Tecnologico. Il decreto individua un procedimento alternativo, a quello attualmente previsto per l’individuazione del sito del Deposito (che si basa sulla redazione di una Carta nazionale delle aree idonee – CNAI), che prevede la presentazione di autocandidature e, sulla base di queste, la predisposizione di una Carta nazionale delle aree autocandidate (CNAA).

L’articolo 14-quater, inserito in Commissione, prevede la nomina a Commissario straordinario del Presidente della Regione Sicilia, per la durata di due anni prorogabili, finalizzata al completamento di una rete impiantistica integrata per la gestione del processo di smaltimento dei rifiuti, disciplinando anche la modalità di nomina e di esercizio dei poteri a lui attribuiti.

L’articolo 4-ter, inserito in Commissione, reca ulteriori disposizioni per la promozione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. ll comma 1 dispone in ordine alle attività di monitoraggio svolte dal GSE sullo smaltimento dei RAEE fotovoltaici.

Rifiuti: aggiornamento e formazione per gli operatori della tutela ambientale

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti, EPC Editore, ottobre 2021 (III ed.), Sassone Stefano

La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti

Sassone Stefano
Libro
Edizione: ottobre 2021 (III ed.)
Pagine: 304
Formato: 150×210 mm
€ 19,95

Vademecum dell'ambiente, EPC Editore, maggio 2020 (IV ed.), Sassone Stefano

Vademecum dell’ambiente

Sassone Stefano
Libro
Edizione: maggio 2020 (IV ed.)
Pagine: 472
Formato: 150×210 mm

Corsi di formazione per l’esperto ambientale in gestione dei rifiuti

RIFIUTI

Istituto Informa organizza il corso per professionisti della tutela ambientale e dell’energia:
La gestione documentale e la tracciabilità dei rifiuti
Le novità su RENTRI e il nuovo Formulario Trasporto Rifiuti (Vi.Vi.FIR)
8 Crediti Formativi (CFP) CNI
INFORMA- Roma

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell’ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore