STUDI E RICERCHE
Radioprotezione: uno studio sulla mortalità del cancro nei tecnologi radiologici statunitensi
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Radioprotezione: uno studio sulla mortalità del cancro nei tecnologi radiologici statunitensi Un articolo di BMJ Journal dal titolo: "Work history and radioprotection practices in relation to cancer incidence and mortality in US radiologic technologists performing nuclear medicine procedures" ha esaminato l'incidenza di mortalità del cancro per i tecnologi radiologici statunitensi che eseguono procedure di medicina nucleare.

I tecnologi radiologici sono esposti a dosi di radiazioni più elevate rispetto alla maggior parte delle altre professioni: lo scopo dello studio è stato quello di stimare il rischio di cancro in relazione alla storia lavorativa, alle procedure eseguite e alle pratiche di radioprotezione.
72.755 tecnologi radiologi hanno completato un questionario tra 2003 w 2005 e sono stati seguiti per monitorare la mortalità per cancro fino al 31 dicembre 2012; è stata anche monitorata l'incidenza del cancro attraverso il completamento di un questionario tra 2012-2013. Sono stati usati modelli multivariabili per stimare l'incidenza e la mortalità totale del cancro in base alle diverse procedure di medicina nucleare eseguite, alla frequenza di esecuzione di procedure diagnostiche o terapeutiche e all'esistenza di specifiche misure di protezione dalle radiazioni durante un decennio.

Durante il periodo di follow-up (media = 7,5 anni), sono stati segnalati 960 tumori incidenti e 425 decessi per cancro tra i 22.360 tecnici che hanno lavorato con procedure di medicina nucleare. Non è stato osservato un aumento del rischio di incidenza del cancro (HR 0,96, IC 95% 0,89-1,04) o morte (HR 1,05, IC 95% 0,93-1,19) tra i lavoratori che hanno mai eseguito procedure di medicina nucleare.
L'incidenza (ma non la mortalità) per cancro nei lavoratori è stata maggiore fra quei tecnologi radiologi che iniziarono ad eseguire procedure terapeutiche nel 1960: la frequenza nell'esecuzione di procedure diagnostiche o terapeutiche e l'uso di misure di radioprotezione non sono state coerentemente associate al rischio di cancro. Non sono state rilevate correlazioni chiare per tumori specifici, ma i risultati erano basati su numeri piccoli.
In conclusione, l'incidenza e la mortalità del cancro non sono state associate alle pratiche dell'attività lavorativa nel settore della medicina nucleare, inclusa una maggiore frequenza delle procedure eseguite.

Riferimenti bibliografici:
Work history and radioprotection practices in relation to cancer incidence and mortality in US radiologic technologists performing nuclear medicine procedures
Marie Odile Bernier, Michele M Doody, Miriam E Van Dyke3, Daphné Villoing1, Bruce H Alexander4, Martha S Linet1, Cari M Kitahara1

Per maggiori informazioni  
consulta il sito oem.bmj.com 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: