fbpx

La Cassazione e l’obbligo di vigilanza del CSE

472 0
L’anno 2017 ha segnato un importante punto di svolta nella giurisprudenza della Corte di Cassazione sull’obbligo di vigilanza del CSE. Per comprenderne appieno gli effetti, è utile ripercorrere le principali tappe del lungo e non sempre lineare percorso seguito negli ultimi vent’anni.

Su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro n.4/2018 l’articolo: “La Cassazione e l’obbligo di vigilanza del CSE da garante della sicurezza a gestore dell’infrastruttura” degli avvocati Giovanni Scudier e Lucia Casella dell’ingegner Guido Cassella cita e commenta alcune delle sentenze più significative della Cassazione su funzione e responsabilità del CSE, I contenuti dell’alta vigilanza, le posizioni di garanzia analizzando fra le altre, la sentenza della Cass. Pen., Sez. IV, del 23 gennaio 2017, n. 3288.

Nelle parti finali gli autori riferiscono di un nuovo percorso interpretativo per cui non può ascriversi al CSE “l’obbligo di eseguire un puntuale controllo, momento per momento, delle singole attività lavorative”, affermato dopo la sentenza 3288/2017 anche da due successive pronunce, tra le ultime la Cass. Pen., sez. IV, del 17 luglio 2017, n. 34869 (ud. 12.4.2017): per la prima volta si trova infatti esplicitamente sancito, con una chiarezza ed una perentorietà mai viste prima, che “il presupposto di fatto, la cui ricorrenza è essenziale per potere addebitare al coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione un difetto di verifica, di coordinamento e di adeguamento del POS e un difetto di prescrizioni e di vigilanza sulla esecuzione della prestazione lavorativa” è “rappresentato dalla presenza di un rischio interferenziale e della esigenza di gestire le criticità connesse alla insistenza di più ditte nel cantiere”.

Riferimenti bibliografici:
La Cassazione e l’obbligo di vigilanza del CSE da garante della sicurezza a gestore dell’infrastruttura
Ambiente&Sicurezza sul lavoro 4/2018

Conosci la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro?

Dal 1985 un aggiornamento competente e puntuale per i professionisti della sicurezza.
Ogni anno 11 fascicoli con approfondimenti normativi, tecnici e applicativi delle leggi; risposte pratiche ai dubbi che s’incontrano nella propria professione; aggiornamenti su prodotti e servizi per la prevenzione.
Scopri la rivista Ambiente&Sicurezza sul Lavoro
Per abbonarsi alla rivista, compila il modulo da inviare via fax (06 33111043)
La Rivista è disponibile per gli abbonati in formato PDF (per singolo articolo) e consultabile via APP “Edicola” di EPC Periodici (disponibile su Android e IOS)

Redazione InSic

Una squadra di professionisti editoriali ed esperti nelle tematiche della salute e sicurezza sul lavoro, prevenzione incendi, tutela dell'ambiente, edilizia, security e privacy. Da oltre 20 anni alla guida del canale di informazione online di EPC Editore