LA SENTENZA
Mancata segnalazione dei lavori: risponde il responsabile di cantiere
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Edilizia
Mancata segnalazione dei lavori: risponde il responsabile di cantiere In tema di responsabilità colposa per fatti derivanti da violazione delle norme sulle circolazione stradale, in caso di incidente originato per il mancato segnalamento di cantieri, nessuna efficacia causale può essere attribuita alla imprudente velocità tenuta dalla parte offesa, qualora risulta che le suddette cautele, se adottate, avrebbero neutralizzato il rischio del comportamento del conducente.
Lo ribadisce la Cassazione pen., Sez. IV, sentenza n. 29291 del 26.06.2018 .

Il commento è a cura di S. Casarrubia, tratto dalla rubrica "Rassegna della Giurisprudenza" su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.
Il testo della sentenza è disponibile sulla nostra Banca Dati Sicuromnia
Richiedi una settimana di accesso gratuito!


Il conducente di un'autovettura, a causa di una manovra imprudente, cagionava un sinistro stradale nel quale perdeva la vita un altro automobilista. Dopo un sorpasso ad una velocità superiore al limite, si ritrovava, infatti, rientrando nella propria carreggiata, davanti ad una buca (corrispondente ad un piccolo cantiere), malamente segnalata. Questo provocava una manovra improvvisa, a seguito della quale andava a collidere frontalmente con l'autovettura dell'automobilista deceduto.
È tratto a giudizio, per quanto qui rilevi, l'amministratore della società esecutrice dei lavori sulla buca, cui si contesta il fatto che la stessa non fosse segnalata con le modalità previste dalla normativa. Questi si difende rilevando come l'evento, purtroppo, si sarebbe comunque verificato a causa della guida spericolata di chi aveva provocato l'incidente, indipendentemente da una migliore segnalazione del cantiere.
La Suprema Corte, tuttavia, conferma la sentenza di condanna dei giudici di merito, posto che una più adeguata segnalazione del cantiere avrebbe determinato nel conducente maggiore cautela nella guida.

Conosci la Banca Dati Sicuromnia?

La banca dati di Salute e Sicurezza, Antincendio, Ambiente contiene tutta l'informazione e l'aggiornamento per i professionisti ed le aziende che devono applicare la normativa in materia di prevenzione e protezione dai rischi

Ti aggiorna quotidianamente sulle norme e sulle sentenze di recente emanazione
Ti supporta nella gestione degli obblighi di legge attraverso le tabelle di adempimento, lo scadenzario, la modulistica e le schede rapide
Ti offre un'occasione di analisi e commento attraverso la consultazione degli approfondimenti tratti dalle più importanti pubblicazione di settore
Ti mette a disposizione un esperto che risponde alle tue specifiche esigenze di chiarimento.
Ti offre inoltre un servizio di newsletter mensile che, direttamente sulla tua mail, ti segnala i più recenti contenuti inseriti in banca dati.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: