SafetyExpo 2018
RICERCA
Sostanze lesive dell'ozono, un report dell'Agenzia europea dell'ambiente
fonte: 
ARPAT
area: 
Tutela ambientale
Sostanze lesive dell'ozono, un report dell'Agenzia europea dell'ambiente Pubblichiamo il commento riportato dall'ARPAT al Rapporto 2013 dell'EEA (Agenzia europea dell'ambiente), diffuso in Giugno, sull'importazione, esportazione, distruzione e uso di sostanze che riducono lo strato di ozono



Nel 1989 è entrato in vigore il protocollo di Montreal che ha l'obiettivo di eliminare gradualmente la produzione e l'uso di quelle sostanze che contribuiscono al danneggiamento dello strato d'ozono. In Europa, l'uso e il commercio di queste sostanze è regolato dal Regolamento (CE) 1005/2009 (ODS Regulation) che stabilisce le norme in materia di produzione, importazione, esportazione, immissione sul mercato, uso, recupero, riciclo, rigenerazione e distruzione delle sostanze che riducono lo strato di ozono e dei prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da tali sostanze.
Il report appena pubblicato sintetizza i dati più recenti relativamente al regolamento 1005 e dà uno sguardo all'andamento 2006-2012. Le informazioni fornite dalle aziende sono riservate e per questo il report fornisce solo dati aggregati.
- La produzione di queste sostanze in Europea continua a diminuire dal 2006 (significativo calo a causa della crisi economica del 2009). La produzione in Europa è quasi esclusivamente per utilizzo di materia prima.
- La quantità di sostanze importate è diminuita stabilmente tra il 2006 e il 2010 (da 18608 a 8880 tonnellate, mentre dal 2010 al 2012 la quantità è stata relativamente costante.
- Nel 2012 la quantità di sostanze esportate ha continuato a diminuire dal 2006; nel 2012 è stata approssimativamente 1700 tonnellate in meno rispetto al 2011.

In Italia è stato inoltre, recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Dlgs 13 settembre 2013, n. 108 recante la Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. A partire dall'entrata in vigore del Decreto (12/10/2013) si applicheranno le nuove sanzioni (che arrivano sino a tre anni di arresto e ad euro 150.000 di ammenda).

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.arpat.toscana.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: