FINANZIAMENTI
Progetto LIFE 2018-20: adottato il nuovo Programma di Lavoro
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Tutela ambientale
Progetto LIFE 2018-20: adottato il nuovo Programma di Lavoro Con Decisione di esecuzione (UE) 2018/210 della Commissione, del 12 febbraio 2018 viene adottato il programma di lavoro pluriennale LIFE per il periodo 2018-2020, in vigore dal 1 gennaio 2018.
Il contributo massimo è di 1.657.063.000 EUR da utilizzarsi per finanziare specifici sottoprogrammi: 1.243.817.750 EUR è destinato al sottoprogramma Ambiente, mentre 413.245.250 EUR sono destinati al sottoprogramma Azione per il clima.

Il Nuovo Programma di lavoro 2018/2020
L'attuale secondo programma di lavoro pluriennale LIFE (compreso tra il 1 gennaio 2018 e il 31 dicembre 2020) tiene conto dell'esperienza maturata nel periodo 2014-2017 e, in particolare, delle raccomandazioni formulate nell'ambito della valutazione intermedia in particolare in merito alla necessità di una semplificazione delle procedure per la presentazione di domande e relazioni, di replicare i risultati del progetto e di un miglioramento della strategia di comunicazione.
Per semplificare la presentazione delle relazioni saranno elaborate procedure di gestione di progetto e i beneficiari avranno accesso a una banca dati online che agevolerà la raccolta dei dati relativi agli indicatori chiave. La strategia di comunicazione sarà migliorata attraverso gli appalti, spiega la Commissione nell'Allegato alla Decisione.
E aggiunge, l'attuale programma di lavoro pluriennale LIFE tiene conto anche dei recenti cambiamenti nella politica dell'UE, come il piano d'azione per l'economia circolare e il piano d'azione per la natura, i cittadini e l'economia , e fungerà da ponte verso futuri finanziamenti a favore della «sostenibilità», come delineato nel documento di riflessione sul futuro delle finanze dell'UE

I cambiamenti di LIFE 2018-20
Fra i cambiamenti, per il sottoprogramma Ambiente è prevista una riduzione del numero dei temi dei progetti (da 87 a 42) e una maggiore attenzione a orientare più marcatamente i candidati verso le priorità strategiche dell'UE, premiando progetti subordinati come la biodiversità e l'economia circolare e progetti con un impatto forte e diretto sulla salute.
Per quanto riguarda entrambi i sottoprogrammi la Commissione mira ad un rafforzamento dell'orientamento ai risultati attraverso l'introduzione dell'obbligo di produrre effetti misurabili sull'ambiente o sui cambiamenti climatici, incoraggiare il coinvolgimento degli enti privati sottolineando i vantaggi degli approcci di prossimità al mercato e azioni di sostegno che contribuiscano a sviluppare progetti pronti per gli investimenti e sostenibili sotto il profilo economico e ambientale.
Infine, si mira alla semplificazione delle procedure di gestione delle sovvenzioni, in particolare attraverso la sperimentazione di una procedura a due fasi per la presentazione delle domande per i progetti pilota, dimostrativi, di migliori pratiche e di informazione, sensibilizzazione e divulgazione, come suggerito nella valutazione intermedia del programma LIFE.

La Commissione rassicura anche sui vantaggi di LIFE: la valutazione intermedia ha condotto un'analisi che ha confermato la capacità del programma LIFE di promuovere sinergie nel quadro del programma stesso. E aggiunge: "Il programma LIFE dovrebbe essere in tal modo incentivato a cercare ancora più sinergie tra le dimensioni ambientale, economica e sociale dello sviluppo sostenibile. Pertanto, gli approcci plurifunzionali ben concepiti, che perseguono ad esempio, oltre ai propri obiettivi primari in materia di ambiente o azione per il clima, anche l'integrazione sociale o la crescita economica, otterranno punti supplementari".
Il programma LIFE prevede «altri progetti» e «altre attività». Tale flessibilità può essere sfruttata per sperimentare nuovi approcci, nuovi tipi di progetti e servizi per i progetti esistenti e/o i soggetti non interessati dai formati tradizionali di progetto.

Per saperne di più

Il programma LIFE
Il Programma LIFE regolato con Reg. n.1293/2013 (art.3) persegue i seguenti obiettivi generali:
• contribuire al passaggio a un'economia efficiente in termini di risorse, con minori emissioni di carbonio e resiliente ai cambiamenti climatici, contribuire alla protezione e al miglioramento della qualità dell'ambiente e all'interruzione e all'inversione del processo di perdita di biodiversità, compresi il sostegno alla rete Natura 2000 e il contrasto al degrado degli ecosistemi,
• migliorare lo sviluppo, l'attuazione e l'applicazione della politica e della legislazione ambientale e climatica dell'Unione, e catalizzare e promuovere l'integrazione e la diffusione degli obiettivi ambientali e climatici nelle altre politiche dell'Unione e nelle prassi del settore pubblico e privato, anche attraverso l'aumento della loro capacità,
• sostenere maggiormente la governance ambientale e in materia di clima a tutti i livelli, compresa una maggiore partecipazione della società civile, delle ONG e degli attori locali, e
• sostenere l'attuazione del settimo programma d'azione per l'ambiente.

Il programma LIFE è gestito dai servizi della Commissione stessa e dall'agenzia esecutiva alla quale tale compito è delegato in regime di gestione diretta. L'agenzia esecutiva agisce entro i limiti della delega ai sensi della decisione C(2013)9414 della Commissione o di qualsiasi decisione della Commissione che la sostituisca e sotto la supervisione dei servizi della Commissione. La responsabilità generale del programma è della Commissione. È possibile ricorrere a esperti esterni per coadiuvare l'attività dei servizi della Commissione e/o dell'agenzia esecutiva.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito ec.europa.eu 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: