Norme tecniche per le Costruzioni 2018
EVENTI
Il 28 aprile è la Giornata mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro
fonte: 
Redazione Insic
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Il 28 aprile è la Giornata mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro Il 28 aprile di quest'anno, migliaia di rappresentanti dei governi, dei datori di lavoro e dei lavoratori celebreranno la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro dell'ILO.
L'obiettivo è contribuire alla promozione di un lavoro decente attraverso il miglioramento delle condizioni di lavoro a livello della sicurezza e della salubrità nei rispettivi settori.

In un interessante articolo comparso sulle pagine dell'Organizzazione internazionale con sede a Ginevra, è stata chiesta una campagna globale "urgente e vigorosa" per affrontare il crescente numero di malattie professionali, che costano circa 2 milioni di vite ogni anno.
"Il costo finale della malattia professionale è la vita umana. Impoverisce i lavoratori e le loro famiglie e può minare intere comunità quando si perdono i loro lavoratori più produttivi", così il Direttore Generale dell'ILO Guy Ryder ha riportato in una dichiarazione rilasciata nei giorni scorsi, ribadendo che "Nel frattempo, la produttività delle imprese è ridotta e l'onere finanziario per lo Stato aumenta il costo degli aumenti di assistenza sanitaria. Dove la protezione sociale è debole o assente, molti lavoratori e le loro famiglie, non hanno la cura e il sostegno di cui hanno bisogno".

Ryder ha anche aggiunto che la prevenzione è la chiave per affrontare l'onere delle malattie professionali, ed è più efficace e meno costosa di eventuali cure e riabilitazioni e che "Un passo fondamentale è quello di riconoscere il quadro fornito dalle norme internazionali del lavoro dell'ILO per un'efficace azione preventiva e promuovere la ratifica e l'attuazione".

Il Direttore ha poi spiegato che l'ILO si sta adoperando per la creazione di un "nuovo paradigma di prevenzione che comprenda un'azione completa e coerente d iretta in modo specifico contro le malattie professionali, e non solo contro gli infortuni". Ha poi aggiunto "Affinché la prevenzione sia efficace, un passo fondamentale è quello di riconoscere il quadro normativo fornito dall'ILO e promuovere la ratifica e l'attuazione delle Convenzioni internazionali".

Nel rapporto, intitolato "La prevenzione delle malattie professionali"-che troverete in allegato alla notizia- redatto in occasione della Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro, si riporta che dei circa 2.340.000 decessi annuali legati al lavoro, la stragrande maggioranza - circa 2,02 milioni- sono causati da malattie legate al lavoro con una media giornaliera di 5.500 morti. L'ILO stima inoltre in 160 milioni i casi di malattie correlate al lavoro non mortali che si verificano durante un anno. I cambiamenti tecnologici e sociali, insieme con le condizioni economiche globali, stanno aggravando rischi per la salute già esistenti e favoriscono la creazione di nuovi rischi. Ben note malattie professionali, come ad esempio le pneumoconiosi e le malattie legate all'amianto, sono ancora diffuse, mentre nuove malattie professionali, come i disturbi mentali e muscoloscheletrici (DMS), sono in aumento. L'ILO stima che gli infortuni sul lavoro e le malattie provocano una perdita annuale del 4% del prodotto interno lordo (PIL) mondiale, pari a circa a 2,8 trilioni di dollari, dei costi diretti e indiretti di infortuni e malattie.

Maggiori informazioni sulla Campagna ILO per la prevenzione dalle malattie professionali sono disponibili al seguente link

In allegato il rapporto ILO "La prevenzione delle malattie professionali" in lingua italiana e il video dell'intervento del Direttore Generale dell'ILO Guy Ryder in occasione delle celebrazioni della Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.ilo.org 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: