SafetyExpo 2018
NORME TECNICHE
Informazione nel settore costruzioni: recepiti due standard ISO
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Edilizia
Informazione nel settore costruzioni: recepiti due standard ISO Dal 1 dicembre è in vigore la UNI EN ISO 12006-3:2016 che, in materia edile regola l'Organizzazione dell'informazione delle costruzioni, ed in particolare la parte 3 si occupa della "Struttura per le informazioni orientate agli oggetti" e la UNI EN ISO 16739:2016 Industry Foundation Classes (IFC) per la condivisione dei dati nell'industria delle costruzioni e del facility management.


La norma UNI EN ISO 12006-3:2016 recepisce lo standard ISO 12006-3:2007.La ISO 12006-3:2007 specifica un modello di informazione indipendente dal linguaggio che può essere impiegato per lo sviluppo di dizionari impiegati per memorizzare o fornire informazioni riferite a lavori di costruzione.
Consente sistemi di classificazione, modelli di informazione, modelli di oggetti e di processi a cui fare riferimento all'interno di un quadro comune.

Sempre da 1 dicembre è in vigore anche la UNI EN ISO 16739:2016 Industry Foundation Classes (IFC) per la condivisione dei dati nell'industria delle costruzioni e del facility management.
La norma recepisce lo standard ISO 16739:2013, che specifica uno schema di dati concettuale ed un formato di scambio file per i dati di un modello informativo di edificio (BIM).

La ISO 16739:2013 rappresenta uno standard internazionale aperto per i dati BIM che sono scambiati e condivisi tra applicazioni software utilizzate dai diversi partecipanti in un progetto di costruzione o di facility management.
Lo standard è costituito dallo schema dei dati, rappresentato come una schema di specifica EXPRESS e dai dati di riferimento, rappresentati come proprietà, nomi delle quantità e descrizioni.
Spiega UNI che lo "schema concettuale" è definito nel linguaggio di specifica dei dati EXPRESS. Il formato di riferimento di scambio file, per lo scambio e la condivisione dei dati in conformità allo schema concettuale, utilizza la codifica di testo Clear della struttura di scambio. Formati di file alternativi possono essere utilizzati se conformi allo schema concettuale.

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: