Safety Expo 2019
 Tutela Ambientale
 STUDI E STATISTICHE
Emissioni da CO2: calo del 2,5% nell'Europa a 28. Le stime di Eurostat
9 maggio 2019
fonte: 
area: Tutela ambientale
Emissioni da CO2: calo del 2,5% nell'Europa a 28. Le stime di Eurostat Eurostat stima che nel 2018 le emissioni di anidride carbonica (CO2) prodotte dalla combustione dei combustibili fossili sono diminuite significativamente del 2,5% nell'eurozona EU28 (*) rispetto all'anno precedente. Le emissioni di CO2 contribuiscono in modo determinante al riscaldamento globale e rappresentano circa l'80% di tutte le emissioni di gas a effetto serra dell'UE. Sono influenzati da fattori quali le condizioni climatiche, la crescita economica, la dimensione della popolazione, i trasporti e le attività industriali.

Nel report diffuso dall'ente di ricerca europeo, il calo delle emissioni più elevato viene registrato in Portogallo (-9,0%), seguito da Bulgaria (-8,1%), Irlanda (-6,8%), Germania (-5,4%), Paesi Bassi (-4,6%) Croazia (-4,3%). Gli aumenti sono stati registrati in otto Stati membri: Lettonia (+ 8,5%), in vista di Malta (+ 6,7%), Estonia (+ 4,5%), Lussemburgo (+ 3,7%), Polonia (+ 3,5%), Slovacchia (+ 2,4%), Finlandia (+ 1,9%) Lituania (+ 0,6%).

E l'Italia? Registra un calo ( -3.5%) delle emissioni: produciamo però il 10% del totale delle emissioni di CO2 di tutta l'eurozona nel 2018, al pari di Francia (10,00) e Polonia (10,3); la percentuale italiana è comunque notevolmente inferiore a quella della Germania che, col 22% è prima fra i produttori di CO2 nel 2018 nonostante abbia registrato un notevole decremento delle emissioni prodotte (-5,4%), dietro Portogallo e Bulgaria.

Le stime anticipate delle emissioni di CO2 generate dall'uso dell'energia sono calcolate da Eurostat sulla base di statistiche energetiche mensili e utilizzando una metodologia armonizzata. Questi dati, chiarisce l'Istituto, potrebbero differire leggermente da quelli pubblicati poi a livello nazionale. Tali dati non includono le emissioni di CO2 risultanti dalla combustione di rifiuti non rinnovabili.

(*) L'Unione Europea (EU28) presa a riferimento da Eurostat comprende:
Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Estonia, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Malta, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Finlandia, Svezia e Regno Unito.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito ec.europa.eu 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!