Salute e Sicurezza
 LA SENTENZA
Delegati alla sicurezza ed effettività della posizione di garanzia
14 maggio 2019
fonte: 
area: Salute e sicurezza sul lavoro
Delegati alla sicurezza ed effettività della posizione di garanzia Rispetto ad un caso di lesioni personali colpose aggravate dalla inosservanza della disciplina infortunistica, da parte di dipendente in posizione di garanzia sulla base di delega datoriale, la Corte di Cassazione nella Sentenza del 12-10-2018, n. 46395 pone in rilievo l'esercizio di fatto di poteri giuridici rispetto all'investitura formale, caposaldo del sistema antinfortunistico.
Il commento alla sentenza è a cura di Alessio Giuliani, collaboratore della cattedra di diritto del lavoro, Sapienza Università di Roma, Facoltà di Giurisprudenza.

In particolare "pur in presenza di un esercizio di fatto di una posizione di garanzia all'interno del luogo di lavoro, sia essa determinata da un atto di ingerenza piuttosto che da una distribuzione di incarichi non formalizzati, giammai si realizza una ipotesi di esonero di responsabilità del titolare effettivo della posizione di garanzia, ma semmai si costituisce una figura alternativa di garanzia, che potrebbe essere chiamata a rispondere sulla base del principio di effettività richiamato dall'art. 299 D.Lgs.vo 81/2008".

La Cassazione incentra il suo ragionamento sul principio di effettività, contenuto nell'art. 299 del T.U., ai sensi del quale le posizioni di garanzia del datore di lavoro, del dirigente e del preposto, a prescindere dall'investitura formale, gravano altresì su chi in concreto eserciti i poteri tipici di ciascun ruolo".

Sulla banca dati SicuromniaSu Sicuromnia è disponibile il testo del Provvedimento e i provvedimenti collegati oltre a news/articoli di approfondimento.
Richiedi una settimana di accesso gratuito!.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!