FINANZIAMENTI
Bando ISI 2017: click day fissato al 14 giugno!
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Salute e sicurezza sul lavoro
Bando ISI 2017: click day fissato al 14 giugno! INAIL torna a parlare del bando ISI e annuncia che, a partire dal 7 giugno 2018, le imprese che hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato definitivamente la propria domanda potranno accedere nuovamente alla procedura informatica per effettuare il download del proprio codice identificativo.
Tale codice deve essere custodito dall'impresa e utilizzato il 14 giugno 2018, giorno del "click day" dedicato all'inoltro telematico delle domande, che si svolgerà in un'unica sessione dalle ore 16.00 alle ore 16.30.
Nella pagina informativa dedicata al Bando Isi 2017 sono pubblicate le regole tecniche per l'inoltro delle domande online.
A disposizione anche diverse FAQ online per guidare l'utente nelle diverse fasi.

ISI è giunto alla sua ottava edizione: dal 2010 l'Istituto ha stanziato complessivamente oltre 1,8 miliardi a fondo perduto per contribuire alla realizzazione di interventi di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Con l'Avviso pubblico Isi 2017 Inail ha messo a disposizione Euro 249.406.358,00 suddivisi in 5 Assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari e secondo le modalità di cui all'Avviso pubblico Isi 2017.
Sono stati più di 17mila i progetti inseriti quest'anno sul sito Inail fino al 31 maggio, alla scadenza della prima fase della procedura per l'assegnazione dei finanziamenti.

L'accesso ai finanziamenti passa per tre fasi: la prima prevede l'accesso alla procedura online e compilazione della domanda (possibile fino al 31 maggio 2018). La seconda fase consiste nell'invio della domanda online (dal 7 giugno) e la Terza nella conferma della domanda online tramite l'invio della documentazione a completamento.

Fra le novità di quest'anno l'introduzione di un quinto asse di finanziamento, per sostenere l'acquisto di nuovi macchinari caratterizzati da soluzioni innovative per la riduzione delle emissioni inquinanti, del livello di rumorosità o del rischio infortunistico per le imprese agricole.
Ne parla INAIL sottolineando che i 35 milioni di euro a fondo perduto sono suddivisi in 30 milioni destinati alla generalità delle imprese agricole e in cinque milioni per i giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.
Le spese finanziabili sono quelle di acquisto o noleggio con patto di acquisto di macchine o trattori agricoli o forestali, alle quali si sommano le spese tecniche, relative alla redazione della perizia giurata, per le quali è fissato un tetto di 1.200 euro. Il contributo per ciascun progetto ammesso al finanziamento è pari al 40% dell'investimento per la generalità delle aziende e al 50% per i giovani agricoltori, da un minimo di mille euro fino a un massimo di 60mila euro, ma non può superare l'80% dei prezzi di listino.
Per essere finanziabile ciascuno dei mezzi richiesti deve soddisfare i requisiti di una delle due misure previste dal bando, che puntano rispettivamente al miglioramento del rendimento e della sostenibilità dell'azienda e all'abbattimento delle emissioni inquinanti, in relazione a tre fattori di rischio: infortuni causati da mezzi obsoleti, rumore e operazioni manuali. Il punteggio attribuito è determinato dal tipo di intervento previsto, dalle soluzioni tecniche adottate e dal livello di condivisione con le parti sociali.

Gli altri assi di finanziamento
INAIL ha poi dedicato singoli focus sugli altri assi di finanziamento: saranno cento i milioni per i progetti di investimento e per l'adozione di modelli organizzativi, quasi 45 milioni di euro per ridurre i rischi da movimentazione manuale dei carichi, 60 milioni di euro a fondo perduto per la bonifica da amianto e per le micro e piccole imprese del legno e della ceramica stanziati 10 milioni di euro.Per informazioni e assistenza è possibile contattare telefonicamente il contact center Inail al numero 06.6001.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.inail.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: