LA SENTENZA
Il capo cantiere può assumere una posizione di garanzia equivalente a quella del preposto
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Edilizia
Il capo cantiere può assumere una posizione di garanzia equivalente a quella del preposto In tema di sicurezza sul lavoro, il capo cantiere, la cui posizione è assimilabile a quella del preposto, assume la qualità di garante dell'obbligo di assicurare la sicurezza sul lavoro, tra cui rientra il dovere di segnalare situazioni di pericolo per l'incolumità dei lavoratori e di impedire prassi lavorative "contra legem".
Lo ribadisce la Cassazione pen., Sez. IV, nella sentenza n. 6507 del 09.02.2018.

Il commento è a cura di S. Casarrubia, tratto dalla rubrica "Rassegna della Giurisprudenza" su Ambiente&Sicurezza sul Lavoro.
Il testo della sentenza è disponibile sulla nostra Banca Dati Sicuromnia
Richiedi una settimana di accesso gratuito!

Il Caso
L'imputato, che nella vicenda di merito assumeva il ruolo di capo cantiere, è stato condannato dal giudice di merito per l'infortunio sul lavoro subito da un lavoratore, il quale era precipitato dalla parte alta di una rampa di scale di emergenza.
Ricorre per Cassazione avverso la sentenza di condanna, sostenendo che egli non fosse titolare di alcuna posizione di garanzia. La Corte rigetta il ricorso, pronunciando la massima in premessa (cfr. Cass. pen. n. 4340/2015).

Secondo la Cassazione
Il ragionamento seguito della Suprema Corte è questo:
1) il preposto è la persona che sovraintende all'attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di garanzia (art. 2, co. 1, lett. e, T.U. Sic.);
2) per il principio di effettività delle mansioni, assume in ogni caso la posizione di garante colui che si accolla i compiti del preposto, pur sprovvisto di regolare investitura (Cass. pen. n. 50037/2017);
3) il capo cantiere, nella vicenda di merito, aveva assunto di fatto i compiti del preposto, nella misura in cui, nonostante avesse partecipato in più occasioni alle riunioni del Coordinamento per la sicurezza, nel corso delle quali era emersa la circostanza che le rampe delle scale di emergenza erano prive di idonei parapetti, non si era attivato affinché le prescrizioni inerenti la sicurezza dei lavoratori, impartite nel corso di dette riunioni, venissero concretamente attuate tramite ordini di servizio o verbali di sopralluogo.

Conosci la Banca Dati Sicuromnia?

La banca dati di Salute e Sicurezza, Antincendio, Ambiente contiene tutta l'informazione e l'aggiornamento per i professionisti ed le aziende che devono applicare la normativa in materia di prevenzione e protezione dai rischi

Ti aggiorna quotidianamente sulle norme e sulle sentenze di recente emanazione
Ti supporta nella gestione degli obblighi di legge attraverso le tabelle di adempimento, lo scadenzario, la modulistica e le schede rapide
Ti offre un'occasione di analisi e commento attraverso la consultazione degli approfondimenti tratti dalle più importanti pubblicazione di settore
Ti mette a disposizione un esperto che risponde alle tue specifiche esigenze di chiarimento.
Ti offre inoltre un servizio di newsletter mensile che, direttamente sulla tua mail, ti segnala i più recenti contenuti inseriti in banca dati.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito sicuromnia.epc.it 
oppure scrivi a sicuromnia@epc.it  
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: