DAL MINISTERO AMBIENTE

Tutela del mare: dotazioni minime anti-inquinamento marino

15 febbraio 2017
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it

Con Decreto del Ministero dell'ambiente del 23 gennaio 2017 (pubblicato sulla GU n.37 del 14-2-2017) si provvede alla definizione delle dotazioni di attrezzature e scorte di risposta ad inquinamenti marini da idrocarburi, che devono essere presenti in appositi depositi di terraferma, sugli impianti di perforazione, sulle piattaforme di produzione e sulle relative navi appoggio. Il decreto abroga il decreto 20 maggio 1982 (che regolava la materia) ed entra in vigore a 15 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta.

Ragioni del provvedimento
Il decreto si è reso necessario per via dell'evoluzione tecnologica intervenuta negli ultimi anni nel settore delle attrezzature e dei prodotti da utilizzare per la bonifica del mare della contaminazione da idrocarburi petroliferi ed ha portato ad una revisione e aggiornamento delle dotazioni e scorte che devono essere disponibili su ciascuna piattaforma, sulle navi appoggio e in terraferma per combattere gli effetti dannosi in caso di inquinamenti accidentali.

Le dotazioni minimeIl Decreto 23/1/2017 definisce le dotazioni per i depositi in luoghi idonei sulla terraferma (art.1): obbligatorio per titolari di permesso di ricerca o di concessione di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi, di costituirli sulla base di una pianificazione logistica e operativa.All'art. 2 si indicano le dotazioni antinquinamento sulle navi appoggio (si tratta, anche in questo caso di una determinata presenza di panne di altura, panne assorbenti e litri di prodotti disperdenti), nonchè le dotazioni per gli impianti di perforazione e le piattaforme di produzione di oli minerali, e le navi di stoccaggio (FPSO-FSO) all'art. 3.
Obblighi documentali
Ulteriori specificazioni sono poi contenute all'art.4 in cui si richiede che istruzioni e disposizioni dettagliate per il corretto mantenimento delle attrezzature siano presenti presso i depositi, gli impianti e le navi appoggio; e le attrezzature siano sempre in buone condizioni manutentive, operative e costantemente disponibili per l'uso immediato.
Prodotti antinquinamento da utilizzare
Non mancano alcune specifiche per i prodotti da utilizzare (art.5): le panne assorbenti e il materiale oleoassorbente sono quelli riconosciuti impiegabili in mare, ai sensi del decreto direttoriale 31 marzo 2009. I prodotti disperdenti e assorbenti non inerti sono quelli riconosciuti idonei secondo le procedure previste dal decreto direttoriale del 25 febbraio 2011 (il loro impiego va però autorizzato di volta in volta dal Ministero Ambiente).

Tempistiche di adeguamento
I titolari di permesso di ricerca hanno 10 mesi di tempo, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto, per integrare le dotazioni e attrezzature presenti nei propri depositi, navi appoggio, piattaforme di perforazione e produzione e navi di stoccaggio

Riferimenti normativi
DECRETO 23 gennaio 2017 del MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
Definizione delle dotazioni di attrezzature e scorte di risposta ad inquinamenti marini da idrocarburi, che devono essere presenti in appositi depositi di terraferma, sugli impianti di perforazione, sulle piattaforme di produzione e sulle relative navi appoggio.
(GU n.37 del 14-2-2017)


Per saperne di più
Per un maggiore approfondimento sul provvedimento e per accedere agli atti normativi collegati, consulta la nostra Banca Dati Sicuromnia, o richiedi una settimana di accesso gratuito.
----------------------------------------------------------------------------

LA SCHEDA

Sicuromnia

La banca dati di Salute e Sicurezza, Antincendio, Ambiente contiene tutta l'informazione e l'aggiornamento per i professionisti ed le aziende che devono applicare la normativa in materia di prevenzione e protezione dai rischi

Ti aggiorna quotidianamente sulle norme e sulle sentenze di recente emanazione;
Ti supporta nella gestione degli obblighi di legge attraverso le tabelle di adempimento, lo scadenzario, la modulistica e le schede rapide;
Ti offre un'occasione di analisi e commento attraverso la consultazione degli approfondimenti tratti dalle più importanti pubblicazione di settore;
Ti mette a disposizione un esperto che risponde alle tue specifiche esigenze di chiarimento;
Ti offre inoltre un servizio di newsletter mensile che, direttamente sulla tua mail, ti segnala i più recenti contenuti inseriti in banca dati.



Potrebbe interessarti anche

Microplastiche in mare: dal Governo azioni di contrasto
Idrocarburi in mare: la Regioni recepiscono il "manifesto di Termoli"
Sicurezza delle operazioni in mare: approvato il decreto
Trivellazioni e tutela del mare: dallo Sblocca Italia ai rapporti con la Croazia
Operazioni in mare e Tutela delle Acque, le prossime deleghe al Governo