NORME TECNICHE

Trattamento acque reflue: aggiornate alcune parti della UNI EN 12566

26 ottobre 2016
Redazione InSic.it

Sono entrate in vigore il 20 ottobre scorso tre parti della UNI EN 12566 che riguarda i "Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT".
Si tratta della Parte 4: Fosse settiche assemblate in sito da kit prefabbricati; Parte 6: Unità prefabbricate di trattamento per effluenti di fosse settiche; Parte 7: Unità di trattamento terziario prefabbricate.

La parte 4 specifica i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e la valutazione di conformità delle fosse settiche assemblate in sito da kit prefabbricati e attrezzature ausiliarie dove applicabile, utilizzate all'esterno di edifici per il trattamento parziale delle acque reflue domestiche per una popolazione fino a 50 PT. Sono specificate le dimensioni del tubo, i carichi, la tenuta stagna, la marcatura e la valutazione di conformità. Non si applica alle fosse settiche che ricevono solo acque grigie.

La parte 6 specifica i requisiti, i metodi di prova, la valutazione di conformità e la marcatura di unità prefabbricate di trattamento secondario per il trattamento di effluenti di fosse settiche secondo la UNI EN 12566-1 o UNI EN 12566-4 in piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT. Si applica alle unità prefabbricate di trattamento secondario, in cui tutti i rispettivi componenti siano assemblati in fabbrica o in sito e immessi sul mercato come kit da parte di un fabbricante.
La norma non si applica a: unità di trattamento secondarie non a tenuta d'acqua con infiltrazione diretta nel suolo; kit di retrofit.

La parte 7 specifica i requisiti, i metodi di prova, la marcatura e la valutazione di conformità per unità di trattamento terziario preassemblate e/o assemblate in sito, che consistono di uno o più serbatoi a tenuta, senza alcuna infiltrazione diretta nel terreno, di calcestruzzo, acciaio resistente alla corrosione o rivestito, PVC-U, polietilene (PE), polipropilene (PP), poliestere rinforzato con fibre di vetro (GRP-UP) e Polidiciclopentadiene (PDCPD) e membrane flessibili. La norma si applica alle unità di trattamento terziario destinate ad essere utilizzate sopra il suolo (all'esterno dell'edificio) o interrate, laddove alle unità non siano applicati carichi veicolari.
La norma non tratta i sistemi per la riduzione dei microorganismi.


Riferimenti normativi:
UNI EN 12566-4:2016
Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT - Parte 4: Fosse settiche assemblate in sito da kit prefabbricati
Data entrata in vigore : 20 ottobre 2016

UNI EN 12566-6:2016
Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT - Parte 6: Unità prefabbricate di trattamento per effluenti di fosse settiche
Data entrata in vigore : 20 ottobre 2016

UNI EN 12566-7:2016
Piccoli sistemi di trattamento delle acque reflue fino a 50 PT - Parte 7: Unità di trattamento terziario prefabbricate
Data entrata in vigore : 20 ottobre 2016.



Potrebbe interessarti anche

Acque reflue: esercizio commerciale al pari delle acque reflue industriali
Trattamento delle acque reflue: migliora all'interno dell'UE