SAFEIN
 Tutela Ambientale
 DALL'EUROPA
Stato delle Infrazioni: ancora 14 procedure aperte
23 luglio 2018
fonte: 
area: Tutela ambientale
Stato delle Infrazioni: ancora 14 procedure aperte Sono sempre 14 le procedure in materia ambientale (3 in materia di energia) aperte con l'Europa (come già da inizio anno), seppure con qualche variazione. Lo conferma il rapporto sulle decisioni adottate dalla Commissione europea il 19 luglio 2018 che fa il punto su tutte le procedure di infrazione a carico dell'Italia (ambientali e non) e a carico degli altri paesi dell'Unione.
Sulla banca dati EUR-Infra l'elenco delle procedure aperte.


Sono 63 in tutto le infrazioni a carico del Belpaese, di cui 56 per violazioni del diritto dell'Unione Europea, 7 invece i casi di mancato recepimento di direttive. Sei le costituzioni in mora fra le quali compare la procedura 2017/2181 - Non corretta applicazione della direttiva 1991/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane che si aggiunge alla persistente Infrazione n.2014_2059 in materia di "Attuazione della direttiva 1991/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane".

Acque reflue: richiesta conformità alle prescrizioni dell'UE
La Commissione esorta l'Italia a conformarsi al diritto dell'UE sulle acque reflue urbane e a garantire che le acque reflue provenienti da tutti gli agglomerati umani con una popolazione di oltre 2.000 abitanti siano raccolte e trattate. A norma del diritto dell'UE (direttiva 91/271/CEE del Consiglio), città e centri urbani sono tenuti a realizzare le infrastrutture necessarie per la raccolta e il trattamento delle loro acque reflue urbane. Le acque reflue non trattate possono comportare un rischio per la salute e inquinano i laghi, i fiumi, il terreno e le acque costiere e sotterranee. Sebbene l'Italia sia già stata sottoposta a tre distinte procedure di infrazione a motivo di varie violazioni delle prescrizioni della direttiva, una valutazione degli ultimi dati presentati dall'Italia evidenzia che anche un numero considerevole (276) di agglomerati di dimensioni più ridotte viola gli obblighi fondamentali di raccolta, trattamento e monitoraggio. Vista l'entità di tali carenze, la Commissione invia all'Italia una lettera di costituzione in mora. Le autorità italiane dispongono di due mesi per rispondere; in caso contrario, la Commissione potrà decidere di inviare un parere motivato.

Ambiente: le cause ancora aperte e quelle archiviate
Rispetto a gennaio 2018 risultano archiviate la Infrazione n.2017_0127 (Mancato recepimento della direttiva 2015/0720/UE che modifica la direttiva 94/62/CE per quanto riguarda la riduzione dell'utilizzo di borse di plastica in materiale leggero) e la Infrazione n. 2015_2165 (Piani regionali di gestione dei rifiuti. Violazione degli articoli 28(1) o 30(1) o 33(1) della Direttiva 2008/98/CE).
Aperte ancora le importanti infrazioni in materia di ILVA (Infrazione n.2013_2177) per violazione della Direttiva IPPC e Direttiva IED a partire dal gennaio 2014. L'Infrazione 2003_2077 sulla non corretta applicazione delle direttive 75/442/CE sui "rifiuti", 91/689/CEE sui "rifiuti pericolosi" e 1999/31/CE sulle "discariche".
Le 2 infrazioni ancora aperte sulla direttiva 2008/50/CE (Infrazione 2015_2043) sulla qualità dell'aria ambiente ed in particolare obbligo di rispettare i livelli di biossido di azoto(NO2) e 2014_2147 relativa alla cattiva applicazione della direttiva con superamento dei valori limite di PM10 in Italia.

Elenco aggiornato delle procedure ambientali aperte con l'Europa
Ecco l'elenco aggiornato (luglio 2018) delle procedure ambientali aperte contro il nostro Paese:

Infrazione 2017_2181
Non conformità alla Direttiva 1991/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane
Messa in mora Art. 258 TFUE

Infrazione 2017_2172
Regolamento (UE) n. 511/2014 del 16 aprile 2014 sulle misure di conformità per gli utilizzatori risultanti dal protocollo di Nagoya relativo all'accesso alle risorse genetiche e alla giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dalla loro utilizzazione nell'Unione.
Messa in mora Art. 258 TFUE

Infrazione n.2015_2163
Mancata designazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e mancata adozione delle misure di conservazione. Violazione Direttiva Habitat. Direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (c.d. direttiva Habitat)
Messa in mora Art. 258 TFUE

Infrazione n.2015_2043
Applicazione della direttiva 2008/50/CE sulla qualità dell'aria ambiente ed in particolare obbligo di rispettare i livelli di biossido di azoto(NO2)
Messa in mora Art. 258 TFUE

Infrazione n.2014_2147
Cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell'aria ambiente - Superamento dei valori limite di PM10 in Italia.
Messa in mora complementare Art. 258 TFUE

Infrazione n.2014_2059
Attuazione della direttiva 1991/271/CEE relativa al trattamento delle acque reflue urbane.
Parere motivato Art. 258 TFUE

Infrazione n.2013_2177
Stabilimento siderurgico ILVA di Taranto- Direttiva 2008/1/CE sulla prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento (c.d. direttiva IPPC),fino al 7 gennaio 2014; Direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (c.d. direttiva IED),a partire dal 7 gennaio 2014
Parere motivato Art. 258 TFUE

Infrazione n.2013_2022
Non corretta attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale. Mappe acustiche strategiche.
Messa in mora complementare Art. 258 TFUE

Infrazione n.2011_2215
Violazione dell'articolo 14 della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti in Italia
Parere motivato complementare Art. 258 TFUE

Infrazione 2009_4426
Valutazione d'impatto ambientale di progetti pubblici e privati. Progetto di bonifica di un sito industriale nel Comune di Cengio (Savona) - Direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti; Direttiva 2011/92/UE (VIA)
Parere motivato complementare Art. 258 TFUE

Infrazione n.2009_2034
Cattiva applicazione della Direttiva 1991/271/CE relativa al trattamento delle acque reflue urbane
Sentenza Art. 258 TFUE

Infrazione n.2007_2195
Emergenza rifiuti in Campania.
Sentenza Art. 260 TFUE

Infrazione n.2004_2034
Cattiva applicazione degli articoli 3 e 4 della direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane.
Messa in mora Art. 260 TFUE

Infrazione n.2003_2077
Non corretta applicazione delle direttive 75/442/CE sui "rifiuti", 91/689/CEE sui "rifiuti pericolosi" e 1999/31/CE sulle "discariche".
Sentenza Art. 260 TFUE

Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!
Selezionate per te da InSic