SEVESO

Seveso III: magazzinaggio merci pericolose, quando si rientra nel D.Lgs. 105/2015?

31 ottobre 2017
Redazione InSic.it

Il ministero dell'ambiente ha pubblicato un nuovo articolato quesito in materia di Seveso III, a cura del Coordinamento per l'uniforme applicazione sul territorio nazionale del D.Lgs. 105/2015 (Seveso III).
Il quesito si articola in due parti: la attività di magazzinaggio di merci pericolose, intesa come sosta tecnica in attesa del ricarico sul mezzo di trasporto rientra nel D.Lgs. n.105/2015? E, in seconda battuta, se l'attività di magazzinaggio convive nella medesima area dove avviene il trasporto, come si applica il Decreto Seveso?

La sosta tecnica: il quesito

Si possono ritenere non sottoposte al D.Lgs. 105/2015 le aziende di trasporto che realizzano una attività di magazzinaggio intesa come sosta tecnica, per tempi più o meno brevi, per le quali le merci pericolose eventualmente presenti (siano esse in magazzino o su veicolo), sono in attesa di essere ricaricate su un nuovo mezzo di trasporto?

Secondo il Ministero

a) L'art. 2 del D.Lgs. 105/2015,al comma 2, lettera c, in merito all'ambito di applicazione, stabilisce che il Decreto non si applica "... al trasporto di sostanze pericolose e al deposito temporaneo intermedio direttamente connesso, su strada, per ferrovia, per idrovia interna e marittima o per via aerea, comprese le attività di carico e scarico e il trasferimento intermodale presso le banchine, i moli o gli scali ferroviari di smistamento e terminali, al di fuori degli stabilimenti soggetti al presente decreto". Pertanto, alla luce della definizione di "deposito temporaneo intermedio" di cui all'art. 3 del suddetto decreto le aziende di trasporto che realizzano una attività di magazzinaggio intesa come sosta tecnica, per tempi più o meno brevi, per le quali le merci pericolose eventualmente presenti (siano esse in magazzino o su veicolo), sono in attesa di essere ricaricate su un nuovo mezzo di trasporto, si possono ritenere non sottoposte alla normativa in oggetto, salvo quanto specificato al punto b).

Compresenza di magazzinaggio e trasporto: il quesito

Considerando che sono sottoposti al regime di cui al D.Lgs. 105/2015 gli stabilimenti nei quali si realizza una attività di magazzinaggio in via indipendente dalla esecuzione del trasporto, laddove le due condizioni dovessero convivere nella medesima area, è corretto considerare che solo le merci presenti in relazione a questa seconda tipologia di attività dovrebbero essere valutate ai fini dell'applicazione del citato decreto e non anche le prime?

Secondo il Ministero

Laddove le due condizioni, deposito temporaneo intermedio ai fini del trasporto (sosta tecnica) e deposito diverso rispetto a quest'ultimo, dovessero convivere nella medesima area e tutta l'area risulti sottoposta al controllo di un gestore, ovvero le due condizioni coesistano all'interno di uno stabilimento eventualmente insieme ad altri impianti, comprese le infrastrutture o le attività comuni o connesse, tutte le merci pericolose presenti nel deposito (stabilimento) vanno considerate ai fini della verifica di assoggettabilità ai sensi del predetto decreto.



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it