SafetyExpo 2018
SEVESO
Seveso III: magazzinaggio merci pericolose, quando si rientra nel D.Lgs. 105/2015?
fonte: 
Redazione InSic.it
area: 
Tutela ambientale
Seveso III: magazzinaggio merci pericolose, quando si rientra nel D.Lgs. 105/2015? Il ministero dell'ambiente ha pubblicato un nuovo articolato quesito in materia di Seveso III, a cura del Coordinamento per l'uniforme applicazione sul territorio nazionale del D.Lgs. 105/2015 (Seveso III).
Il quesito si articola in due parti: la attività di magazzinaggio di merci pericolose, intesa come sosta tecnica in attesa del ricarico sul mezzo di trasporto rientra nel D.Lgs. n.105/2015? E, in seconda battuta, se l'attività di magazzinaggio convive nella medesima area dove avviene il trasporto, come si applica il Decreto Seveso?

La sosta tecnica: il quesito

Si possono ritenere non sottoposte al D.Lgs. 105/2015 le aziende di trasporto che realizzano una attività di magazzinaggio intesa come sosta tecnica, per tempi più o meno brevi, per le quali le merci pericolose eventualmente presenti (siano esse in magazzino o su veicolo), sono in attesa di essere ricaricate su un nuovo mezzo di trasporto?

Secondo il Ministero

a) L'art. 2 del D.Lgs. 105/2015,al comma 2, lettera c, in merito all'ambito di applicazione, stabilisce che il Decreto non si applica "... al trasporto di sostanze pericolose e al deposito temporaneo intermedio direttamente connesso, su strada, per ferrovia, per idrovia interna e marittima o per via aerea, comprese le attività di carico e scarico e il trasferimento intermodale presso le banchine, i moli o gli scali ferroviari di smistamento e terminali, al di fuori degli stabilimenti soggetti al presente decreto". Pertanto, alla luce della definizione di "deposito temporaneo intermedio" di cui all'art. 3 del suddetto decreto le aziende di trasporto che realizzano una attività di magazzinaggio intesa come sosta tecnica, per tempi più o meno brevi, per le quali le merci pericolose eventualmente presenti (siano esse in magazzino o su veicolo), sono in attesa di essere ricaricate su un nuovo mezzo di trasporto, si possono ritenere non sottoposte alla normativa in oggetto, salvo quanto specificato al punto b).

Compresenza di magazzinaggio e trasporto: il quesito

Considerando che sono sottoposti al regime di cui al D.Lgs. 105/2015 gli stabilimenti nei quali si realizza una attività di magazzinaggio in via indipendente dalla esecuzione del trasporto, laddove le due condizioni dovessero convivere nella medesima area, è corretto considerare che solo le merci presenti in relazione a questa seconda tipologia di attività dovrebbero essere valutate ai fini dell'applicazione del citato decreto e non anche le prime?

Secondo il Ministero

Laddove le due condizioni, deposito temporaneo intermedio ai fini del trasporto (sosta tecnica) e deposito diverso rispetto a quest'ultimo, dovessero convivere nella medesima area e tutta l'area risulti sottoposta al controllo di un gestore, ovvero le due condizioni coesistano all'interno di uno stabilimento eventualmente insieme ad altri impianti, comprese le infrastrutture o le attività comuni o connesse, tutte le merci pericolose presenti nel deposito (stabilimento) vanno considerate ai fini della verifica di assoggettabilità ai sensi del predetto decreto.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: