Norme tecniche per le Costruzioni 2018
QUESITO
Seveso III: come considerare le condotte per il trasporto sostanze pericolose?
fonte: 
Redazione InSic
area: 
Tutela ambientale
Seveso III: come considerare le condotte per il trasporto sostanze pericolose? Sul sito del Ministero dell'Ambiente è stata data risposta a sette quesiti in materia di Seveso III da parte del Coordinamento per l'uniforme applicazione sul territorio nazionale del D.Lgs. 105/2015.
Dopo il primo quesito sulla identificazione come pericolose delle aree di Taranto e Brindisi con Decreti MATTM (da rivedere e sostituire), il quesito n.2/2016 del 10 maggio scorso riguarda le condotte: sono da considerarsi parte dello stabilimento ai sensi della Direttiva Seveso?

Quesito
Il D.lgs. 105/2015 non si applica, come previsto all'articolo 2, comma 2, lettera d), al trasporto di sostanze pericolose in condotte, comprese le stazioni di pompaggio al di fuori degli stabilimenti soggetti al decreto. Ai sensi dell'articolo 3, comma 1, lettera a) del D.lgs 105/2015 è definito come "stabilimento", "tutta l'area sottoposta al controllo di un gestore, nella quale sono presenti sostanze pericolose all'interno di uno o più impianti, comprese le infrastrutture o le attività comuni o connesse...[omissis]". E' definito "impianto", ai sensi dell'articolo 3, comma 1, lettera h) del D.lgs 105/2015, "un'unità tecnica all'interno di uno stabilimento e che si trovi fuori terra o a livello sotterraneo, nel quale sono prodotte, utilizzate, maneggiate o immagazzinate le sostanze pericolose; esso comprende tutte le apparecchiature, le strutture, le condotte, ...[omissis]..... necessari per il funzionamento di tale impianto"
In quali casi le condotte sono da considerarsi come parte dello stabilimento?

Secondo il Ministero dell'Ambiente
Il DLgs. 105/2015 si applica alle condotte per il trasporto di sostanze pericolose che sono da considerare come facenti parte dello stabilimento in quanto connesse funzionalmente agli impianti dello stesso stabilimento e sottoposte al controllo del medesimo gestore. Fermo restando quanto sopra, le condotte destinate al trasporto di sostanze, in entrata o in uscita, al di fuori dello stabilimento, sono considerate come parte dello stesso stabilimento fino al punto di allaccio alla condotta esterna, univocamente individuato da sezionamenti, valvole od altro.

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: