SafetyExpo 2018
IN GAZZETTA
Qualità delle Acque potabili: proroga per il nuovo valore del cromo esavalente
fonte: 
Redazione Banca Dati Sicuromnia
area: 
Tutela ambientale
Qualità delle Acque potabili: proroga per il nuovo valore del cromo esavalente Con DM 6 luglio 2017 viene prorogata al 31 dicembre 2018 l'entrata in vigore del DM 14 novembre 2016 che, in materia di qualità delle acque destinate al consumo umano, fissa il valore di parametro per il cromo esavalente pari a 10 µg/l, accogliendo coì le richieste delle aziende di settore.

La normativa citata e gli articoli di approfondimento sull'argomento sono disponibili sulla nostra sulla Banca Dati Sicuromnia!
Richiedi una settimana di accesso gratuito!.

Il Codice Ambiente prevede per le acque superficiali destinate alla produzione di acqua potabile il valore limite di 50 µg/l per il cromo, e per le «acque sotterranee» una concentrazione soglia di contaminazione di 50 µg/l per il cromo totale e di 5 µg/l per il cromo+6, valore al di sopra del quale occorre la caratterizzazione dei sito e l'analisi del rischio.
Il DM 14 novembre 2016 (la cui entrata in vigore era fissata al 15 luglio 2017) aveva fissato il valore di parametro per il cromo esavalente pari a 10 µg/l, e per questo aveva modificato l'Allegato I del D.Lgs. n.31/2001 (il decreto che attua in italia la Dir. 98/83/CE).

A seguito dell'emanazione del DM 14 novembre 2016, Utilitalia (Federazione delle imprese energetiche idriche ambientali), ha richiesto formalmente al Ministero della salute di valutare la possibilità di una proroga del termine di entrata in vigore del decreto comunicando gli esiti di un'indagine avviata tra i propri consociati al fine di stimare l'impatto della sua entrata in vigore.
Il Ministero della Salute con parere del 19 giugno aveva accolto tale richiesta ed il DM 6 luglio 2017 dispone espressamente la proroga del DM 14 novembre 2016 e del nuovo valore di parametro per il cromo esavalente, al 31 dicembre 2018.

Riferimenti normativi:
DECRETO 6 luglio 2017 del MINISTERO DELLA SALUTE
Proroga dell'entrata in vigore del decreto 14 novembre 2016, recante: «Modifiche all'allegato I del decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 31, recante: "Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano"».
(GU n.164 del 15-7-2017)

Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!

Iscriviti alla newsletter  Scarica l'app di InSic
Leggi su Google Edicola  Iscriviti al feed RSS

 
 
 
Tutta la normativa e la giurisprudenza sulla Banca Dati Sicuromnia: