TASSE E CONTRIBUTI

Pneumatici fuori uso: definito il contributo per il 2015

4 giugno 2015
Redazione InSic

Come ogni anno, il Ministero dell'Ambiente, con decreto direttoriale provvede alla ridefinizione del contributo per la gestione degli pneumatici fuori uso derivanti da demolizione dei veicoli a fine vita.
Per il 2015, il contributo viene fissato dal Decreto Direttoriale 27 maggio 2015, n. 30 (in allegato in formato PDF),ai sensi dell'articolo 7, comma 5, del DM 11 aprile 2011, n. 82, secondo il prospetto riportato nel decreto stesso che assegna il contributo ambientale per veicolo sulla base della tipologia dei pneumatici, del peso e della tipologia dei veicoli utilizzati.
Il Decreto Direttoriale 27 maggio 2015, n. 30 che ha efficacia dal quindicesimo giorno dalla pubblicazione sul sito web del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare (avvenuta il 28 maggio scorso) e sostituisce il precedente Decreto Direttoriale 7 luglio 2014, n. 5171, di approvazione del contributo per la gestione degli pneumatici fuori uso derivanti da demolizione dei veicoli a fine vita per l'anno 2014.

Il Comitato di gestione degli PFU invierà all'Autorità, entro il 31 maggio 2016, il rendiconto economico della gestione dei proventi introitati nell'anno 2015 in applicazione del presente decreto e fisserà entro la fine di maggio il prossimo contributo per i PFU .

La gestione dei pneumatici fuori uso

L'articolo 228, comma 2 del Codice Ambiente, prevede che la gestione dei pneumatici fuori uso sia regolata con apposito decreto del Ministro dell'Ambiente, ovvero il DM 11 aprile 2011, n. 82 con il quale è adottato il regolamento per la gestione degli pneumatici fuori uso. L'articolo 7, comma 2 del DM 82/2011 ha istituito il Comitato di gestione degli PFU provenienti da veicoli fuori uso che, entro il 31 maggio 2015, deve inviare a all'Autorità competente, ovvero la Direzione generale per la tutela del territorio e delle risorse idriche, il rendiconto economico della gestione dei proventi introitati nell'anno 2014 in applicazione del decreto 5171/2014.

Con l'articolo 7 comma 5 del DM 82/2011 si ricorda che è il Comitato a definire l'entità del contributo per la copertura dei costi di raccolta e gestione degli pneumatici dei veicoli a fine vita, mentre con apposito regolamento (contenuto nel Decreto 20 gennaio 2012) sono stati definiti i parametri tecnici per l'individuazione delle diverse categorie di contributo per la copertura dei costi di raccolta e trattamento degli PFU, nonché delle spese relative alla gestione ed alla amministrazione del Comitato e del fondo in cui è versato il contributo (fondo) stesso riscosso dal rivenditore del veicolo all'atto della vendita. Il contributo, ai sensi dell'articolo 7 del DM 82/2011, deve garantire la copertura dei costi di raccolta e gestione degli pneumatici provenienti dai veicoli a fine vita, nonché delle spese relative alla gestione ed alla amministrazione del Comitato e del fondo.

Riferimenti normativi

Decreto Direttoriale 7 luglio 2014, n. 5171
Decreto di approvazione del contributo ai sensi dell'art. 7, comma 5 del Decreto Ministeriale 11 aprile 2011, n. 82
(in allegato il testo del decreto direttoriale)



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.minambiente.it 

Allegati

Decreto Direttoriale 27 maggio 2015, n. 30 - Decreto di approvazione del contributo ai sensi dell'art. 7, comma 5 del DM 11/4/2011 n.82
- dd_27_05_2015_30.pdf (1428 kB)

Potrebbe interessarti anche

Pneumatici fuori uso: accordo Anci-Ecopneus per monitoraggio e controllo
Pneumatici fuori uso, entro il 31 ottobre il calcolo del contributo 2014
Pneumatici fuori uso, indicato l'importo del contributo ambientale