FINANZIAMENTI

Mobilità sostenibile: estensione delle risorse del Fondo Kyoto

9 maggio 2016
Redazione Banca Dati Sicuromnia - http://sicuromnia.epc.it

Con Decreto ministeriale del 2 febbraio 2016, n. 65 il Ministero Ambiente inserisce la mobilità sostenibile fra i settori destinatari dei finanziamenti a tasso agevolato a valere sul Fondo rotativo di Kyoto (istituito dall'articolo 1, comma 1110, della legge 27 dicembre 2006, n. 296).

Il DM modifica il DL n. 83 del 2012 art. 57, che riporta le "Misure per lo sviluppo dell'occupazione giovanile nel settore della green economy" (come convertito dalla Legge 7 agosto 2012, n.134), inserendo fra i settori agevolabili (elencati al comma 1 dell'art. 57) anche "Infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici e per l'erogazione di combustibili alternativi, trasporto collettivo e condiviso, e in generale mobilità sostenibile.".

Finanziamenti a valere sul fondo Kyoto
Ai sensi del nuovo articolo 57 del DL 83/2012 possono essere concessi finanziamenti a tasso agevolato a valere sul Fondo rotativo di Kyoto, a soggetti privati che operano nei seguenti settori:
a) protezione del territorio e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico;
b) ricerca, sviluppo e produzione di biocarburanti di «seconda e terza generazione»;
b-bis) ricerca, sviluppo e produzione mediante bioraffinerie di prodotti intermedi chimici da biomasse e scarti vegetali;
c) ricerca, sviluppo, produzione e installazione di tecnologie nel «solare termico», «solare a concentrazione», «solare termo-dinamico», «solare fotovoltaico», biomasse, biogas e geotermia;
d) incremento dell'efficienza negli usi finali dell'energia nei settori civile, industriale e terziario, compresi gli interventi di social housing.
d-bis) processi di produzione o valorizzazione di prodotti, processi produttivi od organizzativi o servizi che, rispetto alle alternative disponibili, comportino una riduzione dell'inquinamento e dell'uso delle risorse nell'arco dell'intero ciclo di vita.

Accesso ai finanziamenti
Per accedere ai finanziamenti, si legge nel testo dell'art. 57, i progetti di investimento presentati devono prevedere occupazione aggiuntiva a tempo indeterminato di giovani con età non superiore a 35 anni alla data di assunzione. Nel caso di assunzioni superiori a tre unità, almeno un terzo dei posti è riservato a giovani laureati con età non superiore a 28 anni. Per singola impresa richiedente, le nuove assunzioni devono essere aggiuntive rispetto alla media totale degli addetti degli ultimi 12 mesi. I finanziamenti sono erogabili ai progetti di investimento sino a concorrenza della disponibilità del Fondo. Al Fondo affluiscono anche le rate di rimborso dei finanziamenti concessi e, in aggiunta, eventuali risorse comunitarie. (vedi art. 57 par 2 e ssgg)

I finanziamenti a tasso agevolato devono avere durata non superiore a settantadue mesi, ad esclusione di quelli erogati ai soggetti di cui al comma 6, per i quali la durata non può essere superiore a centoventi mesi: si tratta di soggetti titolari di progetti di investimento presentati dalle società ESCO, dagli affidatari di contratti di disponibilità stipulati ai sensi dell'articolo 44 del decreto-legge 24 gennaio 2012 n. 1, nonché dalle società a responsabilità limitata semplificata costituite ai sensi dell'articolo 2463 bis del codice civile e dalle imprese di cui all'articolo 3, comma 4-ter, del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, cui si applica la riduzione del 50% del tasso di interesse di cui al decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 17 novembre 2009.

Riferimenti normativi
MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
DECRETO 2 febbraio 2016, n. 65
Regolamento recante integrazione dei settori ai quali possono essere concessi finanziamenti a tasso agevolato a valere sul Fondo rotativo di Kyoto, istituito dall'articolo 1, comma 1110, della legge 27 dicembre 2006, n. 296. (Legge finanziaria 2007). (16G00073) (GU n.105 del 6-5-2016)
Vigente al: 21-5-2016



Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.gazzettaufficiale.it 

Potrebbe interessarti anche

Efficientamento edifici scolastici: riprogrammate le risorse Kyoto
Verso la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2015
Fondo rotativo "Kyoto": il commento del Ministro