Tutela Ambientale
 IN GAZZETTA
Legge di Bilancio 2018: dal risanamento del territorio alla proroga SISTRI
3 gennaio 2018
fonte: 
area: Tutela ambientale
Legge di Bilancio 2018: dal risanamento del territorio alla proroga SISTRI La Legge di Bilancio 2018 (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) in vigore dal 1 gennaio 2018 contiene specifiche disposizioni in materia di ambiente e territorio (incidendo su aree protette e sul settore idrico). Non mancano le disposizioni in materia di rifiuti e di fiscalità verde (credito d'imposta del 36% alle imprese che acquistano prodotti realizzati con materiali derivati da plastiche) e la consueta proroga SISTRI al 31 dicembre 2018 per la quale si interviene con una modifica al Testo unico Ambiente.

Ambiente e territorio
Per il sostegno agli investimenti in materia ambientale è rifinanziato il fondo per gli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese. Nel corso dell'esame parlamentare, è stata prevista la possibilità di destinare, a valere sulle risorse del Fondo, una quota annua pari a 70 milioni di euro al finanziamento degli interventi individuati dal Piano stralcio aree metropolitane e aree urbane con alto livello di popolazione esposta al rischio di alluvione, e non ancora finanziati, nonché degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico nelle Regioni del Centro-Nord.
Per il triennio 2018-2020, sono assegnati contributi ai comuni per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e del territorio e, dal 2018, sono previsti 10 milioni di euro per i piccoli comuni per interventi di tutela dell'ambiente e mitigazione del rischio idrogeologico.
(Si veda il punto 1073).

Risanamento e bonifiche
Si prevede, per l'anno 2018, una detrazione del 36 per cento (nel limite di 5.000 euro) per interventi di "sistemazione a verde" di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni. (Si veda il punto 20)
Viene istituito un fondo per la messa in sicurezza e il risanamento dei siti con presenza di rifiuti radioattivi, con risorse pari a 5 milioni di euro annui per il triennio 2018-2020. (Si veda il punto 536)
E' stata prevista l'istituzione di un Fondo, finalizzato all'erogazione di contributi ai comuni, per l'integrazione delle risorse necessarie agli interventi di demolizione di opere abusive (con una dotazione di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018 e 2019, n.d.r.) e della banca dati nazionale sull'abusivismo edilizio (per la quale viene autorizzata la spesa di 500.000 euro a decorrere dall'anno 2019 n.d.r.). (Si veda il punto 26 e 27)
Le funzioni di regolazione e controllo del ciclo dei rifiuti sono assegnate all'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico, che assume la denominazione di Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (ARERA) e sono previste risorse per le Autorità di bacino distrettuali. (Si veda il punto 528)

Per gli interventi di riqualificazione energetica, recupero edilizio e misure antisismiche, sono prorogate fino al 31 dicembre 2018 sia la detrazione al 50 per cento per la ristrutturazione edilizia, sia la detrazione al 65 per cento (c.d. ecobonus). (Si veda diffusamente il punto 3)

Aree protette e risorse idriche
Diversi sono gli interventi previsti in materia di aree protette, per l'Ente parco nazionale del Vesuvio, in relazione alla realizzazione del Grande progetto Pompei (si veda il punto 767), e per l'istituzione del Parco del Delta del Po (punto 129) e dei Parchi nazionali del Matese e di Portofino (punto 1116 e ss.gg.). Nel corso dell'esame parlamentare, è stato previsto di destinare una quota dei proventi delle aste per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra al finanziamento delle attività relative al programma triennale per le aree naturali protette.
In materia di risorse e infrastrutture idriche, si prevede l'adozione di un Piano nazionale di interventi nel settore idrico (punto 516) e, nelle more della sua adozione, di un Piano straordinario per la realizzazione degli interventi urgenti in stato di progettazione definitiva, per una spesa di 50 milioni per ciascuno degli anni 2018-2022.
Per le concessioni di grande derivazione a scopo idroelettrico nelle province di Bolzano e di Trento si prevede, tra l'altro, la proroga di diritto delle concessioni indicate nella norma per il periodo utile al completamento delle procedure di evidenza pubblica e comunque non oltre il 31 dicembre 2022 (punto 697).

Fiscalità ambientale
Inoltre la Legge di Bilancio prevede
• riconoscimento di un credito d'imposta del 36 per cento alle imprese che acquistano prodotti realizzati con materiali derivati da plastiche miste provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi o da selezioni di rifiuti urbani residui (punto 96);
• che le risorse destinate dai Patti per lo sviluppo al riguardanti il rischio idrogeologico confluiscano nelle contabilità speciali intestate ai Presidenti delle Regioni (punto 519);
• di destinare una quota del gettito del tributo speciale per il deposito in discarica ai comuni ove sono ubicati le discariche o gli impianti di incenerimento interessati dal disagio provocato dalla presenza dell'impianto (punto 531); alla produzione e alla commercializzazione dei bastoncini per la pulizia delle orecchie (punto 534)in materiale biodegradabile e compostabile, nonché dei prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente che non contengono microplastiche (punto 543);

Proroghe SISTRI
La Legge di Bilancio proroga al 31 dicembre 2018 il periodo in cui continuano ad applicarsi gli adempimenti e gli obblighi relativi alla gestione dei rifiuti antecedenti alla disciplina del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) e non si applicano le relative sanzioni, e a introdurre norme volte alla semplificazione del procedimento di tracciabilità dei rifiuti e al recupero dei contributi dovuti in materia di SISTRI.
Si veda il punto 1135 dove si dispone la modifica al capo I del titolo I della parte quarta del Testo unico Ambiente /D.Lgs. n.152/2006): dopo l'articolo 194 e' aggiunto l'Art. 194-bis (Semplificazione del procedimento di tracciabilita' dei rifiuti e per il recupero dei contributi dovuti per il SISTRI).

Riferimenti normativi:
LEGGE 27 dicembre 2017, n. 205
Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020.
(GU Serie Generale n.302 del 29-12-2017 - Suppl. Ordinario n. 62)
Entrata in vigore del provvedimento: 01/01/2018

Per maggiori informazioni  
consulta il sito www.camera.it 
Selezionate per te da InSic
Hai trovato questo contenuto interessante? Rimani sempre aggiornato!